Antiautoritarismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie, Violenza

Quei lager dedicati alle ragazze con disturbi alimentari

Ricevo e pubblico, con un grandissimo abbraccio a questa ragazza così consapevole di quello che le succede.

Lei scrive:

Ciao sono C., ho 16 e soffro di anoressia da due anni. Non ho un carattere semplice, sono abbastanza scontrosa e arrogante, ma soprattutto sono decisamente nervosa. Proprio per questo mi hanno ricoverata solamente una volta, perché le altre volte che ci hanno provato mi sono ribellata minacciando di digiunare fino alla morte.

A volte mi chiedo se fosse stato meglio cedere e farmi aiutare, ma poi ci ripenso: quello non è farsi aiutare. In quel maledetto reparto ci sono rimasta per 5 lunghissimi mesi in cui sono passata da pesare 44 kg a 42 kg, che detto così sembra niente ma sono alta 1.70 m quindi è un peggioramento enorme. Non solo: questo ricovero è stato devastante anche per il mio carattere, penso di avere insultato tutti come si deve, senza risparmiare nessuno, tant’è che gli infermieri quando me ne sono andata erano contenti, ma non perché sapevano che stavo meglio (perché sapevano che non era così) ma perché finalmente avevano un’isterica in meno in quel posto dimenticato da Dio.

Ma sono le pratiche ad essere sbagliate, in quanto non puoi mettere a vivere insieme per mesi 9 ragazze con lo stesso disturbo, perché diventa una gara alla più magra, a chi taglia prima il nastro per il traguardo (e che traguardo, la morte). Le ore passate nella stessa stanza a guardare i piatti delle altre e vedere quanto hanno mangiato e poi fissarle, e poi sentirmi tutti gli sguardi addosso: ORRIBILE.

I giorni passati con le mani fasciate per non mangiarsi le unghie, ottenendo l’effetto di mani monche che non ti permettevano di fare nulla. E tutti i giovedì mattina, in cui ci si doveva svegliare mezz’ora prima per andare a pesarsi, con i lunghi momenti di attesa fuori dalla porta della sala medica con una decina di ragazzine ansimanti per l’agitazione di aver preso un grammo.

E quando volevano obbligarmi ad andare nella mia scuola con il sondino (per chi non lo sapesse è un tubicino che infilano nel naso e arriva fino allo stomaco e serve per l’alimentazione artificiale), come attira-prese in giro. E come dimenticare gli integratori, che dalla confezione sembrano carini succhi di frutta, ma in realtà sono pesanti esattamente come il metallo liquido.

Ma la cosa peggiore è la solitudine. La solitudine in questo reparto formato da un corridoio con tante stanzette e le luci fioche, degno dei miglior film dell’orrore devo ammettere, e con le finestre senza maniglia e le sbarre per evitare di suicidarsi. Sei solo tu, con i tuoi amici con disturbi alimentari, depressi, drogati, autolesionisti o persone che hanno tentato il suicidio. I medici sono lì per non farti morire, non per farti mangiare normalmente.

Dato che sto parlando di questi mesi infernali per la mia vita, vorrei ringraziare mio padre, che è stato l’unico a venirmi a trovare tutti i giorni a tutti gli orari di visita per cercare di strapparmi un sorriso, e la mia amica B., purtroppo conosciuta in quel posto orrendo, ma con la quale penso che condividerò un grande pezzo della mia vita. Chi invece non ringrazio è mia madre che era troppo impegnata a ubriacarsi per occuparsi di me, ma oramai ci avevo fatto l’abitudine.

So perfettamente di aver fatto una lettera un po’ lunga, ma era necessario, perché ci tenevo a far sapere come veniamo trattate in questi posti che dovrebbero servire a curarci, ma che in realtà ci lasciano un trauma irreparabile.

Se condividerai questo mio racconto te ne sarò molto grata, e ci tengo anche a dirti che ti seguo sempre perché trovo che ogni tuo articolo sia interessante! Un grande abbraccio.
C.

Leggi anche:

Il PD vuole il TSO e l’alimentazione forzata per le anoressiche?

L’anoressia è una malattia e non un capriccio

Obblighereste un’anoressica a mangiare?

Cara Michela Marzano, i disturbi alimentari non si risolvono con il carcere!

Leggi anche (Racconti dalla sezione Storie di dipendenze di FaS):

4 pensieri riguardo “Quei lager dedicati alle ragazze con disturbi alimentari”

  1. In riferimento a commenti che ho letto nella pagina affiliata a questo blog e che leggo spesso in giro: vi chiedo, per favore, di non fare così. Di non dire a un’anoressica con una madre del genere che sua madre è disperata quanto lei, perché vi assicuro che non è così e che la metà circa delle anoressiche lo è anche a causa di una madre orribile (non solo, ma anche); e questa è orribile. Vi prego di non dire a un’anoressica quanto state male voi per la sua anoressia, perché l’anoressia è sua, la lotta è sua, il dolore è suo, e la vita o la morte saranno sue. E l’ultima cosa di cui si deve preoccupare, mentre lotta per la vita, è come ci state voi. Onestamente se ne deve proprio fregare di come state voi, perché uno dei motivi che portano all’anoressia è annullarsi in favore degli altri. Ve ne prego in quanto persona che ci ha messo quindici anni a uscire dalla malattia e che di fronte a parole del genere provava solo una rabbia profonda – che in genere un’anoressica rivolge contro se stessa. Ve ne prego non per farvi la predica ma per farvi capire che state affrontando nel modo peggiore possibile una malattia che ha una forma clinica precisa, che peggiorate ogni volta che dite quanto ci stanno male i famigliari e quanto state male voi. Chi se ne frega di voi, la malata è lei. Direste a un malato di tumore quanto state male voi per il suo tumore? O cerchereste di allietargli almeno un poco le giornate?
    Alla ragazza dico solo una cosa: non sono te e ogni caso è diverso, per cui il mio dolore non è il tuo e sarebbe presuntuoso da parte mia dire che ti capisco. Voglio solo ricordarti che qualcuna ce la fa. Anche dopo tanti, tantissimi anni, qualcuna ce la fa. Spero che tu possa essere tra quelle, tra noi. Perché una cosa te la posso assicurare: se riesci a sconfiggere una cosa come l’anoressia, dopo la vita è bellissima. Quando finalmente tutte le tue energie non sono più catalizzate sui grammi, sulle calorie, sul tuo dolore, sul mostro, ti stupisci di quante energie tu abbia per il resto, per vivere, per ridere, per mangiare non con la bocca ma con l’anima.
    E hai del tutto ragione: i ricoveri purtroppo spingono nella direzione opposta, anche secondo me. Grazie per aver avuto la voce di denunciare questa che non è affatto una cura.

Rispondi a laglasnost Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.