Annunci

Identità politica dello stupratore e stereotipi sessisti

Lui scrive:

“Ciao Eretica,

un amico mi ha girato un link di un post relativo ad Assange, le accuse di stupro e il pseudo dibattito online;

http://laurie-penny.com/its-trigger-warning-week/

Ora, con tutto il rispetto per chi condivide pubblicamente i proprio traumi, devo confessare che in realta’ mi son fermato alle prime righe. Ho provato a leggere fino in fondo e la storia personale di Laurie e’ agghiacciante, pero’ quando da’ la prima definizione di stupro mi crea un blocco (tipo campanello d’allarme) giacché sembra si possa parlare di stupro solo se c’è di mezzo un pene. Io ho sempre pensato che il fattore discriminante fosse la violenza o la coercizione (“senza consenso”) e non il genere delle persone coinvolte.

Ma Laurie sembra dire che focalizzare l’attenzione sul consenso sia sbagliato (non capisco).

Il machismo e’ una costruzione culturale o una conseguenza biologica? Credo che ci sia una grossa differenza tra le due posizioni e cio’ che ne consegue da un punto di vista più generale.

Per me il machismo e’ un’identita’ di genere (di “degenere” suonerebbe meglio), socialmente e storicamente dominante (in senso politico classico) e per eliminarlo dovremmo cercare di mettere le persone, astratte, al centro, a prescindere dalla loro identita’ sessuale perche’ la violenza e’ sempre violenza (e il linguaggio e’ sempre prescrittivo): non importa da chi arrivi ma se nei modelli culturali che utilizziamo si crea gia’ uno stereotipo dello stupratore (o delle situazioni) diventa poi difficile riconoscere quando questo avviene in situazioni/modi diversi. Credo sia anche il punto di Laurie (nice guys also rape) ma mi sembra che il suo rimanga principalmente uno sfogo personale ed emotivo (ripeto sul piano emotivo sono 200% d’accordo con lei) ma che a livello intellettuale vada un po’ a casaccio.

Quello che vorrei dire: elaborazione del trauma e analisi socio-politica andrebbero distinte. Lo so che il personale e’ politico ma bisogna anche trovare il modo di sintetizzarlo ed esprimerlo in maniera “politica” se no rimane uno sfogo personale che puo’ prestare il fianco a strumentalizzazioni o cortocircuiti (onestamente se il machismo venisse considerato una conseguenza biologica dovrei pensare che la sessualita’ e’ data solo dal sesso biologico e buttiamo nel cesso tutta l’elaborazione sul genere portata avanti a fatica fino ad ora).

Grazie del tempo che dedichi per creare uno spazio di dibattito importante e condivisione di contenuti sani.

Buon sole,
L.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: