Non assistere una donna per un aborto è Violenza di Genere

14479770_1097171823683310_2725675174819266307_n

A Catania è morta Valentina Milluzzo, 32 anni, incinta di due gemelli, alla diciannovesima settimana di gravidanza. Secondo la legge un aborto terapeutico può essere praticato entro la 24esima settimana di gravidanza. Secondo le linee guida di chi voleva spremere la legge al minimo il limite sarebbe di 22 settimane. Valentina poteva dunque richiedere un aborto per aver salva la vita. I parenti denunciano il fatto che un medico obiettore si sarebbe rifiutato di assisterla. Sulla faccenda è in corso un’inchiesta e nel frattempo si rende noto, per voce di un’altra testata che riporta dichiarazioni fatte in conferenza stampa, che i medici di quell’ospedale sono tutti obiettori e che comunque la questione non riguarda l’obiezione di coscienza giacché il medico avrebbe operato d’urgenza.

Il primario di ostetricia e ginecologia dichiara: “Nel momento in cui il medico, dopo il primo feto morto per aborto spontaneo, induce il secondo parto abortivo con ossitocina cosa c’è di obiezione di coscienza?

Chiara Lalli sintetizza quello che, invece, i parenti hanno dichiarato:

La donna era stata ricoverata all’ospedale Cannizzaro di Catania alla fine di settembre in seguito alla dilatazione dell’utero. Dopo un paio di settimane qualcosa non va. Ha forti dolori, ha la febbre alta, collassa. La temperatura corporea è di 34 gradi e la pressione arteriosa è bassa. Uno dei due feti avrebbe sofferto una crisi respiratoria. Bisognerebbe intervenire e accelerare un processo già in corso, cercando di rimediare alla sepsi che minaccia la vita di Milluzzo. In casi del genere, ovviamente, il tempo è una variabile cruciale. “Fino a che è vivo io non intervengo”, avrebbe risposto il medico. Solo quando il cuore del feto si ferma sarà estratto. La donna urla dal dolore e un’altra ecografia mostra la sofferenza fetale anche del secondo gemello. La riposta del medico sarebbe stata la stessa. La donna viene portata in rianimazione. Il 16 muore.“Fino a che è vivo io non intervengo” è una risposta non solo moralmente e clinicamente discutibile, ma non giustificata dalla legge.

L’articolo 9 della legge 194 dice che:

L’obiezione di coscienza non può essere invocata dal personale sanitario, ed esercente le attività ausiliarie quando, data la particolarità delle circostanze, il loro personale intervento è indispensabile per salvare la vita della donna in imminente pericolo”.

Se la donna è in pericolo di morte, dunque, si tratterebbe di negligenza, di omissione di soccorso, di altro e non di obiezione di coscienza.

A prescindere dalle conclusioni dell’inchiesta su questo fatto specifico, conclusioni che ovviamente attendiamo per definire l’accaduto, la situazione degli ospedali italiani è comunque grave per l’altissimo numero di obiettori e perché è successo in passato che donne siano state lasciate sole, ad abortire in bagno senza assistenza, dopo che le era stata somministrata una pillola abortiva, o a morire per mancata assistenza.

repeal the 8, dublino

repeal the 8, dublino

E’ successo anche in Irlanda con Savita Halappanavar morta di aborto non assistito, ed è gravissimo che esistano ancora nazioni in cui l’aborto sia impedito, vietato, punito per legge, condannando così donne a praticare aborti clandestini e a morire per questo o a esigere un aborto terapeutico senza assistenza.

Quello su cui mi ritrovo a riflettere è poi il tono di certi commenti di antiabortisti che raccontano come intervenga in certi casi una punizione divina, della serie che se l’è cercata e che ben le sta quello che le è successo perché questo è quello che merita una “assassina” di “bambini”. Così ho letto da parte di fanatici antiabortisti che non riescono a vedere la persona che contiene gli embrioni prima che gli embrioni stessi.

L’aborto non è un omicidio e chi chiama assassina una donna che abortisce sta calunniando quella donna e tutte noi. L’obiezione di coscienza, tra l’altro, da diritto garantito a chi non vuole andare contro la sua coscienza è diventato un pretesto per giustificare la negligenza di troppi operatori sanitari. In ogni presidio deve esserci qualcuno che assiste una donna in procinto di abortire. Se tu sei obiettore devi cercare un medico che non lo è e che deve essere presente per non lasciare sola la donna in pericolo di vita. In realtà sappiamo che invece questo non avviene e che i no-choice tentano di condizionare il percorso dei consultori e di ogni ospedale in cui medici, infermieri, perfino i portantini, raccontano di poter praticare l’obiezione di coscienza. Stessa cosa rivendicano i farmacisti che, contrariamente a quel che dice la legge, si rifiutano di dare la pillola del giorno dopo che deve invece essere data a chi la richiede.

Rosario, corteo

Rosario, corteo

Quello su cui vale la pena riflettere, mentre in moltissimi paesi le donne, in nero, scendono in piazza contro le leggi che criminalizzano le donne che abortiscono, vedi la Polonia, l’Irlanda, vari paesi dell’America latina, è il fatto che riscontriamo la totale assenza di empatia, la disumana reazione degli antiabortisti che trattano le donne come non esistessero e non meritassero nulla. Accade anche in Italia dove le ragazze, le donne, devono fare i salti mortali per una pillola del giorno dopo, per una interruzione di gravidanza e per un aborto terapeutico, e tutto ciò senza che a nessun@ importi davvero della vita delle donne. Ed è con questo che abbiamo a che fare. Dunque, cara ministra Lorenzin, invece che pensare ad un improbabile quanto inconcepibile piano di fertilità, perché non rivede un po’ le linee guida dell’applicazione della legge 194 e non verifica che in ogni punto sanitario ci sia sempre qualcun@ che offra assistenza a chi vuole o deve abortire?

Il prezzo di un così grande disinteresse istituzionale e culturale nei confronti delle donne che vogliono o devono abortire si calcola in vite umane. La vita di persone, le donne. Perché le donne sono persone e l’aborto non è omicidio se non nella mente di gente fanatica e che considera i corpi delle donne come contenitori la cui gestione ritengono debba appartenere allo Stato.

Poi non veniteci a raccontare la storia commossa di quell* che fingono di interessarsi, per privarle della libertà di scelta, alle donne che si offrono spontaneamente per la Gestazione per Altri. E per inciso, sia chiaro che non assistere una donna che vuole o deve abortire è Violenza di Genere.

biob7liimaagwag

Varsavia, corteo

Varsavia, corteo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: