Annunci

Stuprata: mi sento sporca, interrotta, in colpa

Lei scrive:

“Ciao Eretica,
inizialmente desideravo scriverti per raccontarti di un’esperienza magnifica vissuta l’8 Marzo: sono una studentessa fuori sede al primo anno e sono passata dall’ambiente di un paesino chiuso e bigotto ad un ambiente di larghe vedute e ricco culturalmente che è la città in cui vivo. Sfortunatamente non ho potuto prendere parte alla giornata dell’8 Marzo per motivi di salute (per nulla gravi) ma ho avuto il piacere di assistere al corteo del pomeriggio: che dire?

Malgrado l’influenza stavo lì, con la finestra aperta e quasi con le lacrime agli occhi ad osservare tutte quelle persone lì, insieme, che credevano e manifestavano per le stesse cose, persone di cui condividevo le idee e finalmente mi sono sentita meno sola, meno diversa; al liceo, dove pur essendo molto timida mostravo con fierezza le mie idee, venivo spesso presa in giro, additata come la “pazza femminista” e ad essere sincera c’erano momenti in cui credevo pure io di essere nel torto e passavo intere giornate a riflettere sulle mie idee e sulle mie parole temendo magari di essermi fatta trascinare un po’ troppo, insomma credevo di essere sbagliata. Tutto però è fortunatamente cambiato alla vista di quel meraviglioso corteo che mi ha riempito di forza e voglia di continuare a credere nei miei ideali e a combattere per abbattere tutti i muri della nostra società.

Vorrei tanto terminare così questo messaggio, avrei tanto voluto terminarlo così ma ahimè questa settimana sono stata vittima di due vicende particolarmente traumatiche: lunedì pomeriggio mi trovavo ad un evento quando un uomo, approfittando della confusione, ha provato ad infilare le mani in mezzo alle mie gambe: orrore, nausea e un’ansia pazzesca mi hanno letteralmente bloccata, tant’è che l’unica cosa che sono stata in grado di dire è stata: “Vattene via immediatamente”; a mente più serena ho capito che avrei dovuto chiamare qualcuno magari, ma sul momento non ho saputo fare altro. Superato lo shock iniziale ho pensato che la mia settimana e più in generale la mia vita avrebbe continuato a scorrere serenamente. Mi sbagliavo. Venerdì notte dei vili hanno abusato di me.

Non voglio raccontare la storia perché non mi sento ancora pronta e, benché non fossi particolarmente ubriaca, della vicenda non ricordo quasi nulla se non le mie lacrime e la paura che ho provato quando uno dei due ha dichiarato di voler tanto un cellulare per filmare la scena. Non sono stata in grado di reagire, la paura mi ha bloccato e ho subito quasi tutto in silenzio. La mia famiglia e il mio ragazzo non sanno niente, non voglio dire nulla a loro perché sono quasi del tutto sicura che troverebbero comunque qualche colpa nelle mie azioni e cercherebbero di “tagliarmi le ali” ora che finalmente cominciavo ad essere felice di me e della donna che sto via via diventando. Un amico con cui ho parlato continua a ripetermi che io non ho colpe, eppure sento qualcosa di sbagliato in me e provo vergogna a guardare la gente negli occhi ormai, mi sento sporca e ho come l’impressione che per certi punti di vista la mia vita sia stata interrotta. Se la mattina seguente non fosse stato per un amico io probabilmente avrei combinato qualche cazzata perché, sebbene io cerchi in tutti i modi di convincermi di non aver fatto nulla di male, sento di aver sbagliato.

Ho paura, davvero paura e mi sento diversa. Ma voglio cambiare, non voglio morire dentro ed è per questo che ti scrivo.

Grazie Eretica per quello che fai ogni giorno e grazie a chi cerca ogni giorno di abbattere i muri, se oggi sono quella che sono e se oggi posso dire di stare più a mio agio con me stessa lo devo anche e soprattutto a voi. Da oggi ho deciso di ripartire da questa vicenda orribile e cercare di migliorare la nostra società in maniera più attiva, voglio lottare e vincere. Sarà dura, ma cercherò di stringere i denti e andare avanti.
Grazie ancora per tutto e l’unico favore che ti chiedo in questo momento è l’anonimato. “

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: