Annunci

#Bdsm: volevo smettere ma lui non ha capito!

flos-niger-3-1030x687

Conosco mio marito da venti anni. Siamo sposati da dieci e, da tre, pratichiamo (appagati e divertiti) sesso bdsm. Abbiamo un lavoro e mezzo in due, una coppia di pargoli vivaci, una casa e un pappagallo.

Circa un mese fa, è successa una cosa che non sarebbe dovuta succedere.

I bambini vengono invitati a dormire a casa di amichetti e noi, quasi increduli che ci sia stata concessa una notte da soli senza elemosinarla ai nonni, ci prepariamo per i nostri giochi sessuali.

Come mi vuoi? – gli chiedo

Vestita di rosso, con i tacchi di metallo, niente mutande, cerchioni di argento alle orecchie, truccata pesantemente – risponde

Ok – e mi preparo.

Mi sentivo strana quel giorno, forse i primi caldi, il ciclo mestruale in arrivo, la cronica carenza di sonno. Ne avevo voglia, ma mi sentivo anche stanca, un po’ malinconica e appesantita. Non volevo però perdere quell’occasione. Il nostro sesso bdsm è quasi sempre un sesso rubato, sottratto al vortice delle millemila incombenze quotidiane. E – ovviamente – possibile solo se entrambi i bambini sono fuori casa.

Abbiamo (avevamo) una parola di sicurezza: appena uno dei due l’avrebbe pronunciata, tutto si sarebbe interrotto all’istante. Essendo io spesso imbavagliata, oltre alla parola, avevamo anche concordato un gesto. In questi anni non abbiamo mai avuto bisogno di usare né l’una né l’altro. I nostri corpi si conoscono perfettamente: abbiamo un sapere reciproco profondo di ogni tonalità di sospiro, di ogni trasalimento muscolare, di ogni piega del corpo, di tutta la sensibilità della pelle, di tutti i circuiti psicologici ed emotivi che tiriamo fuori, ed anche (ovviamente) delle resistenze, delle paure e dei limiti. I nostri corpi si sono scambiati parole per venti anni.

All’inizio è andato tutto bene: entrambi eccitati, all’erta, desideranti. E’ stato tutto esattamente come desideravo: turbine, godimento e liberazione. Poi, dopo il mio secondo orgasmo, ho cominciato a sentirmi stanca, volevo fermarmi, avevo sonno ed ero un po’ scombussolata. Lui mi cercava ancora. A quel punto io non solo ero imbavagliata, ma legata in una posizione che non mi permetteva di ricorrere al gesto di sicurezza. Sono rimasta tranquilla, nutrivo l’assoluta certezza che mio marito avrebbe recepito i segnali del mio corpo e si sarebbe fermato. Lui è la mia luce, la mia montagna, il mio porto ed anche le mie vele spiegate, mai mi avrebbe fatto del male. Lui ed io siamo il nostro amore. Invece non se ne è accorto: mi ha sodomizzato senza che io ne avessi alcuna voglia in quel momento. In tanti anni di rapporti anali non ho mai subito una lacerazione, mai è uscito sangue. Questa volta sì.

Sono rimasta tramortita, spaventata e dolorante. Quando mi ha vista piangere, dopo la doccia, ne abbiamo parlato. E’ rimasto sconvolto, piangeva pure lui e tremava come una foglia, si dava dei pugni in testa e ha giurato che – in preda all’eccitazione – non si era accorto di nulla. E io so che è vero. So che purtroppo è verissimo.

Da allora lui non ha più pace. Io sono ancora scossa da qualcosa che non è uno stupro ma non è neanche stato uno scambio consenziente. Da settimane non ci tocchiamo più.

A chi lo racconti che ti sei sentita violata da tuo marito al quale tu stessa hai chiesto di legarti, bendarti e imbavagliarti? Chi ci crederebbe?

A chi lo racconti che lui non era affatto consapevole del potere e della forza che stava esercitando? Chi ci crederebbe?

Ci accarezziamo le mani e proviamo a perdonarci. Entrambi. Ad assumerci la responsabilità di un gioco comune che ci è scappato di mano perché le cose, a volte, accadono. Nonostante tutte le precauzioni, le premure e l’indiscussa consensualità. Nonostante il profondo amore e l’indescrivibile piacere che ci doniamo ogni volta.

Siamo innocenti, continuo a ripetergli. Vita accanto alla mia vita, corpo dentro il mio corpo, te ne prego andiamo avanti. Non abbiamo bisogno di alcuna assoluzione che non sia la nostra. Reciproca. Responsabile. Sincera.

O non è così?

Ps: questa è una storia vera. Grazie a chi l’ha scritta e raccontata.

 

Leggi anche:

 

Annunci

Comments

  1. Se può succedere questo con un compagno/marito che ci conosce/ che conosciamo da decine di anni com’è possibile dare fiducia ad un compagno di giochi conosciuto magari da solo qualche settimana o pochi mesi?

  2. Secondo me il fondamento della pratica bdsm deve essere la consensualità e l’assunzione di responsabilità da entrambe le parti. Il bottom deve poter comunicare al partner situazioni di disagio e la volontà di interrompere la pratica. Sarebbe meglio controllare di poter eseguire chiaramente il gesto concordato prima di iniziare qualsiasi cosa. Probabilmente la coppia non aveva fatto questo controllo, proprio perché ormai troppo sicuri di sé per aver fatto questo gioco tante volte.

  3. L’ha ribloggato su blog porno-ridicoloe ha commentato:
    Secondo me il fondamento della pratica bdsm deve essere la consensualità e l’assunzione di responsabilità da entrambe le parti. Il bottom deve poter comunicare al partner situazioni di disagio e la volontà di interrompere la pratica. Sarebbe meglio controllare di poter eseguire chiaramente il gesto concordato prima di iniziare qualsiasi cosa. Probabilmente la coppia non aveva fatto questo controllo, proprio perché ormai troppo sicuri di sé per aver fatto questo gioco tante volte. Poi ci sono i bottom che partono per il subspace e non comunicano più. Mi spaventano da morire.

  4. Un errore del genere dopo anni di pratica? Mi sembra stranissimo

  5. Gli errori possono accadere…quella che mi suona “strana” è la dinamica del contesto.

  6. Salve, scusate, leggo i due ultimi commenti solo ora. Tecnicamente abbiamo commesso un’imprudenza: l’uso non corretto di un costrittore. Non ritenevo importante raccontare qui i dettagli anche perché, appunto, sono pratiche delicate non solo a livello fisico ma soprattutto emotivo e, nel racconto pubblico (aperto qui anche ai minorenni), in genere uso cautela. Nel nostro caso ha giocato a sfavore l’eccesso di confidenza. Il punto adesso è: come superare assieme questo trauma? Come far capire a lui, che non si da pace, che la responsabiltià di quanto accaduto è tanto sua che mia? Che abbiamo corso un rischio ma se vogliamo ne possiamo uscire indenni accettando quello che è stato un errore?

    • così come lo stai facendo, io credo.
      se la tua fiducia è intatta, mostrandolo con le tue azioni più ancora che con le parole
      se non lo è, lavorando per ricostruirla
      da come ti racconti e vi racconti, mi pare chiaro che ne vale la pena
      in bocca al lupo 🙂

    • Mia Wallace says:

      Secondo te sarebbe una soluzione che lui ” subisse” una cosa simile a quella che hai subito tu? Magari invece che parlare di responsabilità lasciate indietro il passato (so che non è facile, una volta è successo anche a me e al mio compagno di giochi, mi sono sentita orrendamente dopo) e pensate ad un gioco in cui lui paga per quello che ha fatto. Ma tu dovresti fingere di essere arrabbiata più che così turbata, leggendo il tuo messaggio mi è tornata in mente quella terribile esperienza che ho avuto, ricordo che ne è passato di tempo prima che riuscissi a sentirmi di nuovo a mio agio con me stessa, non solo con queste pratiche….quindi anche se è difficile dovresti prendere tu in mano la situazione e magari con la morte nel cuore punirlo anche se (e sono d’accordo pienamente con quello che hai scritto) a te non sembra giusto.
      Però se avete un rapporto del genere dopo 20 anni di matrimonio sono sicura che non sarà certo questo a rompere tutto, sempre che non siate voi stessi a permetterglielo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: