Del contenuto della “Bibbia 3.0” si dice che sia una vera merda!

Inizia così: abbiamo parlato di foto sottratte a ragazze che le hanno consegnate a persone conosciute in rete o a fidanzati ora diventati ex. Le foto finiscono dritte in gruppi in cui le ragazze, bene che gli vada, vengono raggruppate sotto il thread #cagne o #troie. Come se fosse orribile di per se’ che queste ragazze esprimano la propria sessualità. Il ragazzo è ganzo, perfino l’ex fidanzato che pratica revenge porn è ganzissimo, e le ragazze invece dovrebbero coprirsi. La storia non sta così e abbiamo voluto dirlo con una campagna di comunicazione che invita le donne a essere libere perché il punto non sta nella loro presunta “colpa” per essersi scoperte ma nei reati commessi da uomini/ragazzi che amano violare la privacy di queste donne, fare cyberbullismo su di loro, obbligarle alla vergogna e istigare al suicidio, come è avvenuto per Tiziana Cantone. Ci chiediamo ancora perché mai questi ragazzi abbiano bisogno di questa prova di potere, uno stupro del consenso non dato alla pubblicazione delle foto, per farsi una sega proibita, quando esistono tantissimi spazi porno che potrebbero essere giusti per l’uso. In quegli spazi ci sono donne che hanno dato il consenso per il fatto di recitare in immagini e video. Ma la cosa non interessa ai divi della sottrazione di immagini e della violazione della privacy. Alcune ragazze ci hanno scritto per dirci che hanno denunciato la questione e che hanno dato il via a indagini che non sappiamo a cosa porteranno.

Tra queste ragazze c’è chi ci ha segnalato l’esistenza della cartella chiamata “Bibbia 3.0”, dove si possono trovare immagini di ragazze (anche minorenni?) con tanto di nomi e cognomi o volti riconoscibili. Sono immagini ottenute per tradimento della fiducia concessa e inserite in un elenco in cui la numerazione pare proprio come quella che i nazisti davano agli ebrei nei campi di concentramento. Non sono persone, sono numeri. Sono mezzi per dimostrare qualcosa al branco o a se stessi o chi lo sa.

Ci era stato detto che la Bibbia 3.0 era stata spostata di indirizzo. Qualcuno ci ha segnalato che chi la pubblicava si starebbe nascondendo dietro la rete Tor. Non possiamo verificare e dunque speriamo che sia una notizia reale. Così lui scrive:

“Ciao Eretica, ti scrivo in merito a quelle merde della Bibbia 3.0, hanno iniziato a nascondersi dietro alla rete TOR ma siccome sono incompetenti non è stato difficile risalire al gestore del server a cui si appoggiano (http://www.trabia.com, la mail per segnalare abusi è  email@trabia.com).

Penso che con un buon numero di segnalazioni si riesca a far chiudere anche questo mirror, ti invio un link su pastbin in cui puoi trovare i dettagli della scansione con il vero IP e un whois; vedi te se puoi dare risonanza, al fine di richiamare un buon numero di “segnalatori”, in qualsiasi caso gradirei l’anonimato.

http://pastebin.com/20TZwbbU “

Qualcun altro ci dice invece che si trova ancora facilmente su dropbox e che il link gira di persona in persona, sui social, tant’è che a costui, ovvero il ragazzo che ce l’ha segnalato, ha fatto schifo perfino aprire le cartelle per guardarci dentro. Di fatto basta solo una ricerca superficiale su google per trovarne traccia.

Abbiamo visto le screenshot dell’indice delle cartelle che fanno capire il livello di stronzaggine di questa gente. Trovate definizioni esplicite e non abbiamo bisogno di commentarle. Guardate voi stess*. Quello che continuiamo a suggerire è di segnalare alla polizia postale nel caso in cui ci sia una ragazza che riconosce il proprio nome tra quelli elencati, e di evitare di colpevolizzare queste ragazze. La battaglia culturale, quella fatta da noi che non ci sostituiamo alle polizie, deve partire da qui. No alla cultura dello stupro, reale o virtuale che sia.

Dimenticavo: tra i nomi e cognomi dell’elenco trovate anche quello di Tiziana Cantone, morta, suicida, proprio perché vittima di cyberbullismo e linciaggio online. Non la smettono neppure se crepi. Che bravi, eh?

Per qualunque segnalazione o news o testimonianza scriveteci: abbattoimuri@grrlz.net

—>>>QUI alcune info (legali) utili per le vittime della Bibbia 3.0

—>>>Firma e fai firmare la petizione per chiedere prevenzione e norme contro cyberbullismo e revenge porn

bibbia1

bibbia2

bibbia3

bibbia4

bibbia5

bibbia6

Leggi anche:

Advertisements

Comments

  1. Ma non si possono denunciare?

Trackbacks

  1. […] Sorgente: Del contenuto della “Bibbia 3.0” si dice che sia una vera merda! – Al di là del Buco […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: