Non voglio diventare come mia madre

Lei scrive:

Cara Eretica, i racconti di Natale mi hanno dato spunto per raccontare la mia storia.
Sono una ragazza del Sud, che appartiene ad una famiglia ricca di contraddizioni.
Mia madre è una casalinga cinquantenne, repressa, nervosa, al limite di una nevrosi. Sgobba dalla mattina alla sera facendo lavori praticamente inutili – quando potrebbe praticamente rimandarli anche di un giorno – perché “va fatto”.

Abito in una palazzina condivisa con i miei nonni materni, che sono stati la presenza più ingombrante nella mia vita. Mi hanno dato tanto, devo ammetterlo, ma insieme ai loro beni e al loro bene, avrebbero tanto voluto impormi il loro modo di pensare. Cosa che hanno fatto con mia madre, che a 50 anni si ritrova a fare la schiava della madre.

Per colpa loro, non ho potuto trasferirmi per studiare fuori, perché le ragazze vanno ad abitare da sole solo quando si sposano. Così per i 5 anni universitari ho fatto vita da pendolare spaccandomi la schiena, e la cosa mi ha temprata verso il concetto di sacrificio quindi, in parte, è una cosa positiva.

Mia madre, ogni giorno, mi rinfaccia che in casa non aiuto mai (studio e lavoro, sono in casa solo la sera e faccio il possibile per tenere le mie cose in ordine) mentre mio fratello e mio padre fanno le proprie comodità e non muovono un dito. Una volte le ho detto “ma ti sembra giusto che devi fare tutto da sola e non chiami mai loro?” e quando lei mi ha risposto “ma sei tu la FEMMINA” ho capito che per lei non c’era speranza.

Ho paura di diventare come lei, ed è per questo che voglio scappare lontana da questa realtà e fare tutto ciò che lei non ha potuto/voluto fare in tutta la vita. Mia madre non ha vita sociale, non esce se non con mio padre, non ha amicizie. Non ha hobby, interessi, motivi di vivere a parte quello che fa tutti i giorni. Non va in vacanza, i suoi bisogni vengono sempre DOPO i bisogni dei suoi genitori, che vengono SEMPRE prima dei bisogni di suo marito e dei suoi figli.

Non è una donna indipendente.

Le voglio un bene dell’anima, ma crescendo ho capito che purtroppo i sentimenti non bastano. Lei vorrebbe che mi trovassi un lavoretto vicino casa, mi sposassi e, per il resto della mia vita, facessi quello che lei ha fatto con sua madre. Vivo nel terrore del giorno in cui le dirò che mi trasferisco.

Un abbraccio a tutti e buone feste.

Advertisements

Comments

  1. Carissima, mi trovo esattamente nella tua situazione (tutti ma dico tutti i dettagli coincidono in maniera terribile!), ma non vivo nel sud Italia, bensì in Friuli, un posto per me tristissimo. Secondo me dovremmo scappare prima che sia troppo tardi. Io ho messo da parte le preoccupazioni finanziarie e oggi ho fatto i primi passi x cercare un appartamentino. Se questa decisione a mia madre non andrà bene, chissenefrega. Ricorda che nessuno potrà restituirti gli anni di vita che hai perso perché tua mamma ti ha impedito di vivere.

  2. Dio, mi sembra di rileggere quel che scrivevo io fino a qualche anno fa.
    Non me ne sono ancora andata, non del tutto…per adesso sono all’università, ma da fuori sede e torno a casa il meno possibile. Ogni volta che ci torno, però, all’amore che provo verso i miei genitori si mescola una malinconia terribile e soprattutto la paura, anche se mi sembra cattivo scriverlo, paura di sprecare anche io la mia vita in quel modo.
    E adesso che l’università sta per finire spero di avere il coraggio di fare la scelta giusta.
    In bocca al lupo ragazza sconosciuta, ti ringrazio per avermi ricordato come mi sentivo qui e come devo assolutamente evitare di tornare a sentirmi.

  3. letizia del bubba says:

    Ti auguro di trovare presto la tua strada. Il conflitto, anche con le madri, fa parte della vita ma non è detto che sia distruttivo. Può essere, magari non da subito, un percorso di crescita per entrambe. Se puoi leggi Sotto la pelle dell’orsa, un piccolo grande libro di Roberta Mazzanti. Un libro autobiografico ma riflessivo che parla a tutte noi.
    Ciao

  4. Scappa, scappa finchè sei in tempo! Già è positivo che ti sia accorta di quanto sia assurdo vivere così….

  5. L’ha ribloggato su Lpelo2000's Blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: