Annunci

Non sono bella, sono forte: il movimento contro gli stereotipi sulle donne

strongisthenewpretty11

Traduzione di un pezzo che in realtà è un commento a presentazione di alcune foto magnifiche che parlano di bambine forti, osservate non più da un punto di vista che le imprigiona con stereotipi sessisti, ma quell’altro che le vede per quello che sono: meravigliosamente forti. QUI il pezzo in spagnolo, tutte le foto sono di Kate T. Parker e grazie per la traduzione a ScarletFever e Doriana. Buona lettura!

>>>^^^<<<

Non è una frase fatta. La fiducia in voi stesse, la forza, e la totale indifferenza sull’apparire belle o no, è il vestito che vi starà meglio nella vostra vita.

Kate T. Parker lo sa, e per questo ha dedicato anni a una costante ricerca per immortalare le sue figlie da una luce diversa, dove si facessero a pezzi gli stereotipi negativi, incoraggiandole a sentirsi bene con se stesse. Situazioni quotidiane in cui le piccole presentano uno sguardo feroce, appaiono imperfette ma indiscutibilmente forti. La bellezza delle immagini è schiacciante, soprattutto in bambine che finalmente non aspirano a essere “fighe”.

Siamo soffocati dagli stereotipi femminili. Per quanti passi avanti fingiamo di aver realizzato, la realtà è che l’immagine che si veicola della donna, in tutti i mezzi di comunicazione, a cominciare dalla pubblicità, continua a essere quella di un oggetto fragile e civettuolo. Ma soprattutto un oggetto passivo, un elemento creato per essere osservato, per il piacere di chi guarda. Lo scopo delle donne è apparire belle affinché il resto del mondo, essenzialmente gli uomini, possano osservarle con soddisfazione e godimento.

Ci martellano con messaggi che ci spiegano di cosa abbiamo bisogno per essere belle, e le donne del mondo sembrano non accorgersi che la bellezza non sta in una posa, ma si può trovare nella vita, nell’esaltazione dei corpi, delle imperfezioni e della forza.

Nelle foto di Parker si vedono le sue figlie che giocano con gli amici e partecipano a sport come il nuoto e la pallacanestro. Attraverso la durezza delle pose, le bambine irradiano una forza che può venire solo da dentro.

“Strong is the new Pretty” si è trasformato in un fenomeno virale che ha fatto il giro di tutti i grandi media. Anche varie attrici come Emma Watson, Zooey Deschanel e Melissa Joan Hart hanno manifestato il loro appoggio attraverso i social network. E soprattutto madri di tutto il mondo hanno cominciato a pubblicare foto delle loro figlie con l’hashtag #strongisthenewpretty.

Il mondo è pieno di bambine e donne che non hanno bisogno di sentirsi dire che sono belle. Non lo sono, o non gli importa, perché sono forti.

strongisthenewpretty14

strongisthenewpretty05

strongisthenewpretty01

strongisthenewpretty02

Annunci

Comments

  1. Ok, ma quell’estetica lì copia l’estetica del maschio forte. Non sarebbe meglio educare al fatto che si può essere forti in mille modi diversi?

    • È vero. La tua domanda sottolinea un aspetto interessante di questa faccenda. E cioè che essere forti non significa essere semplicemente forti fisicamente. E la donna storicamente ha una forza intrinseca enorme. (E puó essere forte e bella). Ma è dimostrare quella forza fisica, che non è la caratteristica da cui gli uomini sono attratti, che forse la rende meno attraente piu che il non essere bella. O forse dobbiamo prima convincere gli uomini che la nuova bellezza è la forza? Non credo. Penso che, come dici tu, la forza di una donna che possa piacere ad un uomo non si sotto quella forma.

      • Io ho solo detto che ci sono mille modi per essere forti. Le foto sono belle e hanno un senso però ci sono anche bambine e bambini che non amano lo sport e sono forti nello studio, nel disegno, nella simpatia ecc. Penso che l’obiettivo sia ragionare per persone, non per sesso

        • Bravo…. Condivido che vi siano mille modi per essere forti e per far valere la propria voce, al di là dell’estetica, che purtroppo continua ad essere un problema per la società. Ti faccio l’esempio più vero che conosca: io non sono bella e lo so. Le persone non me lo dicono per non ferirmi e so anche questo. Vorrei invece dirgli che non sono SOLO quella che vedono e che devono andare oltre quello che vedono. Qualcuno lo fa e così si abbattono gli stereotipi, altre persone invece non dicono nulla e lo riferiscono ad altri ancora, in un tam tam che non porta a nulla. Direi che bisogna solo andare oltre gli stereotipi… E fregarsene se si è belli o brutti. E’ la persona che conta. Solo la persona, unica nel suo essere vero.

          La cosa più interessante è comunque che chi non è bello secondo i canoni estetici classici (cioè quelli imposti dalla società) se ne frega se una persona è bella o brutta. Almeno questo succede a me. Mi rendo conto di chi è bello bello, certo, ma poi è come se non mi importasse dell’aspetto fisico.

          • Emilia Presciuttini says:

            Per altro, chi non è bello ha una forza in più: non si identifica con la propria immagine, cosa che invece accade ai belli (ma soprattutto alle belle). E identificarsi con qualcosa che inevitabilmente cambierà non può che portare sofferenza, non c’è bisogno di Buddha per capirlo.

  2. Forti in matematica, nel mobbing, nel imporre loro volontà ad altri, forti in aiutare altri, … Essere forte, senza indicare in che materia è astratto e vuoto. E come è fatta la società in cui si deve essere forte?

  3. L’ha ribloggato su Il fantastico mondo di Mari.

  4. la foto più significativa è quella delle bambine nell’acqua è una foto a mio parere, stupenda! mi fa venire in mente una frase che ho letto non so dove e che dice:” i cuori delle donne hanno cominciato a cantare solo quando ne avevano voglia loro” ( senza tenere conto dell’ordine delle cose)

  5. tutto bello, peccato che poi le foto siano tutte stupendo… -_-
    Troppo distanti dal contenuto.

  6. L’ha ribloggato su Amolanoia.

  7. A me non convince per nulla questa campagna… il messaggio che passa è sostituire la forza alla bellezza, passare da uno stereotipo ad un altro! Il discorso per me non è essere belle o meno, essere forti o meno, ma essere semplicemente noi stesse. Avrei apprezzato molto di più una campagna tipo *non sono bella, sono io* … ma #strongisthenewpretty la vedo e la percepisco come un’imposizione di vedute! E le foto invece possono anche essere efficaci, se lette nel senso che le bambine esprimono loro stesse (anche se in alcune sembrano addirittura in posa come nei peggiori servizi fotografici)… ma con la lettura di propagandare la forza per “fare a pezzi gli stereotipi negativi e incoraggiare a sentirsi bene con se stesse” (citando l’articolo), no, non mi convincono affatto.

  8. L’ha ribloggato su La Signora G.

  9. elena canova says:

    la forza interiore è la nostra bellezza

  10. Non sono d’accordo con la maggior parte dei commenti. È chiaro che ci sono molti modi di essere forti, ma moltissimi di quei modi (forte in matematica, forte in simpatia, forte in disegno, ecc) vengono normalmente attribuiti sia agli individui di sesso maschile che femminile. Tipicamente quando si è bambine e si mostrano caratteristiche soggettive come forza, decisione, coraggio e determinazione non solo non vengono incoraggiate ma possono scatenare negli altri reazioni di disapprovazione, così come accade con determinati tipi di giochi richiedenti energie e abilità fisiche, spesso implicitamente negati a favore di giochi stereotipicamente femminili.

  11. Un paio di settimane fa ho conosciuto,ad una cena , una donna. Parlava con fierezza dei suoi chili di troppo , dell’uomo che amava e che l’amava . Mi era quasi sfuggito un suo sorriso compiaciuto quando io,ad una sua precisa domanda, avevo risposto di essere single.Mi è parsa una donna forte,mi è piaciuta. Quella stessa sera lei mi ha chiesto l’amicizia facebook . Io ho accettato e ho iniziato a leggere i suoi post. Sono un copia incolla l’uno dell’altro, ma la frase più rincorrente è ” Le ossa datele ai cani” abbinata a foto di donne all’incirca del mio peso. No,questa donna non è forte. Lo vedo,esteticamente è bella , ma è tutto fuorché forte. E’ rabbiosa , incazzata . Alla fine diventa brutta se pur con l’estetica adatta ad esser bella. Brutta , non forte come avevo inteso io.

  12. ADAM Le Storie says:

    L’ha ribloggato su ADAM – Le Storie.

Trackbacks

  1. […] questa mattina ho visto un post, che vi linko QUI (QUI il post originale con tutte le bellissime fotografie), molto carino ed interessante […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: