Annunci

Comunicato sui brutti fatti di #Parma: Claudia non sei sola!

15871968_1833809040227527_1909098248584202245_n

Ci segnalano e condividiamo questo comunicato al quale siete invitati ad aderire diffondendolo e segnalandolo sulla pagina facebook di Torpedos Roma.Buona lettura!

>>>^^^<<<

Ciò che avvenne a via Testi nel 2010 è stato descritto approfonditamente dalle decine di comunicati usciti in questi giorni, di cui forse il più dettagliato è quello intitolato “4 crepe”.
Per questo motivo non racconteremo tutto l’accaduto, e soprattutto perché preferiamo non ripetere i particolari di questa storia.

Una storia che non avremmo mai voluto leggere né ascoltare e che -forse per un eccesso di presunzione- pensavamo che non sarebbe mai potuta succedere. Presunzione perché molti di noi hanno ritenuto che bastasse definirsi “compagni” per esserlo davvero, e che era sufficiente riempirsi la bocca con parole come “antisessismo e antifascismo” senza doverne comprendere appieno il significato. Quella sera in quella sede politica non c’era un gruppo di compagni –sebbene appartenenti alla RAF e piuttosto attivi nella militanza- ma un branco di stupratori. Branco che in questi anni è stato fin troppo protetto, coperto, difeso, e nel “migliore” dei casi allontanato con poca fermezza.

Riteniamo intollerabile e ingiustificabile questo episodio e non condanniamo SOLO chi ha compiuto fisicamente lo stupro, ma anche chi –implicato penalmente nei fatti o meno- ha minimizzato e nascosto la verità, ignorato l’accaduto, guardato il video senza riconoscere la sua violenza intrinseca, deriso e isolato la ragazza, sostenuto e tutelato gli stupratori. Perciò chi ha compiuto anche una sola di queste amenità non si reputi “innocente” solo perché non ha ricevuto un atto dalla questura. Non aspettiamo che un tribunale penale ci indichi quali siano i presunti “complici”, non aspettiamo che un gruppo di sbirri prenda possesso di un video di uno stupro per renderci conto della realtà dei fatti. Sei anni di pesantissimo silenzio hanno avvolto questa vicenda ( interrotti solo da un vago e confuso comunicato di 2 anni fa) e in questo arco di tempo si è cercato di mistificare le dinamiche spostando la focalizzazione sulla ragazza, giudicando la sua condotta morale, screditando la sua versione dei fatti, tacciandola di infamia e tramutandola con un abile gioco di pettegolezzi in una persona non gradita negli spazi. Dall’altra parte chi invece non era la vittima bensì il seviziatore fu lasciato libero di orbitare intorno a noi, di frequentare concerti e assemblee ritendendo perfino più credibile la sua versione (se uno stupratore nega di essere tale allora sicuramente non lo è…).

Includere la ragazza nella cerchia dei responsabili è ripugnante e incoerente, come è ripugnante ed incoerente condannare questo episodio aggiungendo allo stesso tempo dei “ma” e dei “però”. Prendere una posizione dura e chiara è utile affinché un fatto così grave non avvenga più. Condannare e cacciare chi l’ha compiuto o ha collaborato affinché rimanesse“un panno sporco da lavare in famiglia” è fondamentale. Ma per sradicare il sessismo bisogna fare un lungo percorso di autocritica, per riconoscerlo anche nei più piccoli gesti ed eliminarlo totalmente. Perché il sessismo non è solo rappresentato dal suo esempio più brutale, lo stupro, ma si cela in tanti altri comportamenti di cui i compagni e le compagne non sono esenti. Non tollerare lo stupro significa non tollerare anche tutti gli altri atteggiamenti spesso ritenuti “innocui”.

Quello che è accaduto a via Testi è l’apice della degradazione in cui stiamo precipitando rovinosamente da molti anni; la violenza sessuale, l’omertà al riguardo, la totale perdita di lucidità, l’assenza di rispetto per una sede politica, l’oltraggio alla gloriosa resistenza che oppose Parma al fascismo. Dovremmo tutti quanti riesaminare il nostro comportamento fuori e dentro gli spazi politici e analizzare con più attenzione le situazioni che avvengono attorno a noi -ad esempio durante le serate- per evitare di voltare ancora una volta la testa pensando “che vuoi che sia”. Agire affinché non avvenga più vuol dire soprattutto intervenire tempestivamente quando si ha il presentimento che qualcosa non va.

La nostra solidarietà va a Claudia (n.b. nome di fantasia) che sta affrontando con forza un processo penale in cui la sua vita sessuale è messa sul banco degli imputati, e che dopo anni di vessazioni e isolamento è riuscita a far emergere finalmente quello che accadde davvero quella notte. INVITIAMO tutti i collettivi, i gruppi e le individualità varie che condividono questo comunicato a firmarlo per diffonderlo il più possibile.

TORPEDOS ROMA

Leggi anche:

Solidarietà da Pisa sui fatti di Parma
#SessismoNelMovimento: non solo parole ma iniziative rumorose
#Parma #NoiStiamoConDebora: un aggiornamento da Guerriere Sailor e Romantik Punx!
Chi stupra non è un compagno
Solidarietà dal Csoa Forte prenestino
Comunicato sui fatti di Parma di Radio Black Out
Un testo di Finimondo.org
Circa i fatti di Parma nella sede della RAF: come riparare 4 crepe prima che qualcosa si rompa per sempre
#NoiStiamoConClaudia: Infame è chi stupra e chi ne è complice, anche restando in silenzio!
Comunicato di solidarietà e di impegno antisessista di Art Lab Occupato a #Parma alla ragazza vittima di #violenza
Comunicato di solidarietà dalle Mujeres Libres di Bologna
Stupro di gruppo a Parma: la violenza è sempre fascista
Ai compagni e alle compagne di #Parma: restituite agibilità politica alla vittima di violenza
Ancora sui fatti di #Parma: cosa vuol dire essere vittime di abusi
Intervista su Radio Onda Rossa (audio)
Comunicato RoR su stupro di gruppo a Parma
Infoaut sui fatti di Parma
A proposito dello stupro di gruppo a Parma 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: