Fashion Dead: la donna “svenuta” che pubblicizza scarpe

Mentre sulla pagina di Abbatto i Muri si parla di autoaccettazione, di recupero di autostima, di condivisione del proprio disagio che ha a che fare con il proprio corpo, su un’altra pagina qualcun@ pubblica un’immagine che pubblicizzerebbe un paio di scarpe. La ditta che produce le scarpe ha preso però le distanze in modo netto da quella maniera di fare marketing, ma sulla pagina in cui la foto è stata pubblicata una risposta alle critiche ricevute è stata pubblicata giusto qualche minuto fa.

Questa è l’immagine:

mah

Questa la presa di distanza della Ixos:

13876335_940026059440391_7188234471781616457_n

Questa la risposta della azienda che ha diffuso l’immagine:

risposta

Su un post scritto tempo fa raccontavo della Fashion Victim e della Fashion Dead e di come varie aziende utilizzassero la posa della donna svenuta, addirittura morta, per pubblicizzare un marchio. Quello che si fa è restituire un’immagine che ricorda una violenza con glamour. Non so cosa voglia dire la foto con la modella dai jeans un po’ abbassati. In effetti non si capisce cosa pubblicizzi. Le mutande? I jeans? La cosa che salta all’occhio è come l’effetto glamour renda una donna “perfetta”, secondo il modello estetico imposto, anche da svenuta, o precipitata per via dei tacchi, o chi lo sa.

Diciamo sempre che chi si occupa di violenza sulle donne dovrebbe prendere le distanze in modo assoluto dalla vittimizzazione delle donne, evitando di proporre più o meno lo stesso modello che piace a chi fa marketing. La donna livida in volto, graffiata, svenuta, morta, crocifissa, e mai forte, grintosa, viva. Noi non vogliamo essere raccontate così, e mi riferisco alle donne che hanno subito violenza, me compresa. Perché siamo sopravvissute ma siamo forti, a schiena dritta, e sicuramente non usiamo photoshop per proporci con lividi che possano impietosire il mondo.

Resta dunque questa comunicazione che indigna e perciò chi ha ideato questa foto ha raggiunto lo scopo, che è far parlare di se’. Ho esitato prima di pubblicare perché non volevo dare altra visibilità a chi ne ha già tanta ma infine credo sia necessario dato che se ne parla comunque e se ne parla secondo me in modo sbagliato. La corsa alla segnalazione, il tentativo di far cancellare l’immagine, non risolvono niente. Trovo più utile mettere in giro subvertising come quelli ideati e messi in condivisione da Yolanda Dominguez. Notate soprattutto la donna svenuta vicino ai fiori. Non trovate che un’azione antisessista di questo tipo sia più efficace?

Altre iniziative di sovversione comunicativa quiquiquiquiqui. Ricreare immagini con donne di non photoshoppata statura, corporatura, fisicità o con uomini non machisti può essere utile a rendere evidente la bruttezza del fenomeno. Per conto mio farei subvertising anche delle campagne antiviolenza, ma tant’è, ché lì resistono rigide dicotomie e stereotipi. L’uomo ha da fare – sempre – il tutore e la donna il soggetto debole. D’altro canto non per niente di campagne come quelle delle Frangette Estreme ce ne sono davvero poche, direi rare…

138943-lavatrice138950-cucina

aspirapolverebigodini

cuoricini-webstiro

Ps: in giro troverete anche immagini di morte, livide, crocifisse, sono parte di campagne contro la violenza sulle donne. Sapreste distinguerle dalle altre? Poi ditemi qual è la differenza…

—>>>Molte immagini di altre donne “svenute” potete trovarle sul web usando Google, parole chiave: fashion dead. Ne trovate a bizzeffe. Poi digitate “violenza donne”. Vedrete chi fa più a gara a nutrire quell’immaginario.

Allora chiedo: nessun@ vuole mettere in circolo parodie dell’immagine che non ci piace?

#Brand #Femminicidio: Quanto mi paghi se faccio la donna morta?

Del femminismo necrofilo e la “vittima” come modello sociale

Advertisements

Comments

  1. Cara Eretica, quando ho visto questa foto mi sono sentita male perché ho pensato immediatamente a uno stupro. Come si faccia a trovare glamour qualcosa del genere, io non lo so.
    Dunque, lo scopo pubblicitario è miseramente fallito due volte, almeno con me: prima di tutto perché io non ho neanche guardato i vestiti e tanto meno le scarpe. Secondo, perché non mi è piaciuta affatto. Ma ancora: perché dovrei mettermi scarpe che mi fanno cadere miseramente invece di accompagnare le mie avventure e farmi andare lontano?
    Non ti mando una parodia ma una lettura parodica. Non è che è la pubblicità di un pessimo alcolico, che lascia così tramortite le ragazze che vogliono gustarsi un drink tanto da farle ruzzolare nel momento dell’immancabile pipì in posti di fortuna? : D

Trackbacks

  1. […] Qui potete trovare lo scambio delle dichiarazioni tra l’azienda produttrice delle scarpe nella foto, Ixos, e il sito rivenditore, con un approfondimento della “Fashion Dead” che sta prendendo sempre più piede. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: