Annunci

#fertilityday: #lorenzin dice che il volantino da lei approvato è meglio

locandine_fertility_day3

La ministra Lorenzin [qui la sua dichiarazione online] mostra al pubblico il volantino da lei approvato che sarebbe molto diverso da quello messo online da non si sa chi altri. La trama si infittisce. Ringraziandola per aver confermato il fatto che il volantino, così come l’abbiamo conosciuto, è razzista, e ringraziandola per il tempestivo intervento, per quanto l’assunzione di responsabilità dovrebbe, a mio avviso, portarla alle dimissioni per tutta la maniera in cui è stata gestita, fin dall’inizio, la campagna del fertility day e per il piano nazionale della fertilità stesso che non ha alcun senso dato che non offre risposte alle richieste totalmente differenti poste ai cittadini, insomma ringraziandola per non essersi rintanata nelle stanze del ministero sfuggendo alle critiche, quel che seriamente chiedo è: sul serio trova che ci sia una differenza abissale tra i due volantini? I cattivi “compagni” che si fanno le canne, bianchi o neri che siano, con il ragazzo nero il cui volto viene scarabocchiato per evitare di distinguere i suoi tratti, non sono già un motivo sufficiente per ritenere orribile quel volantino? Ma ha una vaga idea, la ministra, di quanto sia stereotipato e ghettizzante l’attribuzione di stigmi su determinate persone, ricce, da centro sociale, così come li immaginerebbe qualcuno della Lega, contrapponendoli alle coppie bianche che fanno tanto destra estrema per la superiorità dei bianchi?

Qualunque sarà il risultato dell’inchiesta, parlando di fattore culturale, di linguaggi, semantica, comunicazione, quel volantino fa schifo in ogni caso. Spiace che la ministra non se ne sia accorta. E se questo è l’epilogo della questione, direi che forse a volte è meglio il silenzio.

Leggi anche:

 

Annunci

Comments

  1. Che poi, a dirla tutta ma chi mi dice che le buone compagnie li ritratte non siano figli e figlie di malavitosi o ricchi viziati che passano la vita tra giri in barca spericolati e tiri di coca? Se vogliamo andare di stereotipi le buone compagnie magari non lo sono poi così tanto. E per la cronaca chissà se uno come Mike Jagger il ministero me lo mette tra le cattive compagnie brutto drogato e cattivo anche se di pargoli qualcuno ne ha messo al mondo!

  2. Avrebbe fatto più bella figura stando in silenzio e dimettendosi…non si può sentire!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: