Annunci

La divisione tra lettrici perbene e lettrici per male

Io apro i libri e anche le cosce. Preferibilmente apro le cosce con un libro in mano. Non so chi sta facendo circolare questa immagine moralista e sessista da morire. La trovi su tumblr e via social. Vorrei dire che fa schifo. Parecchio.

11069174_10205245935221147_709858538_n

Allora se avete voglia di raccontarla in modo diverso, sfatando il mito della ragazza per bene che si dedica agli studi o della gran zoccola che è un’ignorantona, potreste inviare foto, immagini, quel che volete voi, a dire che apriamo quel che ci pare e piace senza che nessuno venga a moraleggiare sulla nostra esistenza, inviatemi pure via messaggio, in privato, su facebook o via mail su abbattoimuri@grrlz.net. Così poi pubblico quel che ne pensiamo di questa storia.

book

woman-naked-reading

woman-reading-vintage-photograph

11023335_10202464892223492_5064122813770040728_n

11081073_1083466201669482_6036702739221358755_n

10430430_1556313167954402_1102066611698294556_n

The Reading Girl 1886-7 Théodore Roussel 1847-1926 Presented by Mrs Walter Herriot and Miss R. Herriot in memory of the artist 1927 http://www.tate.org.uk/art/work/N04361

The Reading Girl 1886-7 Théodore Roussel 1847-1926 Presented by Mrs Walter Herriot and Miss R. Herriot in memory of the artist 1927 http://www.tate.org.uk/art/work/N04361

Ps: mi suggerisce Andrea che “per la cronaca tutto nasce nel 2013 con una frase attribuita a drake, cantante americano, frase che non si sa se l’ha detta davvero e comunque senza il contesto.” – QUI un po’ di notizie sull’origine di questo moralista tormentone.

—>>>Il contributo di Baruda. Grazie per la diffusione! 🙂

Annunci

Comments

  1. “Di me sono state costruite de immagini. Sono una pazza, una mezza pazza, un’eccentrica. (…) Ho abitudini dissolute; un a comunista raccontava, nel ’45, che a Rouen da giovane mi aveva vista ballare nuda su delle botti; ho praticato con assiduità tutti i vizi, la mia vita è un continuo carnevale, ecc.
    Con i tacchi bassi, i capelli tirati, somiglio ad una patronessa, ad un’istitutrice (nel senso peggiorativo che la destra da a questa parola), a un capo dei boy-scout. Passo la mia esistenza tra i libri o a tavolino. Tutto cervello. (…)
    Nulla impedisce di conciliare i due ritratti. Si può essere una libertina cerebrale, una patronessa viziosa; l’essenziale è presentarmi come anormale. Se i miei censori vogliono dire con questo che sono diversa da loro, mi fanno un complimento.”

    Simone De Beauvoir, La forza delle cose.

  2. L’ha ribloggato su mettere radici..

  3. Non lo ribloggo, perché in quanto maschietto non vorrei passare comunque da sessita arrapato, ma sottoscrivo in pieno

  4. L’ha ribloggato su menteminimae ha commentato:
    Apro quel che mi pare!

  5. Siamo ancora a questo?

  6. L’ha ribloggato su Prendi la mia mano e trascinami nella tua oscuritàe ha commentato:
    Apro quel che mi pare e piace!

  7. L’ha ribloggato su theeyetothekeyholee ha commentato:
    Per tutte le femministe della domenica:
    “cercare di trasformare le tue amiche in femministe credo sia un approccio sbagliato. Farei un passo indietro e ricomincerei intanto col non cercare di trasformarle AFFATTO…. Perché è proprio per questo che ci troviamo in questo gran casino”.
    Per quanto ne so la femminista migliore può fare quello che vuole
    Ecco cosa definisce la femminista migliore.
    E questo include: portare i tacchi alti, gli anfibi, portare niente, il rossetto, depilarsi, non depilarsi, farsi la ceretta, non farsi la ceretta, occuparsi di politica, essere apolitica, avere un lavoro, essere una homeless, guardare gli uomini, guardare le donne, guardare ogni genere di porno, atteggiarsi come una drag queen, travestirsi da uomo, stare dentro relazioni poliamorose, non avere figli, essere una mamma casalinga, essere single, avere una moglie, avere un marito e lanciare sguardi e tubare con quei mariti o quelle mogli dove cazzo gli va di farlo, inclusi ascensori, ristoranti, teatrini di marionette (bè, magari assicuratevi che sia uno spettacolo adatto a tutti se c’è un pubblico di bambini)…. O su un palcoscenico teatrale di un festival di nicchia – chiaro il quadro fin qua? La migliore femminista possibile fa QUELLO CHE LE VA. Il minuto in cui ti diranno che sei una “cattiva femminista” per aver detto la cosa sbagliata o indossato la cosa sbagliata o perché hai sposato qualcuno, avuto figli o in qualunque maniera tu abbia “infranto il codice del femminismo”…. NON CREDERCI. NON ESISTE. Puoi fare QUALUNQUE COSA TU VOGLIA. QUALUNQUE. QUESTO E’ IL PUNTO.
    Fammelo ripetere per sicurezza:
    QUALUNQUE
    E non permettere a nessuno di cercare di trasformarti in una femminista.
    Sii femminista e basta.
    -Amanda Palmer-

  8. L’ha ribloggato su Segnali di vitae ha commentato:
    sono i libri a farci aprire le cosce, signore che non le aprite perché siete ferme al perbenismo vittoriano

  9. Una ragazza che apre le cosce e finanche i libri, lei è una perla rara da non lasciarsi sfuggire 😛

  10. L’ha ribloggato su di sola carne i pensieri.

  11. L’ha ribloggato su Strane cosee ha commentato:
    Si, trovo interessante chi ha risposto (penso fosse una donna) “Io apro quello che mi pare” o “Perché non entrambi?”

Trackbacks

  1. […] e facciamo circolare anche queste righe come suggerito dal blog AbbattoImuri: […]

  2. […] un po’ di giorni a questa parte, invece, circola un’altra immagine che ha mescolato entrambe le cose –sessualità e letteratura– creando un mix […]

  3. […] Da Bologna Children’s Book Fair, ho riportato alcuni tesori. Questo lo pubblico in risposta solidale al post che ho letto a “casa” di Alice in writing: La divisione tra lettrici perbene e lettrici per male (ribloggato da qui). […]

  4. […] la storia che questa donna mi veniva in mente il diktat morale lanciato da certun* online: “apri i libri e non le gambe”. E sono tante quelle che dicono che sono stanche di sentirsi dire quel che devono aprire o chiudere. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: