#ViajoSola – Io sono libera di andare dove voglio

12794520_10207451023985679_6966727077953001601_n

Io indosso una minigonna e nessuno, mai, dice che se mi hanno stuprata è perché me la sono cercata. Accetto volentieri di parlare con persone sconosciute perché penso che tutti quanti in fondo siano animati da buone intenzioni. Nessuno mi dirà che non ci si deve fidare e che se mi fido quel che accadrà sarà per colpa mia. Io vado a ballare, a volte bevo, qualche volta mi sballo. Nessuno mai ritiene di dover approfittare di me solo perché mi sto divertendo e non sono abbastanza lucida da poter dire di no.

Mai nessuno mi dirà che me la sono cercata. Io mi trucco, ho un tatuaggio, ho anche dei pearcing, ma non per questo dovrò sorbirmi la tiritera sulle donne che non hanno più gli stessi valori di una volta. Io cammino da sola, di notte, esco da sola, la sera, perché so che nessuno avrà intenzione di farmi del male. Non mi sentirò pedinata, nessuno mi disturberà perché ritiene che io, senza un uomo, sia disponibile per lui. Nessuno mi dirà,  dopo una possibile aggressione che è stata tutta colpa mia. Nessuno dirà che non devo uscire da sola a certe ore della sera o della notte. Quel privilegio non è solo per gli uomini.

E nessuno mi dirà mai che lo stupro, di sera, contro una donna, è come la rapina verso un uomo che porta in giro un orologio di valore. Andare in giro e respirare, camminare, vivere, non è come esporre ricchezze che provocano i poveri e i ladri. Il corpo non si ruba e nessuno dirà mai che sono io ad avere colpa e non gli stupratori. Io prendo il treno, la sera, dopo il lavoro, e se trovo un malintenzionato potrò dire basta perché non è colpa mia. Io vado in bus e nessuno penserà di avere il diritto di strusciarsi su di me e di palparmi, facendomi sentire il cazzo duro poggiato sui miei abiti.

Nessuno avrà intenzione di molestarmi perché la cultura di chi mi circonda non è uguale a certi uomini “stranieri e dell’Islam”. Noi siamo molto più avanti e non c’è un solo uomo che mi dirà di indossare abiti diversi, per non esporre il corpo ad eventuali criminali. Io posso camminare libera, andare in giro in bicicletta a tarda ora, guidare la sera e rientrare in casa tardi, dopo una serata con le amiche, e nessuno mi chiamerà troia perché ho partecipato ad una serata in cui ho pomiciato con uno sconosciuto. Se quello mi avesse stuprato nessuno avrebbe detto che sarebbe stata colpa mia. Io vado in campeggio, d’estate, da sola, e nessuno dirà che così è come far capire che sono disponibile. Accetto passaggi dagli sconosciuti e non succede mai che qualcuno metta la mano sulla mia coscia e tenti di stuprarmi.

Non succede di essere scaricata per strada perché ho detto di no. Io posso acconsentire ad un rapporto sessuale e posso anche dire no. Nessuno mi dirà che avrei dovuto dirlo un po’ più forte o che non posso iniziare e poi smettere, perché se uno ha il cazzo gonfio dovrei soddisfarlo. Io vado a correre la sera, al parco, per le strade, e nessuno pensa che correre sia un po’ come autorizzare alla molestia. Io viaggio da sola, vado ovunque, prendo il mio zaino e visito paesi sconosciuti, come hanno fatto tanti uomini prima di me, avventurosi, scopritori di nuove terre ferme e isole, attraversando oceani, fiumi, montagne.

Nessuno mai dirà che sono pazza e che se qualcuno mi farà del male me la sono cercata. Io viaggerò da sola e non dovrò aspettarmi che un uomo mi stupri o mi uccida, perché le strade sono anche le mie e non è scritto in nessun posto che le donne debbano stare a casa o viaggiare con la scorta, solo perché donne. Io sono tutto questo e molto di più e so, ne sono certa, che quello che ho detto, quel che ho fatto e vorrei fare, mi è stato e mi sarà reso difficile perché in realtà le cose vanno in modo assai diverso. Siamo nel 2016 e, ancora, qualunque cosa io faccia, se qualcuno mi fa del male, è sempre colpa mia.

Un abbraccio a Guadalupe che ha pianto in pubblico per la morte di due viaggiatrici, Maria e Marina, uccise e lasciate in sacchi dell’immondizia, perché, appunto, “viaggiavano da sole”. Dobbiamo pretendere che le strade, le città, il mondo, siano a misura di donne e non con più “sicurezza”, più guardie, ronde, uomini armati, ma con un cambiamento culturale che deve riguardare tutti quanti, incluse le donne che dicono ad altre che dovrebbero comportarsi diversamente perché altrimenti sono solo delle zoccole.

12804720_10207451023905677_7846258765130864063_n

12798917_461390927379824_1332054854973040437_n

Advertisements

Comments

  1. Io rientro spesso da sola la notte per lavoro (sono turnista). Dici che prima o poi mi impediranno anche di andare a lavorare perchè se stacco dal turno di sera e torno a casa mia “me la sto cercando”? 😦

Trackbacks

  1. […] Sorgente: #ViajoSola – Io sono libera di andare dove voglio – Al di là del Buco […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: