Buenos Aires – Tetazo – La libertà di stare in spiaggia in topless

16650371_10154467695788722_375199213_n

Un sabato dell’ultimo fine settimana di gennaio, tre donne sono state allontanate da una spiaggia pubblica a Necochea (Argentina) da 20 agenti e 6 volanti per aver preso il sole in topless. Verrebbe da chiedersi se non sia il titolo di un post di “Lercio”… Non può essere vero. Si devono essere sbagliati a riportare i fatti.

Sicuramente queste tre persone avranno commesso qualcosa di ben più grave. Invece no. E’ stato necessario un tale spiegamento di forze dell’ordine per controllare queste “sovversive” e finalmente riportare l’ordine in spiaggia.
Alcuni video che riprendevano la scena in spiaggia sono diventati virali, con ciò che ne consegue. E subito in risposta all’espulsione delle tre turiste, martedì 7 febbraio centinaia di donne hanno manifestato in diverse città argentine con un “tetazo” (a torso nudo) per chiedere la “sovranità” sul proprio corpo e rivendicare un cambiamento culturale per non essere più considerate un oggetto.
Questi sono i fatti che ho seguito sui quotidiani e sui social.

Mi trovo a Buenos Aires da qualche mese, alla ricerca di nuove opportunità. Sono una trentenne italiana come tante altre. Il vento mi ha portata fino a questa parte del mondo dopo aver conosciuto altri paesi e modi di vita. Posti a volte molto differenti tra loro, ma con un comune denominatore. Ogni luogo in cui ho vissuto e quasi ogni ambiente in cui mi sono mossa fin’ora mi ha sempre ricordato che prima di tutto sono una donna. Donna, ancora prima di persona. Donna in quanto non-uomo, proprio perché l’uomo non ha bisogno di definirsi uomo (nel senso di sesso maschile). Quando un uomo afferma di essere un uomo, lo intende come sinonimo di persona. Per noi donne non è così.

La differenza fra uomo e donna c’è. Esiste! In certi casi può sembrare un abisso. Non è vero che la parità è stata raggiunta. L’uomo è libero di esibire il proprio petto in spiaggia, la donna no. Il corpo della donna, sempre diverso da quello dell’uomo, va coperto per non ferire la decenza pubblica e non provocare gli spiriti maschili. Il corpo della donna da proteggere dalle aggressioni dell’uomo. Quindi il corpo della donne che, quando si scopre più di quanto l’uomo permette, è colpevole di ciò che subisce. Ma anche il corpo della donna che si copre troppo non va bene, perché si copre più di quanto all’uomo piace. Il corpo della donna bella e sensuale, da mostrare, da esibire, da vendere. Le nostre possibilità sono più limitate rispetto a quelle dell’uomo e viene da chiedersi se in fondo siamo realmente libere.
Questa è la cultura nella quale mi sono sempre mossa. Una cultura stretta, soffocante.

L’Argentina riprende perfettamente il filo conduttore già sperimentato negli altri paesi in cui ho vissuto. E dico perfettamente perché qui il maschilismo si percepisce, lo si può vedere, ascoltare, subire per strada quotidianamente. Spesso sento di “rischiare” in base alla scelta della strada che prendo per spostarmi da A a B anche in pieno giorno. Qui quasi tutte le scelte che prendo, sono dettate dalla consapevolezza di essere una donna. Sono una donna, sono fragile, mi devo proteggere e fare le scelte giuste. E’ un ragionamente che sta così alla base della maggior parte delle nostre scelte, che non ci facciamo più caso.

Quindi anche andare in spiaggia diventa una cosa su cui riflettere molto. Proprio a gennaio ho passato qualche giorno nelle spiagge della costa, a Mar del Plata. E, nonostante io sia abituata ad alternare il bikini al topless durante le mie giornate al mare, ho immediatamente percepito che qui non potevo. Non potevo proprio. Gli sguardi degli estranei sono insistenti, ti si piantano addosso come oggetti appuntiti, ti parlano, ti giudicano. E allora ho deciso (non liberamente) di mantenere addosso il mio bikini per passare una giornata tranquilla, al salvo.
Giorni dopo, quando ho visto il video delle tre ragazze di Necochea, ho provato tanta rabbia per ciò che era successo e allo stesso tempo una profonda ammirazione per il loro coraggio. Forza e determinazione rare. Ho visto tre donne libere, rifiutarsi di lasciare la spiaggia, manifestare il loro diritto ad essere uguali all’uomo di fronte alla legge, di fronte alla morale, di fronte alla società in cui vivono.

E finalmente mi sono sentita più libera. Libera e desiderosa di esprimere pubblicamente e a gran voce il mio dissenso a questo tipo di cultura che ci censura, che ci controlla e che ci spaventa. Ho partecipato anch’io al tetazo in solidarietà a queste tre combattenti, ma anche per me stessa e per tutte noi, generazioni presenti e future.

La manifestazione è stata convocata per le 17:00 sotto all’Obelisco di Buenos Aires, così come in altre città argentine. Puntuale, pacifica, bella, allegra ed eterogenea. Tanti visi sorridenti esprimere il loro dissenso a gran voce fino a sera. Donne a petto nudo, con i capezzoli colorati come fiori, in reggiseno o vestite, uomini anch’essi a petto nudo, vestiti o in reggiseno sotto lo slogan di “Si ellas no pueden, nosotros tampoco” (se loro non possono, nemmeno noi). Messaggi forti dipinti direttamente sulla pelle, cartelli dai toni duri e altri con giochi di parole irriverenti.

Rivendicare l’uguaglianza, dissentire di fronte ad un’evidente ingiustizia, manifestare la volontà di un miglioramento culturale, denunciare la violenza machista. Questo è stato il tetazo del 7 marzo in Argentina.

Come sempre la speranza è l’ultima a morire. La denuncia per esibizionismo contro le tre donne ha ottenuto come risultato una sentenza a loro favore. Il giudice ha immediatamente archiviato il caso e ha accompagnato la sua decisione con una splendida risoluzione (che consiglio a tutti di leggere) ed un invito alla legislatura bonaerense ad aggiornare un codice che risale all’ultima terribile dittatura.

Per concludere, ne riporto qui la traduzione di un paragrafo: “Una società diversificata e plurale non può aspirare all’unanimità delle opinioni. Ciò avviene solo nei regimi dittatoriali. Difficilmente ci metteremo d’accordo sulla nudità e su come praticarla. Perciò è necessario trovare punti di convivenza che ci consentano di avanzare verso modelli di società più libere, in cui esistano maggiori possibilità di esercitare i diritti e realizzarsi individualmente. Ed è inoltre necessario abbandonare certe ipocrisie che condannano una ragazza in topless in spiaggia, ma che girano lo sguardo di fronte ad atti di inusuale gravità.”

Buona lotta a tutti,
Cristina

—>>> altre foto della Tetazo realizzata a Rosario QUI – ne pubblichiamo alcune in basso.

Dalla tetazo di Buenos Aires

16684661_10154467698793722_142474160_n16683336_10154467702128722_155285374_n

16683282_10154467701383722_207066580_n 16683179_10154467686493722_509354561_n

16683086_10154467687988722_340742509_n 16667377_10154467698238722_2033541671_o

16667136_10154467687763722_1833076713_o 16652553_10154467701508722_963205718_n

16651271_10154467685408722_1837599845_o 16650565_10154467686918722_1080753803_n

16650316_10154467700973722_1335476949_n 16586603_10154467696833722_1893674000_o

16559323_10154467702033722_969197564_n 16559309_10154467702153722_356609738_n

16559308_10154467701468722_1982143538_n 16559095_10154467686083722_1345259643_n

Dalla tetazo di Rosario (foto di Linea F.)

16472966_1364679280221746_1664974293882887073_n 16473252_1364679253555082_3477137267797358066_n

16473438_1364679110221763_5047219232080531620_n 16473524_1364679246888416_2418221021812251156_n

16473763_1364679806888360_647614566776876462_n 16473850_1364897316866609_6306195369139621643_n

16508215_1364897446866596_2866436438906149290_n 16508260_1364680273554980_8604726546120309035_n

16508267_1364678736888467_2028405762129736210_n 16508298_1364678520221822_8953306590457932033_n

16508455_1364679970221677_6357967890992510596_n 16508592_1364682120221462_8599602676764254221_n

16508799_1364678676888473_5151036513781161267_n 16508933_1364897433533264_8979314554475593277_n

16602610_1364897193533288_3277290507070820092_n 16602818_1364899683533039_5542214689251745025_n

16603082_1364678503555157_9085450070653283962_n 16603082_1364680190221655_6065407400746204708_n

16603092_1364679960221678_272263887912047791_n 16603153_1364679090221765_5483335592179525505_n

16640584_1364682123554795_6714842359094535172_n 16641080_1364679573555050_7129880368599548593_n

16641095_1364897306866610_3520861492659691883_n 16649108_1364678513555156_2661043417146762237_n

16708321_1364897196866621_3592595229943498570_n

Advertisements

Comments

  1. TETAZO
    che splendida parola!

    Come la vorremmo tradurre?
    Tettanza?
    Tettarìa?
    Tettéo?

    Mi piaceeeeee

    • Eleonora Ingrassia,
      sono d’accordo con te! Tetazo è una bella parola. Ho provato a creare una parola in italiano che esprimesse lo stesso concetto. “Teta” è tetta, ovviamente. E il suffisso -azo, da un lato è un aumentativo, dall’altro dà l’idea di qualcosa di violento e rumoroso come un colpo.
      Per esempio, in Argentina si una spesso la parola “golazo” per indicare un goal fantastico, “montonazo” per indicare un’enorme quantità di qualcosa.
      In italiano non lo tradurrei mai con tettazzo, perché -azzo è dispregiativo, nonostante l’assonanza. E qualsiasi altro suffisso italiano mi sembra che non si possa adattare al concetto di partenza.
      Lo lasciamo così com’è? 🙂 TETAZO tutta la vita insomma.

  2. tetazo significa a tette nude
    e io sono d’accordo con loro…l’episodio dell’intervento della polizia è incredibile
    e ho visto in giro un video, poichè alcune persone presenti in spiaggia hanno ripreso tutta la scena.
    L’unico sistema per vincere questo bigottismo è semplicemente girare a torso nudo, come
    girano i maschi fino a quando questi bigotti sessuofobi con grossi problemi psicologici non
    la pianteranno di dire alle donne quello che è giusto fare.
    solidarietà

Trackbacks

  1. […] Sorgente: Buenos Aires – Tetazo – La libertà di stare in spiaggia in topless – Al di là del Buco […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: