#fertilityday: scegliere di fare un solo figlio non è affatto da egoiste

esortazione ministeriale a fare più figli? e li mantiene il governo o cosa?

questa non è una delle cartoline della campagna #fertilityday. è un subvertising. ma rende l’idea. 

 

Cerco qui di raccogliere alcuni messaggi che raccontano la contrarietà rivolta al #fertilityday. Ci state scrivendo in tant*, uomini e donne, e allora vi diamo spazio ma vi proponiamo anche un tema. Decidete voi quale dovrebbe essere la narrazione sulla genitorialità, la precarietà, con parole, immagini e storie che sono lontane anni luce dalla modalità comunicativa fascista scelta per il #fertilityday. Invitandovi a leggere, per vedere con i vostri stessi occhi, la storia della maniera in cui Mussolini governò le donne italiane e l’attuale piano nazionale della fertilità deciso dal governo (scopri le differenze!), vi invitiamo a partecipare a questo corteo che parla delle nostre vite, dei nostri corpi, dei nostri uteri, delle nostre scelte e dei nostri desideri, ovvero tutto ciò che il governo non può assolutamente “amministrare” e “normare” perché si tratta di noi . Buona lettura!

>>>^^^<<<

il primo:

“Cari/e maschilisti/e,
Vi scrive una donna che a quasi 23 anni non è madre.
Eppure è scritto ovunque che l’età migliore per “sfornare” figli è intorno ai 20 anni.
Ops, sto già iniziando ad invecchiare, devo affrettarmi!
Questa ridicola campagna fascista sulla fertilità sottolinea ancora una volta, quanto la donna sia solo un “oggetto” utile a sfornare figli.
Qui non c’entrano il desiderio di maternità o i nostri sentimenti, il sentirsi pronta per affrontare questa bellissima avventura. No, la donna è stata creata con il solo scopo di fare figli (per la patria e magari pure maschi). È utile solo a quello, le donne sterili o vecchie sono da buttare: non possono più produrre materia prima. E quelle che non vogliono avere figli perché stanno bene senza, sono da condannare al rogo, streghe!
È stato scritto : 《Cosa fare, dunque, di fronte ad una società che ha scortato le donne fuori di casa, aprendo loro le porte nel mondo del lavoro sospingendole, però, verso ruoli maschili, che hanno comportato anche un allontanamento dal desiderio stesso di maternità? […] La crescita del livello di istruzione per le donne ha avuto come effetto sia il ritardo nella formazione di nuovi nuclei familiari, sia un vero e proprio minore investimento psicologico》
Capite? Siamo sbagliate! Non possiamo abbandonare il nostro tradizionale ruolo di madre e di custode del focolare domestico per aspirare ad una carriera lavorativa soddisfacente. Non siamo uomini, non possiamo lavorare o studiare.
Il nostro ruolo è quello di lavorare in casa: “fari i surbizza”, “cusiri a cuasetta”, preparare il cibo per la famiglia, rassettare, badare ai figli!”
Ormai non ci sono più i valori di un tempo! Le casalinghe sono le vere donne!
Una donna manager con le mestruazioni ogni mese e con un pancione per 9 mesi è ridicola, non funziona. Una donna che lavora e lascia i figli alla baby-sitter è una cattiva madre. Un padre può farlo, una madre assolutamente no.
Una donna non può esercitare lavori maschili ( quasi tutti): una donna soldato, una donna poliziotta,una donna imprenditrice, una donna dirigente è contro natura!
Il fatto è che saremo sempre colpevolizzate per tutto ciò che faremo, per le nostre scelte: per come ci vestiamo, per come lavoriamo (se lavoriamo), per come cresciamo i figli, per la scelta di quando fare i figli, per il numero dei figli, per tutti i nostri sacrosanti diritti.
1) Se una ragazza adolescente diventa madre, è criticata perché ha aperto le gambe troppo presto e sarà incapace di essere una buona madre e un buon esempio per il figlio.
2) Se una donna studia fino ai 30 anni (laurea, specializzazione, dottorato, master, ecc), è criticata perché egoista, troppo emancipata e vecchia per essere madre.
3) Se una donna cerca lavoro, è ostacolata in quanto donna e se lo trova (sarebbe un miracolo in Italia) e rimane incinta viene licenziata, nella maggior parte dei casi.
4) Se una donna è casalinga, è criticata perché mantenuta senza far nulla dal marito.
5) Se una donna decide di non avere figli, come ho già detto in precedenza, è da condannare al rogo perché egoista e senza valori.
6) Se una donna decide di avere un solo figlio (come mia madre), è criticata: non si può lasciare il bambino figlio unico perchè soffre e ha bisogno di compagnia!! Di conseguenza, è sempre considerata una donna egoista.
7) Se una donna decide di avere più figli, è criticata perché le famiglie numerose non sono più di moda per vari motivi.
😎 Se una donna partorisce un maschio deve assolutamente partorire la femmina e viceversa.
E potrei continuare con la lunga lista di critiche.
Cari/e maschilisti/e,
Siete così bravi a farci la morale, a decidere cos’ è meglio fare con i NOSTRI corpi.
Ma il corpo è NOSTRO e lo gestiamo a modo NOSTRO, la vita è NOSTRA e le scelte spettano solo a NOI.
Sapete che vi dico? Mia madre ha fatto bene. Ha scelto di avere una sola figlia ed è stata sempre criticata e considerata una donna egoista. Io son cresciuta bene, senza “traumi” e non mi ha mai fatto mancare nulla. Lei non è stata egoista ma ha rispettato se stessa, il suo corpo e il suo desiderio di maternità.
Inoltre i miei nonni materni si sono sposati a 32 e 36 anni nel 1969. Erano “vecchi” per far figli, eppure sono stati genitori e nonni esemplari!
Quindi cari/e maschilisti/e rodete pure, a me non frega un cavolo dei vostri ridicoli pareri :userò il mio corpo come voglio, deciderò io se avere figli e quando averli, completerò gli studi e cercherò lavoro. SARÒ LA DONNA IDEALE PER ME STESSA.
Tanti baci.”

Leggi anche:

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: