Annunci

Noi siamo quell* che non hanno paura e combattono per un mondo migliore per tutt*

Lei scrive:

Sono passati 15 anni dal g8 di Genova e vorrei condidere e riflettere su un ricordo. Avevo sei anni ed ero appena tornata a casa dei nonni dal mare, era una bella giornata di sole e mi misi ad apparecchiare in salotto con la TV accesa. Ricordo che mi bloccai perché vidi persone in barella tutte insanguinate e a seguire altre immagini di poliziotti manganellare e trascinare via persone inermi, e rimbombavano nella mia testa della parole “Irruzione alla scuola Diaz”, “Irruzione alla scuola Diaz” ; dietro di me c’era mio padre con in mano i bicchieri, lo guardai e aveva uno sguardo attonito, gli dissi ” Hanno picchiato delle persone che dormivano dentro una scuola”. Fu un evento che mi turbò molto e che sentivo molto vicino : ero una bambina che aveva appena iniziato la scuola e che vedeva in essa ciò che dovrebbe essere, un luogo di crescita e aggregazione. Ai miei occhi era stato violato e dissacrato dalla violenza.

Non sapevo perché quelle persone ci dormissero dentro, ma stavano solo dormendo. Cosa poteva esserci di tanto sbagliato nel dormire? “Anche io una volta ho dormito sul banco” pensai. Poi mi tornarono in mente i poliziotti, pensavo che qualcuno forse gli aveva detto di farlo, ma perché l’avevano fatto? Quale poteva essere il motivo per massacrare di botte persone che stavano dormendo? Non c’era. Ricordo che mi tornarono in mente le parole di un cartone animato “I veri mostri sono persone” e per la prima volta la capii ; sapevo che nel mondo c’era la guerra,c’erano gli omicidi, ma quelle immagini erano vere,mi erano vicine. Sono state dette tante parole sulla Diaz, tante sentenze ridicole e testimonianze agghiaccianti,ho letto perfino parole di chi diceva che l’avrebbe rifatto; più cresco e più capisco la portata di un pensiero così semplice, non contaminato dalla paura di uscire fuori dal seminato : “hanno picchiato delle persone che dormivano in una scuola”.

Com’è stato dimostrato di recente, non c’è altro da dire, mostri. Siete anche in tantissimi e dai molteplici volti, il cui unanime motto è “se l’è cercata”. Incredibile a quante situazioni sia applicabile questa terribile summa di omertà, crudeltà e vigliaccheria… Se viene picchiato un omosessuale, in caso di violenza sessuale, omicidi, pestaggi in carcere, vittime delle mafie, violenze alle manifestazioni, digrazie varie, perfino i migranti inghiottiti dal mare se la sono cercata… un mondo di masochisti… avete sempre una parola di biasimo, il male è ovunque tranne che in voi. “Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case”, risuonano nella mia mente queste parole di Levi, mentre m’interrogo su tanta freddezza.

E la risposta mi è amara : i promotori di questo qualunquismo vigliacco possono essere di due tipi: chi ha paura del mondo, le persone a cui è stato insegnato che la violenza è cosa sensata e punizione giusta, quindi se ti comporti in un certo modo, a te non toccherà mai, vivrai sicuro nella tua tiepida casa e per fortificarla sosterrai il sistema in cui sei nato, quello in cui hai avuto la fortuna di non essere l’oppresso, l’oppressore non ti disgusta e per stare nel seminato denigrerai chi è fuori. è una posizione inumana e fallimentare perché si basa sulla staticità della tua condizione e sulla convizione che il male e la violenza seguano schemi precisi,abbiano addirittura un’etica. Invece no, il fato non ha etica o preferenze, ancor meno ne hanno coloro che sono violenti con il loro prossimo che identificano come debole, un giorno nei loro parametri potresti rientrare tu. Questa è un’argomentazione logica che aborro quasi, ma non so rispondere alle tue mancanze umanitarie, non so perché non soffri nel vedere un tuo simile che soffre. Arriviamo alla seconda categoria, non so quanto più spregevole della prima : coloro che s’immedesimano nel carnefice.

Quelli che effettivamente se si fossero trovati alla Diaz avrebbero massacrato di botte gente che dormiva o che si sentirebbero autorizzati a muovere violenza al partner… Chissà se siete recuperabili… Potete mentire a voi stessi,ai servi a cui fa comodo appoggiarvi, crogiolarvi nella patetica convinzione che picchiare o far del male ad un vostro simile vi renda più forti, che il sistema di violenza di cui fate parte durerà per sempre, che ci possa essere una giustificazione all’oppressione e che i più crederanno all’infinito alle vostre bieche bugie , ma non potete scappare. Un giorno verrà la morte e avrà il volto del male che avete fatto, mentre il gelo si farà strada nelle vostre vene non avrete ricordi di pace a cui aggrapparvi, ma solo il preludio dell’oblio e della solitudine più nera che dentro vi portate. Mi sorprendo solo di come questo vuoto abissale non vi colga ogni volta che vi coricate. L’argomentazione logica contro la vostra spirale di violenza è in realtà una setie di domande… pensate davvero che possa durare per sempre? Che questo mondo violento dove per puro caso siete i più forti,secondo parametri sociali e fisici, non vi si rivolterà mai contro? Che sarete sempre “i più forti”? Che nessuno di coloro che si battono per un mondo più giusto riuscirà mai a concludere nulla? Vivete in un’illusione, io vi ho visto quando avevo sei anni, ero una bambina e da poche immagini ho capito che quel che vedevo e quello che i media dicevano essere giusto non combaciavano.

Non sto pensando solo alla mattanza della Diaz, ma anche alle idee portate in piazza. Ricordo anche le persone manifestare con le mani tinte di bianco, chiedendo un’economia più giusta, pace, avendo compreso la folle politica estera che Europa e Usa avrebbero adottato di lì a poco in medio oriente, e diritti per i migranti che già arrivavano numerosi,spinti dalle barbarie e dai saccheggi dei nostri antenati. Non li avete ascoltati, seguendo chissà quali e quanti interessi avete lasciato che tutto esplodesse: la crisi, la questione immigrazione, lasciando chi arriva in Europa in povertà e facile preda della malavita, e gettando le basi delle attuali violenze in medio oriente e in Europa. Blair ha chiesto scusa per la politica adottata ammettendo che ha favorito le attuali instabilità nel mondo arabo e la nascita dell’isis.

Figurati… sono solo morte migliaia di persone e ci state lasciando un mondo che cade a pezzi. Se solo aveste stretto quelle mani invece di imbrattarle di sangue! La questione però è una : non sono la sola, noi vi abbiamo visto, noi vi vediamo, noi agiamo di conseguenza. Chi siamo noi? Siamo tutti coloro che hanno deciso di non avere paura e che vale la pena combattere per un mondo migliore per tutti. Si combatte in tanti modi, dall’esprimere un’opinione, al rifiutarsi di pagare il pizzo, dal non voltarsi dinanzi all’ingiustizia, al battersi per far sì che tutti abbiano eguali diritti, dalla promozione della cultura, al pretendere una vera istruzione per tutti, dal vivere onestamente ogni giorno, all’essere gentile con il prossimo. Nel triste anniversario “della più grande violazione dei diritti umani dopo la seconda guerra mondiale” mi piace pensare che piano piano questa violenza finirà.

Francesca

Leggi anche:

#G8Genova – Chi siamo noi? O con il popolo o con i manganelli!

#G8 #Genova – Dove finisce l’abuso lecito e dove inizia la tortura?

#GenovaG8: arrestati i poliziotti? Ma chissenefrega!

Sintesi sullo stato dei processi e le condanne a cura della campagna 10×100 (Genova G8 2001 non è finita)

#GenovaG8: non potete archiviare i nostri ricordi e le consapevolezze!

La repressione e le botte della Polizia in Piazza e il Victim/Blaming politico/sociale

Genova, i film, la Diaz: paure, rimozioni e amnesie

Genova non finisce: i nostri pensieri sono liberi

La vendetta è ora compiuta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: