Annunci

Inquietanti ritratti di madre e figlia per Victoria Sorochinski

di Ina Macina

I ritratti della fotografa Victoria Sorochinski rompono la retorica della maternità, restituendola in una forma non convenzionale e meditata.

In un primo momento, le pose sembrano raccontare una relazione meno rassicurante di quella tradizionalmente promossa, concentrandosi sul concetto di identità; madre e figlia si scambiano i ruoli, sembrano cercare una conferma l’una nell’altra oltre ogni gerarchia relazionale, si osservano, si riflettono. Ma proprio così, dopo un po’, torna la sensazione rassicurante trasmessa non da una rappresentazione forzatamente e unilateralmente positiva ma onesta, proprio perché ambivalente.

Nessuna foto, di per sé, è angosciante, semmai perturbante nel momento in cui mette in luce i delicati equilibri di un rapporto estremamente intimo, indissolubile – nel bene e nel male – come ben rappresenta la foto in cui la mamma ‘cuce’ a sé la figlia: metafora senza filtri della difficoltà del vivere con libertà i rispettivi ruoli, coincidendo o riscattandosi da essi, come anche di dover rinunciare al ‘possesso’ dell’altra, sia nella dimensione di madre, sia in quella di figlia.

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta2

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta3

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta4

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta5

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta6

Victoria_Sorochinski_Cultura_Inquieta7

Annunci

Comments

  1. L’ha ribloggato su ina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: