'SteFike, Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze

Dice #Zanardo: ci libererà il pallone (come non averci pensato prima!)

Dopo la Boldrini che dice che Frontex dovrebbe avere più finanziamenti ecco Zanardo che parla del calcio nella maniera più stereotipata possibile.

Signora mia, il calcio ci libererà, perché non è più cosa da maschi (ma va?) e poi ci aiuta a incanalare meglio l’aggressività e acquisire consapevolezza del nostro corpo. Vedete, Zanardo pensa di stare parlando con generazioni di femmine cresciute a dare il biberon alle bambole e si sconvolge, ossignore, delle bulle e di queste fanciulle che se monelle sarebbe perché hanno copiato le cose brutte dei maschi. Invece il calcio le farebbe ridiventare un po’ più femmine perché noi col calcio abbiamo un rapporto diverso benché soffriamo uguale per la sconfitta della nazionale.

E mentre leggo queste cose capisco che non deve essere un caso se prima le Snoq e poi altre varie ed eventuali, a parte appendere bambole al muro, hanno intrapreso la via di chiedere ai calciatori di fare da pompatori delle politiche antifemminicidio. Fortuna che i calciatori stavolta non hanno risposto e sennò, dato che non hanno proprio la reputazione dei vincitori, sai che testimonial sfigati s’erano trovati. Ma chissà come e chissà perché le femministe si sono messe a parlare di calcio come di un angolo di paradiso nel quale rintracciare cose buone per le donne.

Dice Zanardo che il calcio può interessare le femmine e pensando d’essere la pioniera di una nuova corrente di pensiero dimentica che le donne che sono già inserite nello sport alcune lotte per le pari opportunità in quel campo le hanno fatte decenni fa. In ogni caso scopre che il calcio non è più cosa solo maschile. Poi attribuisce alla partecipazione delle donne nel calcio una serie di categorie stereotipate e pure sessiste. Si mette a categorizzare la fisicità di quei corpi e svela il solito pregiudizio che racconta come le modalità violente siano dei maschi e invece le femmine sarebbero degli angeli.

Mi chiedo seriamente: come immagina Zanardo queste donne? A saltellare con i fiorellini in bocca? Pensa che sul campo di calcio non siano capaci di calciare e spintonarsi o farsi male? Pensa davvero che le ragazze non si azzuffano? Ma ha presente quanta aggressività vi sia nelle donne? E non perché le femmine si stanno maschilizzando, che poi pare un ragionamento speculare a quello di coloro i quali dicono che i maschi si stanno femminilizzando, ma semplicemente perché i generi, con tutti gli stereotipi che si portano dietro, sono una imposizione culturale, lo stesso tipo di imposizione che a modo suo, in questo caso, pratica lei, Zanardo.

Poi questa frase merita un primo premio in assoluto:

l’intervistatrice chiede: Questo è vero anche per il tifo secondo lei?
e lei risponde: “Sì, anche se le donne poi hanno loro modalità per tifare e appassionarsi. Lo vedo io stessa: quando c’è una partita in tv, se i maschi restano incollati allo schermo, io guardo la partita ma magari intanto chiacchiero anche con le mie amiche… E poi le donne tifose mi paiono più creative, per come si travestono o si truccano con i colori della squadra…“.

Signora mia, quando mio marito guarda la partita di pallone io mi faccio il ragù o parlo con le amiche. Ma se ci interessiamo al calcio “noi donne” siamo più creative, ci coloriamo meglio e vuoi mettere che fior di bijiotteria che portiamo addosso?

Due righe di remember sui tempi che furono: avevo una parente che da piccola lanciava pietre e le piaceva pure, un’altra che si arrampicava sui tetti delle case e restava lì a guardare il panorama, un’altra che usava la bicicletta come mezzo per attraversare il mondo e poi un’altra che si avventurava per boschi alla ricerca di chissà quali tesori. Ho visto ragazzine giocare a palla, matta, sana, avvelenata, a volo, a calcio, a basket, a qualunque cosa e poi ho visto uomini che facevano danza e che venivano osservati al microscopio proprio come le donne vengono guardate quando si parla di calcio. Magari smettere di categorizzare gli individui attribuendo caratteristiche e differenze di genere potrebbe aiutare a trovare un filo di parità. Potrebbe.

4 pensieri riguardo “Dice #Zanardo: ci libererà il pallone (come non averci pensato prima!)”

  1. Una delle più accreditate tesi sul fallimento della nostra nazionale è la presenza delle mogli e delle fidanzate nel ritiro dei giocatori… .Temo che il palone non vi libererà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.