Annunci

Sentenza di cassazione: mantenimento non più in rispetto del precedente tenore di vita

La sentenza di cassazione che decide che non si deve più valutare la cifra sul mantenimento dell’ex in relazione al precedente tenore di vita non piace ad alcune femministe che ritengono, ancora, sia necessario favorire una modalità patriarcale e paternalista che giudica le donne vittime e bisognose di tutela da parte dell’ex.

Piuttosto che rivendicare la continuità con uno schema ancora patriarcale si potrebbe ragionare del fatto che va garantita l’autonomia della donna, autonomia che va negoziata con governi e imprese, datori di lavoro e luoghi di formazione, famiglie che non condividono i ruoli di cura e lasciano alle donne il peso di tutte le faccende che riguardano, per l’appunto, questioni riproduttive e di cura.

Quel mantenimento fu rivendicazione basata sul fatto che la società dell’epoca in cui fu approvata la legge sul divorzio era ancora lo specchio di una mentalità e una cultura sessista ragion per cui serviva assicurare denaro alla donna che doveva, anche dopo la separazione e il divorzio, prendersi cura dei figli a tempo pieno. Fu una resa rispetto ad altre possibili rivendicazioni che a mio avviso sono contenute oggi nelle richieste di donne che piuttosto vogliono che i padri si assumano le proprie responsabilità prima e dopo il divorzio affinché le donne possano costruire e realizzare la propria autonomia economica senza mantenere stretto quel filo di dipendenza che spesso impedisce a donne che subiscono violenza di dover restare legate a uomini violenti.

Affermare che la donna ha bisogno di essere mantenuta dall’ex significa dare una mano allo Stato, alle istituzioni patriarcali, che gettano tutto il peso del divorzio sulle spalle di una coppia che alla meglio supererà il problema con un po’ di buon senso ma alla peggio rimarrà in attesa di una sentenza litigiosa che danneggerà entrambi.

La questione del rispetto del precedente tenore di vita è una cavolata che corrisponde alla mentalità che ho descritto. Fare in modo che le donne restino fedeli ai propri ruoli anche dopo il divorzio con l’uomo che liquida una sorta di stipendio in sostituzione di uno Stato che non fornisce adeguate risorse e servizi per consentire ad una donna di rendersi indipendente.

E’ una cavolata anche perché dopo una separazione, quando non parliamo di divorzio tra persone straricche, i due ex coniugi, probabilmente precari, avranno il loro bel da fare per provare a campare alla meglio con i soldi che hanno. Un conto è dover stare nella stessa casa, pagare lo stesso affitto o un solo mutuo e fare la spesa per mangiare insieme e un altro conto è abitare in posto diversi, fare la spesa due volte e dover raddoppiare il costo della vita tenendo anche conto del mantenimento che si deve dare ai figli.

Figli che non è detto debbano restare con la madre, anzi. Ci sono padri che vogliono occuparsene e già lo fanno in accordo con le loro ex che hanno così tempo e modo di realizzare un’indipendenza nel lavoro, nella vita, nel privato. Ci sono però anche quei genitori che non mollano i figli e li tengono in ostaggio per ricavare quel che possono dopo una separazione. Chi ha l’affido prevalente dei figli può ottenere la casa, per continuità a beneficio dei figli, e può ottenere la gestione del mantenimento per i figli e per se’. Parlo di “genitori” perché a tenere a volte in ostaggio i figli possono essere entrambi, madri o padri.

Con questa mentalità che continua a lasciare tutto così come sta, esattamente allo stesso punto in cui le donne erano prima, ad elemosinare benefici, sebbene sia più che giusto che una donna che ha rinunciato alla carriera per la famiglia debba essere in qualche modo risarcita, a dimostrarsi vittime e a ottenere il disprezzo degli ex che non comprendono il significato di alcune scelte.

Restare attaccate ad una cultura patriarcale spacciandola per femminista è un errore, grave, a mio avviso, e come tale andrebbe considerato. Si può e si dovrebbe mettere tutto in discussione a partire dalla divisione dei compiti e delle responsabilità, senza mostrare attaccamento rispetto ai ruoli anacronistici che vanno superati con un progredire di riforme utili anche a noi.

Perciò vedo bene questa sentenza e spero che altre comprenderanno il valore di tutto questo. Non c’è un tenore di vita da mantenere ma un’autonomia da recuperare, per essere persone che combattono per la propria indipendenza e non per affermare il presunto diritto al mantenimento da parte di un ex coniuge che in quanto ex dovrebbe restare fuori dalla vita della donna che potrà puntare verso altri e più meravigliosi obiettivi.

Obiettivi che – spero – non siano un nuovo matrimonio per assicurarsi una ulteriore fonte di reddito. Essere indipendenti e darsi più valore ha un prezzo, innanzitutto quello di lasciare il passato al passato e di rinnovare il futuro per diventare finalmente non “mantenute” ma lavoratrici, autonome, fiere, indipendenti, orgogliose per se stesse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: