Antiautoritarismo, Attivismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

#Roma #SanCamillo: solo obiettori di coscienza candidati a dirigere la maternità!

videomanifestazione

Mirta Mattina, del Freedom For Birth Rome Action Group, mi segnala una vicenda che in qualche modo sembra prestare il fianco alle azioni antiabortiste dei no/choice, sempre più agguerriti sul fronte della negazione del diritto alla libertà di scelta delle donne. Un ospedale romano, il San Camillo, riferimento – raro – delle donne che non possono essere trattate da “assassine” se decidono di abortire, dopo la chiusura del reparto dell’Umberto I dove si poteva accedere all’IVG, ora riaperto grazie alle battaglie della rete #IoDecido, annuncia un cambio della guardia alla direzione del reparto di maternità. I candidati sono tutti obiettori. La rete #IoDecido è giustamente preoccupata e chiama alla partecipazione di una serie di azioni che possano risvegliare interesse nella anestetizzata opinione pubblica e nelle persone che amministrano la cosa pubblica in quel territorio. Tra gli altri esempi di latitanza c’è anche il governatore della regione. Peccato anche non sentire parlare di questo le donne che normalmente sarebbero in prima linea per un generico “diritto delle donne”. Il fatto è che è diventato di uso comune un femminismo monco, di chi pratica solidarietà femminile ma è antiabortista, di chi parla di antiviolenza, ma è omofoba. C’è un cicinino di confusione in quei lidi e dunque io chiedo: dove sono le donne sempre in prima fila quando c’è da parlare di corpi delle donne, donne infibulate, violenze delle donne subite in India o comunque altrove? Negare alle donne il diritto alla contraccezione d’emergenza e ad un aborto assistito è violenza di genere. E per quanto riguarda il PD, sappiamo di quante spaccature lo attraversino e che chiacchierano parecchio su quel che vorranno diventare da grandi. Il fatto è che a me/noi di cosa diventerà il Pd non ce ne frega niente. Importa invece il fatto che parte del Pd, al Parlamento Europeo, ha votato un emendamento del PPE che lascia agli Stati la libertà di decidere se applicare o meno, nella legislazione dei vari paesi, le raccomandazioni contenute nella Risoluzione Tarabella. La risoluzione, ricordo, che parla proprio di riconoscimento di diritti sessuali, riproduttivi, su contraccezione e aborto. Dall’Europa d’altro canto non è la prima volta che tirano le orecchie all’Italia per l’alto numero di obiettori di coscienza. La prossima mossa quale sarà? Incatenare le donne e farle inseminare con la forza?

Vi lascio al contributo che un’amica ha inviato per raccontare per filo e per segno quel che succede a Roma. Buona lettura!

>>>^^^<<<

A Roma sta succedendo qualcosa di molto grave: al San Camillo, ospedale sede del primo reparto per numero di IVG nel Lazio e del coordinamento regionale per la legge 194, sta per essere nominato il nuovo primario di maternità e ostetricia e i candidati sono tutti obiettori. Ciò significa che, se non viene aperta la procedura di selezione ad altri candidati, il prossimo primario del reparto sarà un obiettore di coscienza. L’allarme è stato lanciato dalle ginecologhe che garantiscono l’applicazione della 194, Lisa Canitano (ginecologa e presidente dell’ass. Vita di Donna) ha creato un gruppo facebook che in pochi giorni ha ottenuto tante adesioni, è stata inoltre lanciata una raccolta firme che chiede a Nicola Zingaretti: “di proteggere la laicità dello Stato e i diritti delle donne nominando un Direttore che accetti di applicare le Leggi dello Stato Italiano, quello stesso Stato che lo nomina e che lo retribuisce, e al quale deve rispondere.”

La rete cittadina #IoDecido, che raccoglie collettivi, associazioni, soggettività attive sul territorio, ha raccolto l’appello delle ginecologhe mobilitandosi con due azioni il 13 ed il 16 marzo. Ecco il comunicato:

“Oggi venerdì 13 marzo come rete #iodecido abbiamo deciso di fare incursione con maschere rosa e striscioni all’interno dell’ospedale San Camillo di Roma (QUI video dell’azione), sede del primo reparto per numero di IVG nel Lazio e del coordinamento regionale per la legge 194 È con rabbia e preoccupazione che rispondiamo all’allarme lanciato dalle ginecologhe  che operano negli ospedali della Provincia di Roma, circa il rischio che al reparto maternità e ostetricia dell’Ospedale San Camillo venga nominato un primario obiettore di coscienza.

Proviamo rabbia, perchè siamo costrette a constatare che dichiararsi obiettore di coscienza è la condizione irrinunciabile per fare carriera negli ospedali pubblici. Praticare l’IVG sembra infatti incompatibile col dirigere un reparto di maternità e ostetricia: come se garantire alle donne la libertà di scelta fosse in contraddizione con il promuovere una maternità responsabile e desiderata.  I diritti delle donne sono calpestati per gli interessi di chi sta distruggendo la sanità pubblica avvalendosi di presunti meriti morali e religiosi e applicando la falsa retorica del taglio agli sprechi.

I danni devastanti già si contano: il ritorno dell’aborto clandestino e casalingo, specialmente tra adolescenti e immigrate, non è più uno spettro del passato ma un orizzonte sempre più prossimo.

Il San Camillo è il centro per l’interruzione Volontaria di Gravidanza (IVG) più importante del Lazio, tra le 4 strutture a Roma a somministrare la RU486 (insieme al Grassi, al Sant’Eugenio e al San Filippo Neri). A fronte di altri 4 reparti IVG chiusi di recente nel Lazio (Monterotondo, Sora, Frosinone e Gaeta) e del faticoso e ancora atteso riavvio del repartino del Policlinico Umberto I, il San Camillo rimane il cuore dell’applicazione della Legge 194 nella regione. La nomina di un obiettore confessionale ci dà la certezza che anche al San Camillo nel giro di poco tempo richiedere un aborto significherà andare incontro a mille ostacoli, dai tempi di attesa agli obiettori di coscienza.

Vogliamo richiamare alle sue responsabilità il governatore della regione Lazio Nicola Zingaretti: oggi garantire l’applicazione della legge 194 significa porre misure di tutela della salute e dell’autodeterminazione delle donne, come di garanzia di trovare medici non obiettori in ogni ospedale pubblico, facendo sì che questa scelta non sia più un limite alle possibilità di carriera di questi medici, evidentemente soggetti a discriminazione.

Chiediamo a Zingaretti di indire un nuovo bando di concorso  per il San Camillo in cui tali discriminazioni vengano efficacemente contrastate e i diritti delle donne e dei medici non obiettori rispettati.

Chiediamo infine al Governatore di mettere in atto quanto è in suo potere per garantire il Turn Over del personale medico e la massima qualità e assistenza negli ospedali pubblici così come nei consultori, sempre più poveri di personale qualificato e di risorse.

È altrettanto imprescindibile garantire le risorse necessarie e mettere tra le priorità nella riqualificazione ,la formazione e l’aggiornamento degli operatori sanitari in particolare per quanto riguarda l’IVG e la RU486, la prevenzione e la contraccezione.

Alla direzione sanitaria/generale del San Camillo chiediamo l’immediata attivazione di un reparto dedicato alla somministrazione della RU486.

Inoltre, ci batteremo affinchè il reparto IVG non venga scorporato dal reparto Maternità e trasferito in un’altra ala dell’ospedale. Questa scelta potrebbe rappresentare un rischio concreto per la vita stessa delle donne ricoverate, dilatando, in casi di emergenza, i tempi di trasferimento tra i diversi padiglioni.

Diamo appuntamento  lunedi 16 marzo h10,30 all’ingresso del San Camillo durante i colloqui per la nomina del nuovo primario, affinché tale nomina venga rinviata al momento in cui siano individuati candidati adeguati che garantiscano i diritti delle donne e che rispondano pienamente alle mansioni richieste nella sanità pubblica” 

Lisa Canitano, sul suo profilo facebook, commenta la dichiarazione della consigliera Regionale Marta Bonafoni che propone l’immediata attivazione di un tavolo per l’applicazione della legge 194, dicendo che: “Stavolta le donne ci devono essere…non come con il decreto sui consultori che c’erano solo i primari del territorio…e che alla fine hanno scritto come obiettivo il numero delle donne che rinuncia ad abortire…”.

Imbarazzante e sconcertante il silenzio su questa questione da parte dei principali organi di stampa e del governatore Zingaretti.

Le vicende del San Camillo fanno seguito a quelle dell’Umberto I, dove il “repartino” in cui si eseguono le IVG è stato chiuso per mancanza di medici non obiettori ed è stato riaperto (seppur sotto organico) proprio in seguito alla mobilitazione della rete #IoDecido e di alcune lavoratrici appartenenti ai Cobas.

La rete #IoDecido, invita tutt* ad unirsi a questa importante lotta, dobbiamo essere in tant* domani mattina durante i colloqui di assunzione, per dire forte e chiaro che la libertà di autodeterminazione non si tocca. La rete continuerà a seguire attivamente le vicende di San Camillo e Umberto I.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.