La strage di #Orlando, uno sfogo

CkyjqNCWUAA97cC.jpg_large

Jess scrive:

Cara Eretica,
mi piacerebbe se questo messaggio arrivasse a tanti, per disgustarci insieme e anche riflettere.
Non si può commentare una strage come quella di Orlando, come quella al Bataclan, come le tante che accadono nel mondo e sono più o meno pubblicizzate, ogni frase di cordoglio e tristezza non ha valore di fronte a una vita umana persa e il giornalismo credo dovrebbe aver coscienza di questo: raccontare una cronaca, dare voce a chi è stato vittima ed evitare di politicizzare una tragedia.

Quello che ho trovato più disgustoso infatti è che la prima cosa che si è detta è stato: “forse/pare/sembra/risulta sia un attentato terroristico”. Dopo i morti, dopo la cronaca, l’importante è stato sottolineare che il carnefice “non era uno di noi”, “non era una persona della nostra cultura”, “non è una responsabilità occidentale” e si è allegato agli articoli la felicità dei radicali islamisti, politici nostrani hanno ipocritamente espresso un cordoglio per puntare il dito contro l’Islam, si sta riflettendo in queste ore sul cercare legami tra Mateen e l’Isis, neanche l’agenzia stampa ANSA si fa da parte.

Nessuno parla di omofobia e gli omofobi noti piangono lacrime di coccodrillo, con la coscienza pulita di essere rappresentanti di giustizia ed etica, protettori dell’Occidente cristiano buono, omettendo che qualche chiesa fa festa, usando in modo blasfemo il nome di Dio; i terroristi islamici pensano sia giustizia divina quanto i radicali cattolici e nel nostro Bel Paese c’è anche chi come Carlo Taormina scrive sul suo Twitter: “L’attentato a Orlando perché due gay si baciavano. Sta di fatto che se si fossero baciato due etero, non sarebbe successo niente” e ancora “Attenzione ai gay pride perché uno è’ stato assalito con 50 morti,un altro stava per essere assalito. Possono essere emulati il Italia” (fonte: https://twitter.com/carlo_taormina?lang=it).

taormina

Ripeto: nessuno parla di omofobia e questo è straziante.
Il terrorismo può farlo l’Isis quanto un Trump, quanto un leghista, basta dire parole accorate che qualcuno prima o poi le accoglierà con fomento, le sentirà sue e quando vedrà in strada due persone dello stesso sesso baciarsi allora potrebbe essere l’occasione di una strage, basta poco, basta dare a qualcuno un pretesto e farlo credere un giusto, un eroe, un’anomalia del sistema da eliminare. E questo è successo sì nel periodo in cui l’Isis domina col terrore, ma è anche successo negli States dove Trump ha conquistato cuori, in un Paese che l’altro giorno ci trovava vergognosi perché arrestrati, perché non avevamo le unioni civili.

Tutta questa ipocrisia non solo mi fa schifo, ma mi terrorizza, non è solo una responsabilità delle Destre, del lontano Terrorismo dell’Isis, è anche responsabilità delle Sinistre, dei Ministri di Fede, di chi dice con leggerezza e incoscienza che una categoria umana andrebbe eliminata, dei genitori che non insegnano che tutti siamo diversi e uguali nei diritti e doveri, di chi si lava le mani perché “non sono gay”, di chi dice “non odio i gay ma…”, di chi pensa che il problema sia uscire la sera per andare in locale.
Basta deresponsabilizzarsi! Basta!

La verità è solo una: sono morte delle persone perché c’era qualcuno che odiava perché gli è stato insegnato ad odiare.

 

Leggi anche

e partecipa se vuoi, alcune discussioni nate sulla pagina facebook di Abbatto i Muri:

Se sei gay non puoi donare il sangue per i feriti della strage di Orlando;

Qui l’interpretazione, commentata, di una lettrice della pagina:

aiuto.

Musulmani che prendono le distanze dallo stragista:

13417467_660451100775629_7057498455588435924_n

Un manifesto viene condiviso più volte su twitter da chi fa parte della comunità queers che denuncia la strumentalizzazione in chiave islamofoba della strage di Orlando.

13418818_597285740450226_3056927457952419191_n

Esistono anche queer musulmani, così come scrive The Guardian.

QUI un’altra discussione in corso alla quale hanno partecipato anche tante persone simpaticissime che hanno augurato la morte al rogo ai gay. Ovviamente abbiamo cancellato quei commenti. E non erano troll.

CkwVGIxUoAA4viT.jpg-small

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: