Sulla parola “bitch” e l’arretratezza della lingua italiana

hateful-eight-03_jpg_1003x0_crop_q85

Sul film di Tarantino avevo scritto una recensione chiarendo che mi è piaciuto il film, non lo trovo affatto misogino e penso che analizzare il film secondo quel parametro vittimista (riferito al genere femminile – immaginando che nei ruoli cinematografici le donne dovranno sempre essere mostrate come figure tutte quante buone, vittime, e da trattare con garbo) sia semplicemente riduttivo. Marta mi propone invece un’analisi del linguaggio che mi trova abbastanza d’accordo. E’ vero: la parola bitch può essere tradotta con “stronza”. Ma si sa che vedere i film in lingua originale è assai più bello che vederli doppiati in italiano. Buona lettura e buona discussione!

>>>^^^<<<

Ciao Eretica,

Ti seguo con interesse da diversi mesi, il tuo punto di vista è sempre molto interessante per cui vorrei condividere con te e la community una riflessione.
Ieri sera sono stata a vedere il nuovo film di Tarantino. Premesso che non l’ho trovato particolarmente sessista, e che in generale non credo che Tarantino sia un regista sessista (penso non tanto alle super cattive dai corpi perfetti di Kill Bill quanto allo straordinario e umanissimo personaggio di Jackie Brown), sono uscita dalla sala con una sensazione di “fastidio”.

Fastidio perché durante tutto il film all’unica protagonista femminile viene dato continuamente, nella versione italiana, della “puttana”. In realtà guardando le citazioni su IMDB ho avuto la conferma che nella versione originale i personaggi usano il termine “bitch” che può essere tradotto, grossolanamente, come “stronza” o qualcosa di simile, ma non ha quella esclusiva connotazione sessuale che hanno altri termini come “whore”, “slut” o “cunt”.

Ovviamente questo aggiunge una connotazione molto più sessista alla pellicola, il che di per se è già fastidioso.
Ma la cosa grave è che secondo me è stata fatta questa scelta perché in questa lingua che è specchio della società, dare della “puttana” o della “troia” è la cosa più forte ed efficace nel parlare comune quando si vuol colpire una donna.
Dare della “stronza” sarebbe poco efficace….del resto c’è pure l’equivalente al maschile che “puttana” non ha, rimanendo di fatto il termine che permette di andarci giù più duro.

Questo accade sia da parte di uomini che di altre donne, e far passare il messaggio che le parole contano è veramente difficile, ci si scontra sempre con quell’irritante muro del “ma che vuoi che sia”.

Il film è prodotto anche da Rai Cinema ed ha, come ben noto, la colonna sonora di Morricone, per cui dovrebbe essere espressione abbastanza importante della cultura italiana (se non altro per la visibilità che ha), e se questo è il livello…è desolante.
Sono io che sto esagerando?
Se non è così, c’è nulla che possiamo fare?

Grazie per l’attenzione e per i tuoi contributi quotidiani…

Un saluto,
Marta

Comments

  1. seguo film e serie tv in lingua originale e la parola bitch è molto usata, anche rivolta a uomini e nel doppiaggio viene sempre tradotta come “puttana”, ma il significato è stronza come hai scritto tu

  2. No, il termine bitch si riferisce a cagna in calore, con chiaro riferimento sessuale e animalesco, in senso del tutto dispregiativo e perfino peggiore di whore, non certo a stronza. Oggi può essere usato come sinonimo di stronza, allora no, e stiamo parlando di fine 1800, di uomini che non si fanno problemi a picchiare una donna solo perché apre bocca, quindi non avrebbe senso tradurlo in maniera soft e non sessista, dato che è con quel preciso intento che viene usato. Semmai avrebbe senso dire che è meglio usare troia, sempre un rimando all’animale, oppure direttamente cagna.

  3. Ciao Marta,
    la traduzione letterale di bitch è cagna, eda ciò che so viene usato principalmente per dare della troia, il classico detto “son of bitch” vuole dire figlio di puttana, per il termine stronzo viene usato asshole.
    Non ho visto il film, per cui non entro nel merito del sessismo, ma i film di Tarantino hanno sempre tematiche forti… Django trattava il razzismo, Bastardi senza gloria i crimini di guerra e così via, per cui non mi stupirei che volesse evidenziare il ruolo della donna in una società maschilista… anche perchè Tarantino non mi sembra proprio la persona che manca di umanità e sensibilità. (Detto ciò andrò a vedere al più presto il film!) 🙂
    Saluti Davide.

  4. io sono d’accordo con questa riflessione.. a me già aveva diciamo puzzato il fatto che l’unica donna del film doveva essere impiccata, “come tutte le streghe in tutti i film maschilisti”… ma siccome ancora non lo vedo questo film mi sono detta, prima lo guardo e poi lo critico. Pero cmq come prima impressione non era la migliore. Detto questo penso che il linguaggio costruisca la realtà quindi una buona traduzione è assolutamente necessaria.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: