Ci tengo al maschio che è in me

12112445_10153742619189525_8944199324330369108_n

di Antonella

“Diventare tutti maschi”. Lo leggo allibita. Stamattina sull’autobus. Il pezzo di Marina Terragni. Quasi non ci credo: è tutto un mettere in guardia sul gender. Attenzione pericolo! Il rifiuto dei ruoli di genere socialmente imposti nasconderebbe in realtà una specie di complotto per far sparire le donne!

Io non voglio argomentare sul quadro generale. Di studi di genere non ne so abbastanza. So abbastanza di me stessa, però. E di quello intendo parlare. E sputare fuori la mia indignazione. Perché quel pezzo là trasuda omofobia come poca roba in giro, sissignore, credetemi.

Da donna lesbica che rivendica oggi con orgoglio la propria mascolinità, chiedo: perché invisibilizzarmi? Perché mettermi in un angolo, facendo finta che io non esista, cara Terragni? O addirittura perché colpevolizzarmi? Scrive nel suo pezzo che “Se si vuole essere modernamente neutri, si deve sacrificare la femmina molto più di quanto si sacrifichi il maschio.” No aspetta. Aspetta, cara mia. Io non sto sacrificando nulla. Io sono me stessa ed esserlo mi è costato fatica.

Tu stai dicendo che io dovrei rinunciare alla mia mascolinità? Per fare che? Per evitare che? Quale sarebbe per me e per tutte le lesbiche butch la giusta dimensione? Prendi spunto per il tuo pezzo da un’immagine di moda e denunci il fatto che “modella e modello (sono) vestiti in modo molto simile (giacca maschile e pantaloni)” e non sai -o preferisci non sapere- quante di noi non rinuncerebbero mai a vestire “da maschio” o quante di noi, entrando in un negozio di scarpe, non degnino nemmeno di uno sguardo tacchi e paillettes. Spiegatemi perché io sarei un pericolo. Davvero la parte mascolina di me mette in discussione qualcosa nel tuo mondo? E se si, non ti pare che questo debba sollevare qualche interrogativo in più, piuttosto che assegnare uno stigma ulteriore?

Oppure mi devo aspettare di essere tacciata di non essere abbastanza femminista nel rivendicare ciò che sono? Parlo per me, ma parlo anche per tutte quelle che si sono sentite dire almeno una volta nella vita “oh, sembri un uomo” quando invece volevano solo essere sé stesse. Non siamo complici di nessun “femminicidio simbolico”. Non siamo conniventi con nessun sistema di potere. Siamo quello che siamo e tu apri gli occhi su di noi e ascolta ciò che abbiamo da dire. Se ti riesce.

E se la sfida è aperta sappilo: ce la giochiamo a braccio di ferro!

Leggi anche:

Quel femminismo che teme la scomparsa della “donna”

Comments

  1. Beh, più facile puntare il dito verso questo considerare gli altri sbagliati che capire, ed ascoltare veramente le motivazioni di una pesona che si sta mostrando veramente al mondo. Buona Giornata..! Namastè

  2. 10 minuti di applausi!
    Una domanda da profana: il termine “butch” e’ considerato offensivo o neutro in italia? Nel mondo anglofono e’ controverso, che io sappia.

    • Sono ‘profana’ quanto te, a dire il vero -almeno sul linguaggio- e una risposta esauriente (per ragioni varie che hanno principalmente a che fare con provenienza geografica e età anagrafica) non ce l’ho. So per certo una cosa: se ‘butch’ fosse un termine dispregiativo (e immagino bene possa esserlo, e perché) a maggior ragione lo avrei usato. Allo stesso modo in cui ci si appropria del termine zoccola, io lo vorrei sbandierare sotto il naso di chi discrimina, di chi invisibilizza. Si: se fosse spregiativo, lo userei ancor di più. Io per me utilizzo spesso il termine ‘camionista’ (e lo faccio con lo stesso intento) perché è più comprensibile a chi di solito mi legge sui social: famiglia e amici/che, che come me non hanno grandi cognizione di cultura queer (ma studio, eh?). Mi piace moltissimo il termine ‘frocia’ che viene usato però (per me) perde un po’ di efficacia in termini di subvertising (per le donne). Ultima cosa (approfitto della tua pazienza): io trovo davvero triste che la lesbica mascolina trovi raramente rappresentazione nella comunicazione generale. E nemmeno certa (benevola) rappresentazione della realtà queer fa grande differenza in questo: del gay pride vedo molto più fotografate lesbiche molto molto femminili nell’aspetto… Spero di sbagliarmi! Le butch esistono. Facciamole esistere! Cheers.

  3. Mi piacerebbe che tutti smettessero di catalogare i comportamenti e gli interessi come “cose da maschio” o “cose da femmina”. Non penso che il mondo andrà in rovina, se le donne si sentiranno libere di amare il motociclismo e gli uomini di amare la moda (per fare due esempi a caso). Anzi, probabilmente ci sarebbero persone più felici, quindi il mondo ne guadagnerebbe!

  4. questo sarebbe un bel articolo per capire che differenza vi sta fra persona e gender

  5. Io sono etero e sono orgogliosa del mio armadio pieno di pantaloni e camicie,queste quai tutte “maschili” sia nel taglio che nel’abbottonatura.
    A mettere la cinta lo imparato da mio fratello e quindi le metto dal lato “maschile” del resto quando guardo una camicia il lato dell’abbottonatura non lo degno di uno sguardo
    Amo il giardinaggio e io fai date sopratutto la falegnameria e fin da bambina ero attratta dagli oggetti in legno e da chi li fabbricava e mi sarebbe tanto piaciuto andare in bottega ad imparare….ma indovinate un po’ perche’ non l’ho potuto fare!?!?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: