Annunci

Sono “maschio” e Tiziana è morta: “l’abbiamo ammazzata noi”!

di Riccardo Caldarera

Sono un maschio, un uomo, come mi ricorda l’elastico delle mutande di bassa marca che indosso. Sono un uomo e non mi pesa tanto, non me lo fanno neanche notare spesso. Insomma, è difficile che qualcuno interrompa un discorso perché non si può prendere in mia presenza. Sì, mi capita che mi ricordino di dover essere virile, magari di pagare il conto alla mia lei, o di regalarle dei fiori, così come mi ricordano anche che non devo essere una femminuccia, questo anzi lo sento spesso. Sono maschio e devo essere il più maschio possibile.

Sono maschio e devo rispettare la femmina perché è femmina, a prescindere. Anche se mi sta sul cazzo. Ma mai e poi mai essere come lei, non sia mai; delicato fiore da proteggere e da innaffiare con dovizia, ma insulso termine di paragone per noi maschietti minchia dura. Tra le tante cose che posso permettermi di fare, da maschietto, ce n’è una che amo tanto: scopare. Amo scopare. Niente di nuovo in queste parole, sono in pochi a non essere attratti dal sesso. Eppure devo dire di più: sono un porco, una troiona.

Amo scopare in tutti i modi, dominare e farmi dominare, amo farlo con due persone, anche con tre o con quattro, amo leccare la figa, amo farmi succhiare il cazzo, farlo su skype, farlo anche via chat con perfette sconosciute, amo riprendermi mentre lo faccio e rivedere il video da solo o con lei, e masturbarmi da solo o con lei. Mi è capitato anche di fare sesso con una ragazza fidanzata e riprenderci con una videocamera. Insomma, un po’ come per Tiziana, la pompinara*.

Nessuno può testimoniare, non c’è alcun video della mia intimità che gira su whatsapp, nessuno a parte me (o “lei”) ha potuto goderne, non ci sono neanche articoli su giornali di bassa lega, né pagine di facebook che mi ricordano costantemente che sono un essere sessuato. Ma non esisterebbero a prescindere, perché io sono maschio e posso scopare anche con tre ragazze alla volta, filmando e fotografando tutto.

E ora, seriamente, quanti di voi sono diversi da me? Faccio schifo? O forse sono normale in quanto maschio. Però, non so… Queste cose le ho fatte con delle donne. Credete siamo tanto diversi, maschietti e femminucce? Siamo tutti sporchi da fare schifo, esseri immondi con la pelle sudaticcia, il glande umido e le labbra bagnate, con desideri e perversioni indicibili. Facciamo tutti immensamente schifo. Anche tutti coloro i quali si prodigano a versare sui social network il loro profondo rispetto per le donne, che non vanno toccate neanche con un fiore, non vanno uccise o, e non sempre, stuprate, per poi lottare in ogni modo per affermare la propria vacillante virilità.
Ma se fai un pompino e ti fai riprendere, è colpa tua. Troia. Cagna. Donnicciola di borgata.

E se ti ammazzi non è colpa mia, che ti ho deriso, sbeffeggiato, urlato sotto casa, creato pagine facebook e alimentato tormentoni. Non è colpa mia, io non ti ho fatto nulla.
No, cari miei, e mi rivolgo soprattutto agli uomini (ma le donne non sono esenti). Se Tiziana è morta, è colpa nostra, del nostro maschilismo interiorizzato e normalizzato, del nostro bullismo da leoncin*. Se una donna viene uccisa, stuprata, abusata, se qualcuno dice “se l’è cercata”, anche se non siamo stati noi direttamente, è colpa nostra. È colpa nostra, ed è per questo che facciamo schifo, non perché siamo sporchi.
Noi abbiamo ammazzato Tiziana, e l’abbiamo ammazzata per un pompino.

 

*definita da altri/e

 

Leggi anche:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: