Affetti Liberi, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Sessualità, Storie

La mia compagna fa sesso con altri uomini e io ne sono felice

Illustrazione di Agata, da Porno Ridicolo
Illustrazione di Agata, da Porno Ridicolo

 

Più leggo le storie delle donne, del loro immaginario sessuale, i loro desideri, e più mi sento inadeguato. Non sono pronto ad affrontare tutto quello che le donne desiderano. A malapena so intercettare i miei desideri, figuriamoci quelli dell’altra. Secondo me dovremmo in molti ammettere che sosteniamo una certa tipologia di sesso solo per pigrizia, e se non funziona sganciamo la bomba della gelosia, l’appartenenza, così teniamo a noi vincolate donne insoddisfatte delle quali abbiamo capito molto poco.

Lo so che certi percorsi si fanno insieme, con calma e senza forzature, ma io mi porto dietro una serie di tabù che derivano da una cultura sessuofoba e sessista. E’ lei che dice quel che devo fare? E’ lei che se non becco il punto giusto mi fa sentire un imbecille? E’ lei che guida la mia mano, lingua, pene? E dunque a me cosa resta da fare? Devo smettere di strabuzzare gli occhi ogni volta che lei inventa un nuovo gioco e devo semplicemente ritenermi adatto a interpretarne il protagonista.

Qualche tempo fa, per me, la purezza del sesso, intesa in senso virile e machista, era un punto d’orgoglio. Se lei chiedeva mosse fuori norma io ribadivo che quelle cose, no, non le facevo. Non erano per uno come me, perché gli uomini “veri”, pensavo, non hanno bisogno di effetti speciali per soddisfare una donna. Ma in realtà nascondevo un grosso disagio. Non ero e non sono capace. Allora all’ennesima richiesta fatta dalla mia ragazza le dissi: cercati uno con cui poterlo fare e vai.

Lei mi guardò strana, un po’ smarrita. Pensò che la stessi lasciando, ma giuro che non era affatto così. Io l’amo, lei mi ama, che me ne frega se va a letto con qualcuno che soddisfi desideri che io non posso soddisfare? Così lei va alla ricerca di cazzi adeguati, come fosse la protagonista di una fiaba in giro per i boschi, e poi torna da me e condividiamo altro. La nostra relazione non ne ha risentito, anzi. È migliorata. Lei è più passionale, le piace quello che le do io, perché ora non le manca nulla. Non sono uno dei tanti: lei ama me e non mi lascerebbe mai.

All’inizio fu un po’ dura, devo ammetterlo, perché dovevo dissimulare un po’ di sentimenti contrastanti e poi c’era la gelosia che dovevo tenere a bada. Poi, man mano che lei tornava, la cosa mi ha rassicurato. Non l’avrei persa. Io e lei potevamo dirci tutto e stare insieme come complici, amanti, amici, una coppia inscindibile. Con lei ho fatto un figlio, viviamo insieme ancora adesso e lei si concede le sue avventure quando può. A me non serve, io amo lei, il sesso con lei mi piace molto, ho tutto quello che voglio.

Della mia storia si rese conto mio fratello. Mi disse che ero e sono un gran coglione. Uno che “non ha le palle”. Fosse stato lui l’avrebbe penetrata con forza fino a farle male per farle vedere chi comanda. E mentre io pensavo a lui come ad un uomo dell’età della pietra arrivava la lamentela dell’amica della mia compagna. Pure lei giudicava incompatibile quella scelta con la vita di coppia serena che stiamo vivendo. Per ferirla, non so per quale ragione, un giorno le disse anche che nostro figlio probabilmente non era neppure mio. Invece lo è. Perché lei usa sempre precauzioni ed è solo con me che si concede senza contraccettivi, quando ha voglia di farlo in quel modo.

Mi sono detto allora che la cattiveria delle persone, l’invidia, forse, unite alla cultura retrograda che ci rovina tutti, agiscono negativamente in tutte le nostre vite. Per quel che mi riguarda ho risolto la cosa. Io sono un uomo, una persona, ho degli interessi, mi occupo della famiglia, del bambino, così come fa la mia compagna, e non ho bisogno di trarre sicurezza dall’esclusività pretesa dal mio cazzo. Sono in difetto? Per chi? Rispetto a cosa? E’ meglio avere una compagna frustrata sessualmente che poi mi lascia per un balordo con il quale lei ama solo fare certe cose? Non è il sesso che stabilisce con chi vuoi vivere e poi tra noi la passione esiste. Io sono soddisfatto e non mi massacro la vita pensando a lei con altri, a occhi chiusi, perché quell’immagine non c’è. Io non la vedo.

Così, per quel che mi riguarda, rispetto alla mia famiglia di provenienza, il comportamento di mio nonno, mio padre, mio fratello, ho rotto la catena e ho deciso di percorrere una strada nuova, difficile, ma nuova. Chi ha detto che io ho torto e gli altri hanno ragione?

Dimenticavo: evitate di darmi del “cornuto”. Per me è una parola che non ha alcun significato, espressione della stessa cultura maschilista che impedirebbe a me e alla mia compagna di consegnarci i nostri desideri per renderci liberi di realizzarli.

Questa è la mia storia. Grazie per averla ascoltata.

Ps: è una storia vera. Grazie a chi me l’ha raccontata.

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

31 pensieri su “La mia compagna fa sesso con altri uomini e io ne sono felice”

  1. Tu sei il mio mito. Fossimo tutti, uomini e donne, liberi mentalmente come te, il mondo sarebbe in posto piü calmo e piú sereno. Grazie per la tua storia, mi fai pensare che…non tutto é davvero perduto. La tua compagna é una donna fortunata e lo sei anche tu.

  2. Quel che ha fatto il compagno non è per nulla scontato e più difficile da accettare per chi sta intorno a loro che per loro stess*. Ma d’altronde le rivoluzioni iniziano così, con la rottura dei vincoli imposti. Solo così riusciremo a trovare noi stess*. Grazie per la riflessione! 🙂

  3. Complimenti al protagonista della storia, sia per il coraggio di raccontarla sia soprattutto per la forza ancora più grande di vivere una condizione del genere. Non penso che sia stato facile riuscire ad abbattere una barriera così grande come quella del proprio orgoglio sessuale, che mette in discussione il ruolo nella coppia e nella società. Inoltre avere il biasimo di persone care attorno, invece del supporto, è quello che rende le scelte personali fuori dagli schemi ancora più difficile. Le forme di accordo che si possono stabilire all’interno della coppia sono innumerevoli, la forma che ci fa sentire meglio e più appagati nella relazione è difficile da trovare e tutti meriterebbero il pieno supporto delle persone attorno. La forma della coppia monogama gode più spesso di questo privilegio e di tante forme e modi di rispetto che le rendono la strada spianata, il percorso meno tortuoso, più battuto e più facile da seguire. Ai lati si trova anche un’orda di persone che ti passa un bicchiere d’acqua per quando hai troppo caldo. Chi invece percorre strade meno battute si trova attorno persone che riflettono le proprie paure e insicurezze. E’ difficile non farsi risucchiare, continuare per la propria, cercare una felicità che ci rispecchi, quindi ancora complimenti.
    Quando qualcuno ti insulta e ti offre una soluzione, ti sta dando una risposta ad un problema che neanche hai, è un problema suo, che mette in discussione la vita sua. Tu terrorizzi, perchè riesci a vivere con facilità una situazione invivibile per molte persone, ma hai fatto un percorso personale, identitario, forte, che permette a te, di non vivere nel terrore.
    Complimenti.

  4. Credo che pretendere dal proprio partner che soddisfi TUTTE le nostre fantasie sia irrealizzabile e pure egoista. Bisogna trovare un equilibrio che soddisfi tutti e questa coppia l’ha trovato, senza ipocrisie. Magari fossero tutti così sinceri e coraggiosi!

  5. mah, vedremo quanto durerà. Contento te, contenti tutti. Ce ne sono a bizzeffe di storie così, pochi ne sono usciti sani mentalmente.

  6. La prima cosa che mi viene in mente è che un po’ mi spiace che lui si precluda la possibilità di esplorare la vita sessuale con la sua compagna per via di vecchi tabù, ma è bello – anche se per la mia bigotteria suona strano – che abbiano trovato questo compromesso.
    Se fa felici entrambi, son molto contenta per loro!

  7. Dal momento in cui il protagonista mostra un’apertura mentale cosi grande, perche non provare a rivisitare i propri limiti, espandendoli?
    Direi che sarebbe stato di gran lunga “piu bello” leggere la stessa storia a condizioni ottimali, e cioe se lei decidesse di andare con altri uomini non perche il proprio compagno non le permette certe “cose” – perche dover ridurre tutto a una ricerca meccanica di un movimento o un’azione? – ma perche realmente desiderosa di altra pelle.
    Insomma, mi sembra una via di mezzo fra l’elevazione e gli strascichi passati, in cui lui ancora non e libero come sembra e preferisce superare i confini nel modo paradossalmente piu semplice, ovvero fuori da lui e non dentro di se’.

  8. che tristezza ,,,,,,,invece di impegnarti e capire che problemi hai verso il sesso in generale e sopratutto verso la tua compagna hai preferito dirle cercati qualcuno che lo sa fare……ho vissuto anche io la stessa situazione e come donna ti assicuro che ci si sente uno schifo …..pensi davvero che la tua donna sia felice ? svegliati perche nel mondo delle favole ci stai vivendo tu……ripeto che tristezza.

    1. Che tristezza che fai tu. Tu ti sei sentita uno schifo, non è detto che un’altra senta la stessa cosa, chissà se sei capace di intendere la “sottile” differenza dei punti di vista e capire, invece di sputare giudizi. Evolviti.

  9. Ho letto ,capisco lo stato d’animo, ma non condivido lei non ti ama, ti è solo amica.Tu sei un fratello o il posto dove andare quando tutto attorno non c’è nulla, ma non è un rapporto di coppia.Tu sei usato e non ti senti all’altezza, lei ti ha dato insicurezza tu non credi in te stesso ,nelle tue possibilità sessuali e la cosa peggiore è che ne sei pure consapevole .E’ come se tu fossi un eunuco.
    La coppia si chiama coppia perchè si è in due, e c’è sintonia anche nel sesso. Amarsi , rispettarsi,condividere qualsiasi cosa. Mi sembra invece ,che la signora in questione sottolinei le prestazioni sessuali del suo compagno facendolo sentire inadeguato,mi ricorda una mantide religiosa.
    Il rispetto ,l’amore non sa nemmeno cosa sia,se ha bisogno di cercare altrove ,pero’ per tutto il resto torna all’ovile, perchè tu le apri le braccia e te la tieni cosi’,non credo alla tua dichiarata felicita’ hai sublimato la tua insicurezza in una sorta di vittoria sulla gelosia ,ma secondo me se ti fossi trovato un’altra donna piu’ vicina al tuo essere era decisamente meglio.
    Per me questo è il classico caso in cui una delle persone ama e l’altra non ricambia,non trovo ne bello , ne salutare per l’amore che uno dei partners tradisca in giro e metta nell’altro in una situazione d’insicurezza feroce,la tua donna è come tanti uomini che calano” le braghe”vanno a
    scopare in giro e poi una volta che si tirano su i calzoni non sanno nemmeno con chi hanno scopato……Per me scusa tanto ma il sentimento che mi susciti è una grande pena

      1. Mi sembri lo schiavo che è contento di esserlo….contento tu…..contenti tutti.Io trovo che sia un approccio malato e che non porta nulla di buono,poi chi è causa del suo male pianga se stesso ……Auguri

        1. Gia che parli di malattia ci saresti tu da essere curata. E poi che problema hai negli schiavi felici di esserlo? Purche’ si scelga liberamente, quale sarebbe il tuo problema nel capire che esiste chi anela le catene? Quanta pochezza.

          1. Antigone ……..E secondo te che malattia avrei ? quella di non farmi calpestare nella dignità? quella di non avere la sindrome da guardone? o quella di provare senzazioni ,sentimenti che il 99% della gente prova? rivisitare i propri limiti, espandendoli come dici tu perchè realmente desiderosi di altra pelle….ma cosa dici che rapporto è? dove va il rispetto,dell’altro?allora restiamo soli ,non mettiamoci in coppia…..andiamo tutte le volte che ci va…. con una persona diversa senza ferire nessuno…senza costruire nulla …esaurendoci a 40 anni come prugne secche che non danno frutti

          2. Aggiungo in quanto alla cura certi cafoni e la pochezza ce l’hai tu che vorresti pelle nuova perche’ ti annoi la conosci la parola rispetto dell’altro?

            1. car*, chiederei a tutt* di discutere senza trasformare la discussione in una rissa. evitiamo per favore gli appellativi negativi e ogni patologizzazione. grazie mille. 🙂

    1. E anche qui… Scindere amore e sesso, semplice. E’ tanto difficile? Amare una persona non significa semplicemente desiderare sessualmente solo lei. O sbaglio? Vogliamo ridurlo a questo? L’amore porta ad un’attrazione fisica e questa porta al sesso, ma bisogna ricordarsi che il percorso non è sempre questo. Il sesso è spesso e volentieri slegato dall’amore, punto. Perché è necessario ridurre sempre il sesso all’amore? Non lo capirò mai. Amore non è possedere una persona, non è fare sesso esclusivamente con lei, non è costringerla a privarsi di qualcosa solo perché una certa morale permea da secoli la nostra società.

      1. Mi spiace saro’ retrograda ma non riesco a fare sesso se non sono innamorata,trovo che far sesso solo per sesso sia squallido ,non è che non mi è mai capitato,ma quando mi è successo,una volta finito,avrei voluto scappare dallo schifo che mi faceva quella persona,trovo che tirarsi su i pantaloni o rivestirsi sia umiliante e riduttivo dello spirito.Chi lo fa solo per quel motivo è un poveretto.

    2. Oggi ripensiamo con dolore (per loro) e gioia (per noi) a quando, per esempio, era la famiglia a combinare i matrimoni, diciamo 100 anni fa. Tra 100 anni, ma spero meno, penseranno con dolore, pena e senso del ridicolo (per noi) e gioia (per loro stessi) a quando il 99% viveva il sesso sotto la dittatura morela del 99%.

  10. Loro sono felici, chi vi ha nominato giudice o giuria? Io non saprei vivere così un rapporto e non voglio nemmeno farlo. Il mio equilibrio è dato da fattori che dipendono da me soltanto, ma l’equilibrio della mia coppia viene da una profonda comprensione e rispetto dei limiti di entrambi. Il fatto che io non vorrei mai una relazione di questo tipo, non vuol dire che loro facciano qualcosa di sbagliato.

  11. Io trovo tutto questo illuminante! È davvero un punto di vista nuovo, che apre strade inesplorate. Che permette a ciascuno di condividere ciò che è, senza rinunciare a ciò che gli serve. Grazie

  12. Questo è l’uomo 2.0!
    Leggete sex at dawn. Non l’hanno tradotto in italiano per un motivo….
    È la nuova bibbia di tutte le persone che vogliono capire perchè la monogamia, nella pratica, non ha mai funzionato.
    Sono molto fortunata ad averlo preso in mano, quel giorno, in libreria!

    Scopate felici a tutti;-P

    Luna

    1. “non voglio essere monogama” è un po’ più onesto di “La monogamia non ha mai funzionato”, per tante persone ha funzionato e funziona

  13. mi chiamo lorenzo accade anche amme allinizio era capitato poi pero mi accorgo adirittura che adesso mi dic eche ne vuole uno piu grosso e separata 44 anni e a una figlia ultimamente xche estrememente gelosa mi vuole lasciare xche o mentto su piccolezze tipo esco x la spesa e perdo tempo lei crede che vado con altre mai tradita e quindi gli invento a volte che perdo tempo x altro poi salta fuori la verita adeesso mi vuole lasciare x le bugie xro che a avuto 2 separazioni che si passava il tempo solo x scopare quando non stava con me con dei tronba amici diciamo lultimo la contattata e lei gli ascritto che non voleva piu ma pero dopo qualche mese e saltato fuori che volevamo provare con unaltro amico e successo mi sono sentto eccitato ma poi o pianto mi pento da allorra e successo 4 volte adesso da un mese non ho piu voluto cioe morale mi lascia x delle bugie piccole e poi io non posso vedere il suo cellulare dice xche e riservata no vuole convivenza anche piu avanti non vuole figli non so piu che fare e pure anche se a modo mio la amo

  14. Sono molto colpita e ringrazio chi ha condiviso una storia così delicata perché l’amore che c’è in queste parole e l’amore totale incondizionato quello che dovrebbe unire ogni uomo ad ogni donna. Grazie condivido in pieno sulla stessa via.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.