La donna privilegiata e il femminismo intersezionale

1934261_844012952376554_8208754169051394679_n

È che le donne bianche, eterosessuali, cis, benestanti, cristiane, non si percepiscono come classe privilegiata. Immaginano di stare “con” quelle persone che nominano, dall’alto della propria posizione, e nel nominarle le rendono “oggetti” della loro attività normativa e moralizzatrice. Nominano le povere, le donne nere, le straniere, le orientali, le lesbiche, le trans, e nel farlo stabiliscono limiti, paletti, e danno appeal ad un imprecisato numero di caratteristiche che presto o tardi diventeranno obiettivo, desiderabile, per le classi inferiori.

Tutte le persone di potere non sono consapevoli, o anche si, del fatto che il loro potere si realizza nella definizione autoritaria di quel che è l’altr@ da sé. Senza l’altr@, l’oggetto nominato, senza l’oggetto inferiorizzato, non ci sarebbe alcun potere. Nessun privilegio, nessuna differenza. È chi ritiene di rappresentare il mondo in termini universali che stabilisce le gerarchie. Le donne bianche, benestanti, cis (cioè quelle il cui genere coincide con quello che le è stato assegnato alla nascita), eccetera, hanno tra l’altro rimosso la questione delle differenze istruendo le donne a sentirsi corpo unico, una cosa sola.

Quando le donne colonizzate, impoverite, prive di qualunque diritto e privilegio, ricordarono alle bianche che preferivano restare unite alle persone affini, per classe, razza, oltre che per genere, le bianche risposero alla loro maniera di sempre. Colonizzarono altri contesti, dettando il proprio verbo universale alle donne che non hanno voce, soldi, spazio, per difendersi e autodefinirsi. E di colonizzazione in colonizzazione, combatterono, e combattono tuttora, quelle donne che decidono di autonominarsi, dunque di sfuggire alla categoria di oggetto, per pronunciare autonomamente il proprio obiettivo, pratiche, lotta.

Le bianche hanno sempre avuto fiuto nell’individuare materie da poter gestire con linguaggio autoritario. Sono pur sempre le privilegiate che insegnano ad altre come vivere. Realizzano crociate, invece che regalare spazi. Immaginano di liberarti, invece che sostenerti mentre tu stabilisci la tua maniera di liberare te stessa. Custodiscono gelosamente, senza condividerli mai, le risorse ottenute, gli spazi mediatici affidati, e giammai concederebbero spazio a quelle che non la pensano come loro. Lo studio dei femminismi inizia e finisce con il loro dogmatismo, classista, razzista, sessista.

Chi studia in materia di razzismo sostiene che la razza è definita dalla umanità privilegiata. La donna nera non sarebbe nera se non fosse stata definita tale. Lo straniero non sarebbe straniero se non fosse che la classe privilegiata si diverte a definirlo tale. Il solo fatto di produrre recinti per ingabbiarvi alcune categorie di persone significa essere razzisti. Una femminista è razzista quando decide di uniformare i pensieri, di rimuovere il concetto di “classe” e “razza”, universalizzando la propria idea ricucita sulla pelle delle donne diverse da lei.

225683_845050102272839_3468345899512327014_nIl femminismo intersezionale ha messo in rilievo queste incongruenze, ma lo aveva fatto ancora prima il femminismo afroamericano, quello postcoloniale, il trans femminismo. Non puoi prescindere dalle differenze se vuoi davvero dirti femminista. Non puoi essere la vecchia femminista che continua a filosofeggiare ignorando che il mondo va oltre la composizione binaria. Non più uomini e donne, ma uomini diversissimi tra loro e donne diversissime tra loro. Donne cis o queer, trans, lesbiche, intersex. Donne ricche, bianche, povere, nere, meticcie, migranti, cittadine del mondo o di una sola nazione. E pronunciando tante e tali differenze si evidenzia la ricchezza di culture alle quali rinuncia quella tal femminista. Non vuole ascoltare. Lei sa. Non vuole conoscere. Lei detta la propria forma di conoscenza, limitata, e censura la voce di chi decide di autonominarsi.

L’atteggiamento autoritario della femminista bianca, benestante, etero, cis, si manifesta, ad esempio, in materia economica, dettando regole entro le quali altre donne, povere e precarie, potranno emanciparsi dal bisogno. La donna privilegiata si autonominerà moralizzatrice e sorvegliante dei nostri corpi. Ci negherà libertà che non corrispondono a quelle da loro ambite. Diventerà più che materna. È un’aguzzina. Un’aguzzina che si serve di paternalisti, repressione, guardie e patriarchi per limitare le nostre scelte.

Ricominciamo: la donna privilegiata non si percepisce in quanto tale; universalizza il proprio pensiero; rimuove differenze di genere, identitarie, d’orientamento sessuale, di razza, classe, cultura. La donna privilegiata non accetterà che l’altra, quella che dapprincipio non aveva soldi, spazio e modo di autonominarsi, si autorappresenti manifestando un punto di vista diverso da lei.

The revolution will be intersectional or it won't be my revolutionLa donna privilegiata ritiene che le altre debbano aspirare ad ascendere nella propria direzione. Verso lei. Non “con” lei. Invece tante donne sfuggono a questa imposizione, non immaginano certo che l’unico modello di vita auspicabile sia quello della privilegiata, e decisamente cominciano a individuare trasversalmente i propri punti di riferimento. Con le bianche, nere, trans, sex workers, cis, lesbiche, eccetera eccetera, che si riconoscono affini e lottano per lo stesso obiettivo. Ma quel che la donna privilegiata vuole è invece un atteggiamento compiacente da parte di altre donne che diventano sue galoppine, spesso in buona fede, nei mondi sparsi. Il verbo della privilegiata viene recitato nel mondo delle precarie dalla precaria che aspira a quella posizione di privilegio. Nel mondo della migrante da quella che aspira a raggiungere la vetta. I posizionamenti che le privilegiate impongono sono verticali. Se fai come me, sembrano dire, diventerai come me. Quelli delle altre femministe, come me ad esempio, e tante altre intersezionali, sono posizionamenti orizzontali.

Allora capirete che quando una donna privilegiata decide quel che io devo fare del mio corpo, del mio utero, imponendomi dall’alto un modello standard da raggiungere, definendo la desiderabilità dei tragitti da percorrere e imponendomi stigmi negativi quando calpesto altre strade, io non posso che giudicarla per quel che è: autoritaria, razzista, classista, moralista.

La donna privilegiata a questo punto demonizza, circoscrive l’area di aggressione, istiga le galoppine affinché aggrediscano la femminista non allineata, la donna che di mestiere fa la porno attrice, la spogliarellista, la modella hard, la sex worker, la prestatrice d’utero, perché giudica costoro dei veri e propri virus. Mi è capitato spesso di leggere non solo vari insulti nei confronti dei soggetti di lotta autodeterminata ma anche varie raccomandazioni nei confronti di altre donne alle quali veniva imposto di “non starle a sentire”, “sono pericolose”, un po’ come quando il prete dice che la donna ti induce in tentazione.

flashcards-_intersectionality1323387834491La donna privilegiata che stabilisce zone di non ascolto, nei confronti di donne diverse; che definisce una ulteriore stratificazione, inferiore, rispetto alla gerarchia che le vede occupare vette illuminate, crea ghetti razzisti; normalizza e legittima prassi e giudizi dominanti, misogini, come quando ci fu una guerra contro le donne che mostravano foto sexy accusate di essere zoccole responsabili dei maltrattamenti delle altre donne. Colpevolizzare le donne che vivono liberamente, racchiudendole entro stigmi precisi, vittime o zoccole, facendo del femminismo una ragione utile a chi realizza violenza, da donna a donna, da santa a zoccola, da moralista a libera, da ricca a povera, da benestante a puttana, è prassi della donna privilegiata, la femminista bianca, etero, cis, benestante, vicina a posizioni di potere, cristiana, occidentale. Analizzare questi posizionamenti è indispensabile per chiarire che ogni discussione, ogni pratica femminista, non può essere vista da una sola angolazione. Quello di cui voi leggete più spesso è un femminismo coloniale, razzista, autoritario, di donne privilegiate. Imparare a individuarne e distinguerne i contorni autoritari per non subire le scomuniche realizzate da certe galoppine, in attesa di ascendere e di raggiungere lo stato di illuminazione delle privilegiate, vi serve per non perdere di vista il vostro percorso indipendente.

Le donne hanno tutto il diritto di decidere quale libertà, quale modello di riferimento, quale identità politica, scelta personale, dimensione pubblica, occupare, vivere, respirare. Va tutto bene, purché tu non ti permetta, mai, di dire a me come è meglio vivere o quali sentieri sia più giusto percorrere per liberarmi. Va tutto bene purché tu non dica a me, come le privilegiate fanno, che se non la penso come te non è poi così certo che io sia in grado di intendere e volere. E’ la tua costante opera di gerarchizzazione dei bisogni, senza ascolto, con empatia selettiva, che realizza razzismi, sessismi, classismi. Io sono perché io decido, e tu non sei proprio nessuno per dirmi come vivere.

E no, non puoi più mettermi a tacere, perché non siamo più al tempo in cui le privilegiate censuravano le parole delle donne “inferiori”, di mente, corpo, identità, orientamento politico e classe. Non puoi più farlo perché io, povera, meridionale, non privilegiata – per quanto io sappia di esserlo invece nei confronti della migrante, della trans, di chiunque viva in condizioni ancora peggiori delle mie, per quanto io non mi permetta mai di dettare il verbo a quelle che vivono diversamente da me, restando attenta e in ascolto delle istanze delle altre, affiancandole, dando loro spazio, mai sovradeterminandole – non puoi più farlo perché internet ci ha aperto un mondo consentendo a tante come me di raccontarsi senza filtri. Ed è questa narrazione, senza filtri, che, per quel che mi riguarda, costituisce l’anima della ricchissima dialettica femminista. Ad altre analisi, allora, e buona lotta a tutt*!

—>>>Qui alcune considerazioni su commenti dedicati a questo mio post.

Leggi anche:

Comments

  1. aaaah… molto liberatorio leggere queste righe! finalmente ho trovato analizzati e messi in fila i sentimenti che sento da tanto ma non riuscivo a esprimere. non so se mi auto dichiarerò femminista intersezionale, ma che mi importa delle etichette? chiedo il permesso di poter ricorrere allo schema sopra, per spiegare meglio a chi, a volte, con la parola chiave del “femminismo”, vuole correggere un mio desiderio o censurarlo o giudicarlo. grazie, e grazie.

  2. L’ha ribloggato su changingmoods.

Trackbacks

  1. […] in alcuni provvedimenti, è il rispetto della libertà di scelta e qualche lettura di femminismo intersezionale e femminismo postcoloniale che male non fa. Una tra le cose che insegna? Il fatto […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: