Gli uomini urlanti

nippy

Sono quelli che non tollero. Intendo che non tollero che urlino quando fanno sesso. L’eco della loro voce interrompe l’attimo. Mi destabilizza. Mi rende inquieta e mi fa pensare che il tipo, sconosciuto, che ho scelto per andarci a letto sarebbe stato meglio fosse muto.

Li ho provati quasi tutti, e parlo della tipologia di peni. Da quelli timidi che si accasciano ad unione svolta a quelli che sembrano in grado di innaffiare un prato intero, includendo le mie lenzuola, la mia faccia, i capelli, e talvolta lo schizzo raggiunge anche il pavimento. Quand’è così mi chiedo quand’è stata l’ultima volta che hanno scopato. Dieci anni fa? Venti?

Io credo molto in me stessa e in genere riesco a contenere schizzi e urli nella norma, giacché di fare sesso con i tappi alle orecchie e una maschera sul viso non ho voglia. Comunque voglio dire che il mio è un progetto quasi artistico. Voglio filmare gli uomini quando vengono. Nascondo una videocamera che riprende tutto, poi taglio le parti non interessanti e monto una eiaculazione dietro l’altra. L’unico viso che si vede è il mio, con le espressioni che variano di volta in volta a seconda della tipologia di venuta maschile.

E’ cominciata quasi per gioco, per scommessa con un’amica che diceva di aver visto più cazzi rispetto a quanti ne avessi visti io. Mi parlò di cazzi a punta, a fungo, a sfilatino, a cottonfioc. A ciascuno aveva attribuito un nomignolo. Allora ho voluto mostrarle la mia attività sessuale con le minchie in primo piano. Si è ricreduta ed è rimasta anche sorpresa. Effettivamente io avevo incontrato forme che lei non aveva mai e poi mai visto.

Le mie performance sono facili da svolgere. In giro incontri molti uomini che vogliono scopare. Basta un’occhiata conturbante, una secchiata di fascino e qualche chilo di lusinga e loro si sciolgono come ghiaccio al sole. Pensano di avermi conquistata e non sospettano minimamente che sono loro ad essere caduti in una rete. Il mio progetto prende vita ed è in piena erezione che spero duri molto, almeno fino alla sua conclusione.

Come può concludersi un video di eiaculazioni e peni? Con me che dico di averli visti tutti? Con uno degli uomini che eiacula sulla telecamera? Effettivamente sarebbe un’ottima soluzione. La lente imbiancata dallo sperma. C’è la mia amica che ad un certo punto, però, mi ha detto che sono decisamente folle. Scorretta perché non dico nulla agli uomini a proposito del mio progetto. Ma quanti sono gli uomini che filmano di nascosto le loro partner per ricattarle, per mortificarle quando rompono, per fotterle in tutti i sensi? E in realtà se gli uomini mettono in piazza i volti, le identità delle donne che non li hanno soddisfatti e si sono sganciati dalla loro morsa proprietaria io, invece, non ho piani di vendetta e non svelo l’identità dei soggetti che “intervisto”. L’intervista è fatta al pene ma avete capito, almeno spero.

Ho poi incontrato un uomo che mi ha fatto trascorrere ore di piacere intenso. Non si è neppure spogliato. Ho pensato avesse qualcosa che non va. Invece credo che sia a posto. Mi ha masturbata, leccata, ha fatto mille cose per dare piacere al mio corpo e quando gli ho detto che volevo ricambiare mi ha detto che no, va bene così. Ho pensato di aver incontrato un uomo con disfunzione erettile o forse non è un uomo ed è un trans che non ha ancora fatto un completo cambio di sesso. Che dire? Mi ha incuriosito e l’ho invitato varie volte per tentare di farlo sbottonare. Intendo in senso letterale.

Lui è venuto, cioè, non proprio venuto, ma è passato da casa mia ancora e ancora. Tanto da farmi abituare al suo odore, al sapore delle sue labbra. Mi ha sempre coccolata moltissimo e un giorno, quando avevo deciso che sarebbe stato l’ultimo giorno, ha messo il preservativo e mi ha penetrata senza porgere il suo pene alla videocamera. Mi ero persa il cazzo più interessante della mia collezione e allora, dato che mi era sembrato un uomo decisamente intelligente e disponibile, gli dissi del mio progetto e chiesi ufficialmente di poter filmare il suo pene in erezione. Ebbene si, sarebbe stato l’ultimo, ovvero quello che aveva il compito di imbiancare l’obiettivo.

Disse di no. Non gli andava di essere oggetto di derisione o uno tra i tanti cazzi messi a confronto nella carrellata. Mi disse che poteva essere l’unico pene filmato per ore e ore, ma mai un cazzo tra gli altri. La conclusione fu che mandai a quel paese il mio progetto. Conservai i video per me, per il mio divertimento, e accettai di avere rapporti in esclusiva con il pene del tipo che lo aveva negato al mio progetto. Se lui era geloso di quelli con cui ero stata? No. Si sentiva troppo sicuro di sé e, anzi, sapendo quanti cazzi avevo scartato, dopo aver scelto solo il suo, si sentiva molto gratificato di aver vinto il premio di quella strana competizione.

Ho dimenticato un dettaglio: lui urla. Mi ordina di godere. E non ho mai goduto tanto, non ho mai sentito così intimamente l’eccitazione che si prova quando la tua carne è in mano a un uomo che sa come darle piacere. L’ultimo degli uomini urlanti. Il pene che mi calza a pennello.

Ps: è una storia vera. Grazie a chi l’ha raccontata.

Advertisements

Comments

  1. Ajò, ma perché non vi rilassate? Ma perché non vi lasciate andare? Perché devi giudicare ste cazzate? Non dobbiamo urlare e ci può stare. Se non partecipiamo siamo freddi. Sembra che solo voi sappiate coddare, ma Ajò rilassiamoci e come va, va. Se c’è attrazione c’è tutto.

  2. Sarà amore?
    Monique Bingham – Bloody Lucky (Chymamusique Remix)

  3. se non urla non lo posso amare. AHAH. giuro.

  4. Gli uomini urlanti e le donne arroganti.
    Perchè se uno eiacula come un’idrante vuol dire che non tromba da una vita… magari pensi ancora che tutta quella roba sia presente nei testicoli.
    E poi ancora con sti clichè dell’uomo che pensa di conquistare ma finisce nella rete… sai a noi maschi checce frega, l’importante è portare a casa il risultato, cioè “si scopa”. E se finiamo nella rete tanto meglio, tutta fatica e tempo prezioso che non abbiamo sprecato.

  5. Uomini che vogliono solo farti godere esistono?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: