Annunci

Che brutto il bambino che “non ti tocca neppure con un fiore”

I bambini non picchiano le donne e per donna si intende una bambina, carina, delicata,  che viene fornita ai bimbi come cavia per stabilire l’elenco dei desideri del maschio. Si stimola il desiderio del bambino: lei è carina, ha begli occhi, bei capelli, va bene farle una carezza ma l’uomo non picchia le donne e non le tocca neppure con un fiore e dunque alla richiesta di schiaffeggiarla rispondono di no.

Pessimo video, tutto centrato sull’educazione dei maschi alla non violenza, perché la bambina è fragile e sono loro, gli uomini, che decidono se picchiarci o lasciarci in pace. Pessimo perché si educa un bambino a desiderare una donna prima che a picchiarla, mentre questa bambina è lì, ferma, muta, disponibile, passiva, rispetto ai desideri dei bimbi.

Sarebbe stato un ottimo esperimento se si fosse preteso dalla bambina un cenno, così da indurre i bimbi a rispettare il suo consenso, a dire si o no rispetto alla richiesta di accarezzarla. Invece tutto il video è improntato sulla scelta degli uomini, stabilendo che lei sia un oggetto di attenzioni più o meno belle invece che un soggetto autodeterminato.

Pessimo video perché si educano i bimbi a diventare paternalisti in fasce invece che rispettosi della consensualità. Perché si solletica il loro ruolo di cavalieri e difensori/tutori delle donne intese come fragili, vittime, soggetti deboli.

Orribile video perché esplora la mentalità che esiste e resiste in alcuni contesti sociali e li propone come fossero positivi, perché io so, per esempio, che quando un uomo ti dice che ti protegge, che gli appartieni, che fra le sue braccia sei al sicuro, è così che abdicherai e delegherai un ruolo attivo che ti appartiene. Chi ti dice che ti ama e ti protegge poi ti dice anche che gli appartieni e non appena sbagli, ecco, allora si che ti picchia.

Orribile perché si dimentica che le botte che ti può dare un uomo non arrivano così per caso ma semplicemente perché quella donna, intesa come fragile, di proprietà, riconoscente rispetto alla tutela ricevuta da un uomo, improvvisamente si ribella e diventa soggetto, attivo, consapevole, autodeterminato, che vuole difendersi da sola e vuole difendersi da lui.

Mi chiedo perciò: perché mai avete condiviso questo video e perché vi è piaciuto?

Leggi anche:

 

Annunci

Comments

  1. la critica più sensata e completa letta fino a ora

  2. L’ha ribloggato su QUESTO BLOG NON (R)ESISTE.

  3. Stiamo combattendo la stessa battaglia di civiltà. Grazie per questo post.

  4. L’ha ribloggato su Riccardo Dal Ferroe ha commentato:
    Una critica completa e intelligente.

  5. Analisi impeccabile….purtroppo. Ma come si fa? Ma da dove viene ‘sta schifezza di video? 😦

  6. Mettiamoci una bambina violenta, rissosa, arrogante, un po’ puttana, egoista, cattiva e orgogliosa, poi chiediamo ai bambini di picchiarla, ma prima incanteniamoli perché sarebbero passibili di arresto.
    In questo video si insegna ai bambini a non picchiare le donne perché più deboli, ma c’è tutta una critica moralista su non capisco bene cosa.
    In realtà le donne sono soggetti più deboli e si parla ovviamente di debolezza fisica, la stessa cosa avviene quando si spiega che non si picchiano anziani e bambini. Per una debolezza puramente fisica, per una inferiorità ossea e muscolare genetica, normale. E’ questo il senso. L’unica critica che mi sento di rivolgere è che è facile non farsi prendere da rabbia di fronte a un tale candore, ma come dico sempre “le donne che non meritano uno schiaffo, non vanno schiaffeggiate” per il resto, non scordiamoci che ci sono donne killer, ladre, pedofile, manipolatrici, militari e guerrafondaie.

    • il termine puttana usato come insulto non mi piace sopratutto contro una bambina

    • Giulia aka AcidRain says:

      La penso esattamente come te, sebbene io probabilmente rientri nella categoria di donna killer, manipolatrice e guerrafondaia, anche e soprattutto arrogante e rissosa.
      A parte gli scherzi, la libertà di critica è inviolabile ma per quanto mi riguarda il messaggio che si voleva far arrivare era tutt’altro. Il discorso che fate è troppo ampio e poco immediato per essere recepito immediatamente da un bambino, con questo video è come se si volesse partire dalle basi, prima è necessario partire dal concetto di “non violenza”, e non solo verso le donne, ma in generale, per poi solo in un secondo momento arrivare a concetti più complessi come quello della donna non vista come oggetto o come essere mentalmente inferiore. Questo di certo non si insegna con un video ma con anni e anni di buoni esempi. Che poi tutta la polemica nasce da “ma che cosa stiamo insegnando ai bambini” quando per me questo video non vuole insegnare proprio nulla ai bambini, al contrario vuole ricordare agli adulti che nessun bambino nasce cattivo o violento, è crescendo che assume dei comportamenti violenti, spesso per emulazione o per malessere dovuto ad altre cause magari di natura familiare,

  7. eppure le donne che vengono picchiate e violentate non pare siano brutte, rissose violente, o le vedete come tali? non comprendo questo accanimento.

  8. Il video sarà anche Pessimo e Orribile ma soprattutto è Falso: alle scuole elementari a quel che ricordo ce le davamo eccome (si può dire?)

  9. In linea di massima, per un fattore puramente biologico, abbiamo il 40% di muscolatura in più quindi fisicamente più forti. Educare un bambino a non picchiare una donna a prescindere dalle sue scelte e dal suo comportamento è il primo passo (in quanto di bambini si tratta) verso una futura e più alta consapevolezza. Se la bambina avesse picchiato il ragazzino, lui avrebbe reagito. Se si insegna che bisogna solo difendersi e non reagire contro esseri fisicamente più deboli, è già un passo fondamentale che va insegnato con l’assolutismo. In assoluto, non picchiare le donne, per cultura. L’articolo è sbagliato: non si picchiano le donne è l’insegnamento basilare per tutti i bambini maschi da sempre. La protezione non è da criticare, come fa l’articolo, ma da celebrare perché madre natura ci ha creati come siamo proprio per quei primitivi principi che non dovremmo scordarci mai. Il nero è tale perché biologicamente la pelle prese difese contro il sole cocente. La donna è tale perché nata per procreare ed accudire, l’uomo è tale perché sottoposto a sforzi fisici per il sostentamento. Siamo animali, non ci sentiamo tali, ma non siamo né più né meno che animali che “credono” di pensare solo perchè capaci di creare o meglio, di rielaborare ciò che il creato ci ha dato. L’articolo sarà sicuramente di una femminista convinta.

    • oddio, questo commento è un concentrato di stereotipi sessisti. noi soggetti deboli, differenze per natura, siamo “animali”. mi spiace ma non condivido nulla di questo commento, incluse le virgole. mi sembra il commento di un paternalista che vuole convincere una donna ad accettare l’idea della sua fragilità che la porterò ad affidarsi ad un uomo. nulla di più sbagliato, per me.

    • le differenze fisiche e muscolari sono una cosa e non vanno negate, ma non significano “valere meno” e poi slovinskij le intende in senso reazionario.
      Fare un figlio è una scelta che comporta delle responsabilità per i genitori, non è un obbligo

  10. Zitella acida, vé? ^^

  11. Giustissima critica, non ho niente da aggiungere. Quei bambini probabilmente cresceranno come i bulli o comunque loro amici, penalizzando i ragazzi ed elevando al soprannaturale le ragazze. E’ giusto dire che una ragazza non si picchia, ma non credo avrebbero avuto lo stesso comportamento con un bambino, e comunque il video invita davvero a picchiare discriminando sessualmente.

  12. Quante caXXate mi tocca leggere.
    Scusate, ma vi rendete conto di quello che scrivete?
    “Ragazza oggetto”, “consenso”? Di fronte a una carezza? Una carezza è un gesto spontaneo che non ha bisogno di consensi nè che venga dall’uomo, nè che venga dalla donna. Bisogna fare la domanda in carta bollata per poter accarezzare qualcuno? Scusate ma non è questo modo per “placare la guerra dei sessi”, anzi così la si accentua, perchè in questo modo si crea un muro tra uomo e donna che istiga entrambi a comportamenti errati. Semmai la critica che si può muovere al video è quella di basare il tutto sulla bellezza della bambina. Se fosse stata brutta, sarebbe stato corretto picchiarla?

    Se si vuole raggiungere l’equilibrio ai bambini bisogna insegnare che non si picchia nessuno e che bisogna, anzi, rispettare gli altri, bambine o bambini che siano.

    • ah ok, quindi insegnare ai bambini che ogni volta che metti una mano addosso ad una donna serve il suo consenso è una caxxata? io direi di no. 🙂

      • No, scusami eh, ma ogni volta che dai una carezza a qualcuno gli chiedi prima se la puoi dare? Se la persona (maschio o femmina) non vuole gesti d’affetto dopo il primo ti dice “basta” e non si insiste, questo è ovvio, ma aspettare il consenso quasi si stesse per fare qualcosa di sbagliato è eccessivo. Se si alza un muro così è normale che la violenza dilaghi. Si tagliano i ponti, si issano muri e quando si fa questo può significare solo una cosa: guerra e violenza. Lo dico da studente di sociologia. Il rapporto di esseri umani si compone anche di gesti non verbali con i quali esprimiamo le nostre intenzioni e i nostri sentimenti. Bloccando questa gestualità tra i due interlocutori finisce che non si capiscono e scattano dunque meccanismi di autodifesa ed irrigidimento che poi portano a conflitti. E’ lo stesso meccanismo che c’è alla base delle violenze: il troppo amore che la vittima (sia essa uomo o donna) nutre nei confronti del patner la spinge a fraintendere i segnali non verbali, come le percosse, le violenze psicologiche, il rifiuto, etc. e lasciare che egli/ella continui a farle del male. Quindi bisogna distinguere il tipo di “mani addosso”. Bisogna insegnare ai bambini ad avere rispetto, non a chiedere il permesso se dare una carezza o meno.

        • dopo la prima carezza ascolti se lei abbia voglia o meno di farsi toccare da te? ma che ne sai se una donna ha voglia di essere accarezzata da te? glielo devi chiedere, il consenso, perché non esiste che prima ci provi e poi l’ascolti.

          • il consenso a una carezza o a un bacio non deve essere per forza verbale, non credo che ogni coppia (etero o omo) prima di darsi il primo bacio se lo chieda a voce se può pomiciare: semplicemente i due capiscono che è il momento, lo vogliono.e si baciano. E’ questione di desiderio reciproco e confidenza : è ovvio che uno che va in giro ad accarezzare perfette sconosciute senza chiedere a voce, è un maniaco

          • Chiedere a una persona se vuole una carezza o un bacio significa rovinare la bellezza, il valore e il significato di un gesto. I modi e i tempi vengono da se, spontanei, e se non è il momento si capisce. Però può anche essere che uno capisce male e allora è il momento di fermarsi. Ora vorrei precisare una cosa: non è che le donne siano tanto più riservate nel tenere a posto le mani, eh. In certe situazioni mi sono ritrovato mani ovunque, ma non per questo sto quì a pretendere che mi facciano la domanda ufficiale in presenza di testimoni! E che è? Finchè le intenzioni sono buone e sono spontanee non c’è ragione di porsi tutti questi problemi. Se poi si parla di violenze (percosse o altro genere) e allora quì il discorso cambia. Anche quì sarebbe ridicolo pretendere il preavviso (ve lo immaginate qualcuno che chiede: “scusa, ti posso dare un cazzotto?”), ma sarebbe corretto ad educare i bambini e le bambine a non farlo e a trovare soluzioni alternative, quando si può.

    • “Se fosse stata brutta, sarebbe stato corretto picchiarla?”

      ma non l’avrebbero picchiata comunque perchè nessuno adulto o bambino picchia una persona sconosciuta “a freddo” e per di più davanti alle telecamere a meno che non sia pazzo

  13. Davvero un ottimo post e un’ottima analisi! E ringraziamo il bambino per aver avuto clemenza verso quel povero essere delicato e fragile, no?

  14. Questo video è una cagata pazzesca. Se chi si occupa di comunicazione è così permeato di stereotipi come si può pensare di cambiare. Vorrei riportare un episodio che mi è rimasto in testa. Risale a 30 anni fa, anche 35. In cortile. Un bambino che non sopporto. Decido di picchiarlo. Lo faccio. Lui inizia con la tiritera che le donne non si toccano nemmeno con un fiore. La reazione che mi provoca questa frase è quella di farmi incazzare ancora di più. Ma come?, rispondo, devi reagire. Non lo fa. Alla fine desisto. Il suo modo di porsi ha raggiunto l’obiettivo, smetto di picchiarlo ma lo odio ancora di più. L’antico e il paternalistico mi dà sui nervi. Avremmo avuto 10 anni e lui lo vedevo antico e paternalistico.

    • Scusa…ecco…Fai proprio Donatella di nome? 🙂
      Mi hai attivato un ricordo…Alle elementari, non ricordo più perchè, odiavo ricambiatissimo una stronza, che un bel giorno mise una gomma da masticare dentro un mio libro al quale tenevo molto: “La famosa invasione degli orsi in Sicilia” …..enorme e puzzolente… sarà stata una big babol alla fragola … 😦
      Ricordo che mi guardava col libro in mano e se la rideva pure.
      Ricambiai poco dopo mettendogliela a tradimento nei capelli. Credo di ricordare uno sguardo assassino… comunque attaccò prima lei e di brutto, botte cattive insomma. Ricordo un “vergognatevi!” urlato fortissimo in corridoio con una maestra che correva verso di noi velocissima. Ci punirono entrambi, nota, chiamarono i genitori, etc.
      E’ difficile ricordare questi aspetti, dopo tutti questi anni, e ricordi di bambino, ma in effetti non so se fosse stato un altro bambino e non una bambina a fare quella cosa con la gomma… forse avrei attaccato prima io e a caldo senza pensarci due volte, o forse volevo proprio restituirle una cosa perfida e calcolata 😀
      Ok, nei capelli forse è stato eccessivo, ma lei era proprio una stronza. Che io ricordi, ci siamo odiati finchè ci siamo visti (ed evitati), io non la potevo proprio vedere.

      PS. per Giada. Se stai leggendo questo post e ti sei riconosciuta, volevo aggiungere un’ultima cosa….. PRRRRR!!!!!!!

  15. E’ difficile smascherare i meccanismi nascosti dietro le buone intenzioni e le tenere ingenuità dei bambini! Non vedevo l’ora di leggere il tuo commento al riguardo!! Io mi sento punta nel vivo perchè “le donne non si toccano nemmeno con fiore” lo insegnavano le maestre ai miei compagni di classe, in totale aderenza al sistema valoriale tuttora vidente che vede le donne le sole ad occuparsi dei ruoli di cura all’interno della famiglia, ma quando c’è da spartirsi le eredità vedono assegnarsi solo le briciole. E nulla è cambiato a quanto pare!!!

  16. Sinceramente ? Non l’ ho mai condiviso perché nel mio mondo di bambina le botte ai compagni di classe le prendevo e le restituivo: i bambini si azzuffano. Non è una questione di sesso o di purezza mentale ma di maturità.

  17. È un’osservazione perspicace e intelligente, anche troppo direi! Non vi è venuto in mente che senza i “comandi” dell’adulto il video non avrebbe avuto alcun senso? Egli si sarà raccomandato coi bambini assicurandosi che essi seguissero le sue esatte parole. Il video esiste perché esiste la sua voce! Pertanto io qui non parlarei di mancato rispetto della consensualità del sesso femminile e penso che le critiche che sono state mosse siano forzate. I valori di cui si parla in questa critica sono esatti e giusti, io li condivido pienamente, ma non credo che questo video sia “orribile”.

    • orribile no, discutibile sì
      voler difendere o proteggere qualcuno non significa ritenerlo inferiore ma posso capire perchè questo video (che non ha nulla di “spontaneo”) faccia storcere il naso

  18. ho letto molti tuoi articoli riguardo la/le questione/i di genere e ti faccio i miei complimenti per la lucidità della tua analisi…

  19. Orribile perché così come non si devono picchiare le donne, non si devono picchiare nemmeno gli uomini e gli animali, ma i primi non fanno notizia e per i secondi è più remunerativo realizzare video a parte.

  20. Non osavo dire che questo video è una cagata pazzesca solo perchè non volevo alimentare le dicerie sul mio conto che sono un cinico e maschilista del cazzo (cosa pure vera, ma resta il fatto che sto video è una cagata)

  21. che noia

  22. L’ha ribloggato su under the surface.

  23. Ma onestamente tutte queste critiche le trovo assurde. Questo video voleva semplicemente dimostrare che esistono ancora famiglie ed insegnanti sani in grado di educare in modo adeguato i loro figli/alunni. Da qui a parlare di ipocrisia,di paternalismo ecc.. mi sembra davvero fuori luogo. Sono dei bambini ed in quanto tali hanno dato risposta sincera ed adeguata ad una richiesta che a loro sembrava ingiusta e fuori luogo. Cosa c’è da criticare? Mah!!

  24. Il video è anche bello.
    L’interpretazione che viene fatta qui
    è ultrapessimistica.

  25. non l’ho condiviso perchè l’ho trovato manipolatorio

  26. E pensare che se gli adulti non volessero plagiarli e manipolarli in continuazione i bambini potrebbero essere sempre così carini e spontanei uno verso l’altro. Questa comunque è una forzatura, una situazione manipolata dall’adulto, non ci vedo niente di così educativo. Le femmine non si toccano nemmeno con un fiore, sono più deboli… quella bambina li superava tutti di una testa, scommetto che se si incominciavano a distribuire sganassoni non sarebbe stata lei quella che avrebbe pianto alla fine… un pensiero provocatorio per dire che è meglio educare tutti alla non violenza verso gli altri. A volte incontreremo altre creature più deboli di noi, e non è detto che siano le femmine… e non è detto che la debolezza fisica sia l’unica debolezza da tutelare. Ognuno ha i suoi punti deboli, insegniamo ai bambin_ a non sfruttarli, a non manipolare a non ferire a rispettare gli altri, chiunque ess_ siano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: