A tredici anni si è consapevoli della propria sessualità?

d42cd6c6a0f4fdd807ecfdbb325b5a68f4ed0075_m

Lei scrive:

Ciao!
Ti scrivo perchè ho bisogno di sfogarmi un po’.
Ho 13 anni.
13 anni di anti sessismo, di bisessualità, di musica e “sesso”.
Okay, prima che pensi male: mi masturbo perchè lo trovo rilassante, tutto qui.
Non ho alcuna vergogna a toccarmi.

Giusto prima stavo discutendo con mia sorella; lei dice che una ragazzina di 13 anni deve giocare con le bambole perchè è da troia (a tutte le età, afferma) pensare al sesso.

Okay, certe frasi si commentano da sole. Tante volte penso: “ma è normale che penso al sesso? È sbagliato? Reato?” Ma poi me ne frego e continuo a rilassarmi.
Anche perchè sono nella piena etá degli ormoni, penso sia normale pensarci!
Vivo dentro una famiglia di cattobigotti cristiani finti santarelli, che detestano qualsiasi forma di ribellione.

Mi deprimo quando fanno battute squallide sui gay (essendo bisex) e quando mio fratello (senza essere ripreso) mi dice “Vatti a mettere un burqua e fammi un panino”. MA LUI LO SA COSA DIAMINE È UN BURQUA?!

Il mio sogno è quello di diventare attrice e di visitare l’Africa.
Vorrei frequentare corsi di volontariato per i migranti, ma per i miei è ovviamente un ‘no’ perchè Jesoo ci insegna ad aiutare solo gli italiani (spesso incoerenti).
*scusa per essere andata fuori discorso*

Penso di essere normale.
Lo spero.
Credo.

Sono bisessuale, diversa da tutto e tutti (della mia famiglia). Molte volte spero di essere stata adottata, almeno avrei la certezza di non essere sangue del loro sangue.

Non mi fanno uscire da sola con i maschi, niente maglie nere, niente di niente.
Sai che ha detto mia madre ieri mentre compravamo magliette e vestiti?
“Inizia a vestirti da femmina che così non ti farai MAI un FIDANZATO”

Il vero problema?
IO SONO BISESSUALE.

NON SO SE AVRÒ UNA FIDANZATA O UN FIDANZATO.
NON SO SE SARÒ LA DONNA O L’UOMO DELLA COPPIA.
NON SO NIENTE.

E lei, oltre a fare battute squallide sui gay insieme al resto della famiglia, mi crea sti complessi.

Poi sono una grassona di merda e mio padre (conoscendo i miei disturbi e la mia depressione) continua a comprarmi merdate.

E io ingrasso.
E mi deprimo.
E non trovo niente.

Grazie per la pazienza e continua così! Sei grande!

Ps: Avevo solo 8 anni e tra i miei scoppiò un grosso litigio che mi sono portata dietro per un bel po’ di tempo.
Mio padre urlava e tirò i capelli a mia madre, lei andò via per tutta la notte. Conclusione in breve: un uomo ed una donna non stanno bene insieme. Litigano, si picchiano. Tornai a scuola visibilmente terrorizzata, e una mia amica mi abbracciò. Fu un abbraccio stupendo. Mi sentivo bene. Con il seguire degli anni, andai in prima media e stavo sempre con le femmine. E tra baci e abbracci, un giorno finimmo a giocare ad obbligo e veritá. Baciai a stampo una mia amica. Mi trovai bene e lì pensai di essere lesbica. Baciai un maschio in terza media e mi ci fidanzai, anche se avevo paura …
Ci baciavamo ed eravamo contenti. Insomma: mi sono sempre trovata in bilico. Sono lesbica o etero? (Non conoscevo il mondo bisex). Feci ricerche su ricerche e capì finalmente che ero bisessuale. Ero terrorizzata perchè non sapevo niente, ancora. È da due anni che sono felicemente BISESSUALE anche se ho ancora qualche dubbio. Per adesso mi godo (per quel che posso) la mia bisessualitá

Advertisements

Comments

  1. Beata te che a tredici anni hai già le idee chiare.
    Conosco ragazzine della tua età (ma anche più grandi) vincolate dalle loro famiglie cattobigottecristiane, alcune non cristiane, semplicemente ignoranti, e l’effetto è l’estrema frustrazione di queste ragazze. Ti ammiro per la tua forza, hai dei bellissimi ideali, cosa che con molte non capita. Hai sviluppato delle idee tue, diverse da quelle represse e ignoranti della tua famiglia, considerati anche fortunata, considerato che avresti potuto diventare come tua sorella o tuo fratello.

  2. Ma sei davvero fantastica, io la tua forza e la tua auto-consapevolezza alla tua età me le sognavo! (alla faccia di quelli che si ostinano a criticare Internet in mano ai ragazzini) Continua così ❤

  3. hai tutto il mio supporto e la mia comprensione cara, fai bene a seguire la tua strada che è solo tua, e non quella degli altri. Mi raccomando non ti adeguare mai.

  4. Lo sai, vorrei dirti una cosa.
    A volte il sesso e l’amore si confondono, a volte si riuniscono.
    Quando si ha bisogno di affetto, si cerca un abbraccio, e quell’abbraccio non ha sesso né genere: è quello che manca e che basta. Ti avvolge, ti completa, ti fa stare bene, ti restituisce tutto quello che ti sembra di non essere e non avere.
    Io credo che non serve che tu ti metta addosso un’etichetta sessuale. Credo che tu esista, comunque tu sia, senza appartenenze: non importa in questo momento com’è e come non è la tua famiglia. Tu esisti, e quest’esistenza te la puoi cercare dentro. Gli abbracci te la restituiscono. Il sesso è un’altra cosa, è quando sei piena di te, talmente che ti doni a un’altra, a un’altro. Ma se ancora ti stai cercando, quello che trovi non è sesso, è bisogno di appartenenza.
    Non è facendo ricerche che ci si raggiunge: è abbracciandosi. Abbracciati tu per prima, e poi si vede come sei. Uno può vivere un’intera vita senza saperlo mai, com’è.
    Tu non sei questo né quello: sei tu, e in questo sei unica. Non sei una femmina o un maschio o un etero o un bisex: sei Tu, e non c’è ancora nessuna parola per dirlo, perché non lo sa nessuno come sei, nemmeno tu.
    Non cedere mai alla tentazione di appiccicarti un’etichetta addosso.
    A tutte le altre tentazioni sì che puoi cedere, perché non sono tali. Ma le etichette ti chiudono in una gabbia, anche quando ti danno l’illusione di poter essere libera.
    Quando parli di te o pensi a te, non pensarti in opposizione a nessuno, neppure alla tua famiglia. Tu sei tu e loro sono loro. E’ un problema loro come sono e che gabbie hanno scelto.
    Tu rimani fuori dalle gabbie, sapendo però che non è facile, e non basta scegliere una gabbia più grande di quella degli altri.
    Ciao e scusa, ma queste parole mi sono venute da dentro, per questo te le scrivo.

    • Trovo molto prezioso questo commento, Samina. Io ho superato i quaranta e ancora, a volte, mi scopro a definirmi “in opposizione a”. Penso che a tredici anni questo tipo di consiglio – ammesso che fossi stata pronta per accoglierlo – mi sarebbe potuto essere molto utile. E si sente che scrivi con il cuore.

      • Grazie, Nor. Anch’io (che ho superato i cinquanta) a volte cado nella trappola e mi sento “in opposizione a”. Ma mi ricordo sempre dei miei tredici anni, e anche di prima e anche di dopo. Mi ricordo di quando il corpo dettava legge confondendo tutto, ed era facile pensare “io sono così” o “io sono cosà”. Era facile guardare gli altri e giudicarli e dire con certezza dove sbagliavano, e dire “io non sono e non sarò mai così”. Si pensava di essere migliori, e che un giorno l’avremmo dimostrato.
        Poi si cresce, e si capisce che non è così semplice. Che ognuno fa ciò che può e sa fare, e che se non giudichi ma provi a comprendere fai bene prima a te che all’altro o all’altra. E allora ogni cosa ha un senso ed è al suo giusto posto, anche perché se ti muovi “in opposizione” non sei libera, non agisci, ma re-agisci, e quello che fai dipende dagli altri, perché è sempre il contrario di quello che fanno gli altri da cui dipendi e non vorresti.
        Poi un giorno ti svegli e la smetti. Scopri di essere unica e di non essere in nessuno dei modi che sono stati detti. Sei tu e basta, e nessuno è come te e tu non sei come nessuno. Scopri che il corpo è un immenso tesoro se lo vivi da dentro e non è lui a viverti. E allora, se hai fame mangi, se hai sete bevi, se vuoi un uomo e lui ti vuole, sei felice, e lo sei anche se non è un uomo ma una donna, non è questo quello che importa, ma che tu sia tu, pienamente, bene, per come lo senti.
        E quindi a quel punto sei leggera, e se abbracci, abbracci. Non hai bisogno degli altri, sei libera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: