L’istigatore allo stupro e lo scantinato di sua madre

Gulabi Gang - India

Gulabi Gang – India

 

Roosh V, dopo aver scritto e diffuso parole che istigano allo stupro, dopo aver affermato che le donne dovrebbero solo fare figli ed essere belle, dopo aver detto che le giornaliste avrebbero potuto intervistarlo solo dopo avergli fatto un pompino, annuncia ora che le iniziative programmate per il 6 febbraio in 43 paesi del mondo, Italia inclusa, sarebbero stati annullati perchè privacy e sicurezza dei partecipanti non sono garantiti. In particolare ci tiene a far sapere che lui avrebbe ricevuto molte minacce di morte, soprattutto da Glasgow, una delle città che avrebbe dovuto ospitare l’evento. Aggiunge poi di aver inserito, solo ieri, un disclaimer, nel suo post sulla legalizzazione dello stupro, in cui dice che sarebbe una roba da ridere, uno scherzo.

Dunque, come dicevo ieri, il tizio non è altro che un vigliacco che non solo teme la reazione delle donne, dopo averle tanto insultate, ma teme, ancor di più, evidentemente, la reazione di chi potrebbe denunciarlo per istigazione a delinquere. Ha negato, banalizzato, o, per lo meno, ci ha provato, nonostante continui ad offendere le donne, a offendere la nostra intelligenza. L’uomo non è altro che un povero sessista che a 36 anni vive nello scantinato in casa di sua madre. Chissà quante sono le ore che passa attaccato al computer e non mi stupirei se le tecniche di seduzione di cui parla le impiegasse solo nella sua fantasia.

Sono molti i libri, inclusi quelli in cui legittima lo stupro, che si è autopubblicato e che vende anche attraverso Amazon, contro la quale gira una petizione che ha raccolto quasi 300.000 firme per chiederne il ritiro. In ogni caso, ecco, quel che dovevamo dire l’abbiamo detto. I suoi seguaci, qualunque sia il tempo in cui vorranno riunirsi per parlare delle cattivissime femministe, hanno ragione a temere di non essere accolti con un applauso. Nessun linciaggio, no alla vendetta, nessuna minaccia, ma, solo, un messaggio resistente bello chiaro e forte: No Pasaran!

La violenza di genere si previene cambiando la cultura e la cultura (dello stupro) è alimentata anche da misogini come questi che immaginano le donne sottomesse e incapaci di reagire di fronte alle stronzate che divulgano. Le parole sono importanti e non c’è disclaimer che basti per minimizzare la gravità delle parole diffuse da questo esimio misogino. Nessuna delle donne in ascolto può accettare che qualcun@ pronunci giustificazioni allo stupro, perché ne abbiamo abbastanza di sentire lagnare coglioni vittimisti che non fanno altro che aggredire, per poi giurare di essere vittime delle donne che reagiscono per legittima difesa. Ne abbiamo abbastanza e non lasciamo che a difenderci siano paternalisti, tutori e cavalieri, perché abbiamo forza a sufficienza per difenderci da sole.

Lo facciamo da sempre, tenendo i pugni stretti e la testa alta, fiere, coraggiose, ogni volta che qualcun@ ci ha mollato un insulto, un pugno, una molestia, una violenza, perché le donne combattono da sempre dentro e fuori casa e un cazzone del genere non ci spaventa neanche un po’. Tranquille, dunque. Lui si nasconde in quello scantinato e piange per le reazioni alle sue porcherie. Noi siamo fuori, insieme, e non abbiamo nulla di cui vergognarci. Noi.

Leggi anche:

Comments

  1. Che patetico imbecille.

  2. Un Uomo talmente MACHO che alle prime minacce Online chiama la polizia, si barrica in casa dei suoi e annulla tutto…..

  3. Dunque …annuncia ( fa) convegni in tutto il mondo (quindi soldi per mantenersi ne ha ) ma vive con i genitori . A 36 anni. Magari ha anche bisogno che la mamma gli rifaccia il letto la mattina. Deve essere uno di quei tipi che se li incontri per strada ti tirano su una lezione di vita che non finisce più e appena replichi con una frase ovvia non sanno che dire e se ne vanno. No vabbè . Poveretto. Lui e quelli che gli van dietro , immagino perennemente a corto di conoscenze femminili.

  4. L’ha ribloggato su Random Mee ha commentato:
    SIGNAL BOOST, perché è stato, è e sarà importantissimo resistere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: