Annunci

#Parma – processo per stupro di gruppo: Claudia non è sola!

Domani Claudia dovrà subire forse la penultima udienza del processo per stupro di gruppo per il cui reato sono accusati alcuni membri della rete antifascista di Parma. Vittima fu una compagna in stato di incoscienza, oltretutto filmata mentre avveniva tutto ed è quel video, messo in circolazione per divertimento, che mostra tutto l’orrore che ha dovuto subire.

Della vicenda abbiamo parlato grazie a chi ha, finalmente, dopo anni di dileggio, ostracismo, isolamento imposto a Claudia, raccolto la sua versione dei fatti. Il video era stato acquisito come prova nell’ambito di un’altra indagine. In termini giudiziari il video diventa una prova d’accusa per un processo che non è ancora finito.

Per noi, compagne e compagni che consideriamo lo stupro un vero e proprio atto di fascismo, non serve un processo per analizzare la situazione che ha coinvolto suo malgrado Claudia. Il fatto che una ragazza sia stata vittima di una così grande prevaricazione, mollata lì nuda, da sola, e che poi, grazie al video messo in circolazione, ha dovuto allontanarsi – lei – dagli spazi militanti perché in tanti e tante, appartenenti al movimento antifascista, hanno deciso che lei fosse l’infame, la cattiva, non la vittima, per quel che ci riguarda è più che abbastanza. E’ sessismo nel movimento quello che porta alla conclusione per cui Claudia sia solo una poco di buono, chiamata “fumogeno” per un po’ di tempo, per via dell’attrezzo del quale si sono serviti per penetrarla.

Dove stavano tutte le persone antisessiste di Parma in quegli anni? Quando Claudia era rimasta sola, mentre gli accusati potevano serenamente continuare a frequentare gli spazi militanti? Quanta omertà è stata imposta su questa vicenda? E, infine, quanto coraggio c’è voluto perché questa ragazza rialzasse la testa contro una serie di pressioni, a volte minacce, accuse moraliste? Sicuramente tantissimo e tuttora continua coraggiosamente ad andare avanti affrontando un processo kafkiano in cui è lei la carnefice.

A parte tutti i vari “se l’è cercata”, giustificati perfino da un perito psichiatra che avrebbe raccontato di lei conclusioni tratte senza neppure averla incontrata, così come dice un articolo su Umanità Nova, quello che restava evidente era la solitudine. Dove stava il supporto destinato a questa ragazza? E’ arrivato, infine, quando è venuta fuori questa storia, ovvero la versione di Claudia e in tante hanno cominciato a raggiungerla fuori dal tribunale ogni qual volta si celebrava una udienza.

Quello che va comunque ancora sottolineato, sebbene appaia ora superfluo farlo, è la dinamica per nulla militante, i metodi usati anche per la difesa di queste persone, che lasciano venir giù il sangue dagli occhi. Antifascisti? Accusati di stupro? E usano la psichiatrizzazione della vittima per screditarla? Quale strumento più autoritario può esserci per denigrare una donna? Dimostrare teoricamente che lei sia pazza perciò incline a mettersi nei guai non costituisce neppure un’attenuante. Semmai un’aggravante. Lei è presente a se stessa, fragile, sola, ora meno sola e un po’ più forte. Se tuttavia fosse stata realmente incapace di intendere e volere, l’azione dello stupro, non sarebbe da considerarsi perfino più grave?

Quale spettacolo deve essere questo arrampicarsi sugli specchi improvvisamente diventati troppo scivolosi perfino per chi immaginava di poterci sciare sopra. Quale pena deve essere guardare gli imputati scambiarsi sorrisini. Noi non siamo dentro quel tribunale, con Claudia, a darle la forza di resistere a tutto questo, ma qui fuori il mondo è con lei e non perdona nessuno, in special modo chi nel contesto militante insiste nell’attribuirle colpe che non ha.

Un abbraccio fortissimo a Claudia e alle persone che la supportano e che mai si sono arrese neppure dopo tutto il mobbing sociale subito.

Siamo qui fuori e ti aspettiamo, libera, forte, sicura del fatto che non sei e non sarai mai più sola.

Abbatto i Muri

—>>>Segnaliamo su Facebook una #Lovestorm con hashtag #IoStoConClaudia. QUI le foto.

Leggi anche:

Comunicato della Federazione Anarchica Milanese sui fatti di Parma
#Parma: combattere il fascismo qualunque maschera indossi
Stupri e sessismo nei movimenti: comunicato di Queers of Chaos
Comunicato sui brutti fatti di #Parma: Claudia non sei sola!
Solidarietà da Pisa sui fatti di Parma
#SessismoNelMovimento: non solo parole ma iniziative rumorose
#Parma #NoiStiamoConDebora: un aggiornamento da Guerriere Sailor e Romantik Punx!
Chi stupra non è un compagno
Solidarietà dal Csoa Forte prenestino
Comunicato sui fatti di Parma di Radio Black Out
Un testo di Finimondo.org
Circa i fatti di Parma nella sede della RAF: come riparare 4 crepe prima che qualcosa si rompa per sempre
#NoiStiamoConClaudia: Infame è chi stupra e chi ne è complice, anche restando in silenzio!
Comunicato di solidarietà e di impegno antisessista di Art Lab Occupato a #Parma alla ragazza vittima di #violenza
Comunicato di solidarietà dalle Mujeres Libres di Bologna
Stupro di gruppo a Parma: la violenza è sempre fascista
Ai compagni e alle compagne di #Parma: restituite agibilità politica alla vittima di violenza
Ancora sui fatti di #Parma: cosa vuol dire essere vittime di abusi
Intervista su Radio Onda Rossa (audio)
Comunicato RoR su stupro di gruppo a Parma
Infoaut sui fatti di Parma
A proposito dello stupro di gruppo a Parma 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: