Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Femministese, R-Esistenze

Quella “sinistra” moralista: Paola Bacchiddu demansionata per un bikini!

604005_10151537997832519_1385931029_nElezioni finite, commenti fatti, ora è il momento di dire le cose come stanno, senza peli sulla lingua. Paola Bacchiddu ha messo una foto in bikini sulla sua pagina facebook, è diventata lo zimbello di moraliste e di bull*, di gente che l’ha insultata e l’ha virtualmente lapidata, e, con mia sorpresa, ai margini della strada, a lanciare pietre su di lei, sottoforma di “critiche”, c’erano anche le femministe. Non tutte, per fortuna, perché alcune tra noi, tante persone in realtà, avendo subito capito la piega che stava prendendo la vicenda, come normalmente una brava femminista dovrebbe fare, abbiamo smesso di stare a guardare, abbiamo abbandonato il ciglio della strada, ci siamo spogliate, e abbiamo cominciato a camminare con lei. Abbiamo realizzato una cordata autodeterminata, protettiva e solidale, fatta di cosce, tette, culi, braccia, bocche, schiene, bikini, corpi, di donne e uomini, come fosse una slut walk virtuale, e quelle pietre, dunque, sono state meglio redistribuite.

Non conoscevo Paola Bacchiddu, lei sarda, io siciliana, ma che io la conoscessi o meno, che condividessi di lei i respiri, poco o molto, quello che mi è sembrato chiaro in questa vicenda era il fatto che si trattava di una donna che veniva mortificata per un gesto compiuto in libertà e io odio che si mortifichi chiunque faccia gesti di libertà, soprattutto se hanno a che fare con i corpi delle donne. Odio le intellettualizzazioni, le moralizzazioni, le sovradeterminazioni e odio che si rigiri la frittata per imbellettare e legittimare il moralismo di chi ha trattato Paola con un accanimento tale da farmi ritenere che se ci fosse stato nei confronti di Renzi o Berlusconi o qualunque avversario politico reale lo stesso dispiego di truppe probabilmente quelle truppe oggi avrebbero vinto le elezioni.

Paola è stata demansionata, mobbizzata, all’interno della lista, confinata fuori dalle stanze attraversate dalle vip e dai vip candidati e a parte un bel gruppo, politico, della lista che ha immediatamente mostrato a lei umanità e solidarietà, poi è rimasta a svolgere il suo lavoro tenendo fino all’ultimo, per se’, queste notizie. C’è una organizzazione di sinistra che l’ha cacciata fuori dall’ufficio per un bikini. C’è una organizzazione di sinistra che evidentemente teneva ad una immagine morigerata e che dopo tanto parlare di posti di lavoro, per chiunque, donne incluse, ha messo in discussione il posto di lavoro di una donna, precaria, ancora per un bikini. E Paola è stata zitta, sulla sua bacheca facebook ha continuato a fare marciare programmi elettorali, date, appuntamenti, cose utili alla lista, si è stampata il nome Tsipras sulla fronte quando la Rai raccontò di un tal partito Pripras  e poco ci mancava che non diventasse Priapismo e lì sai le risate. In queste settimane ho visto Paola sbattersi ogni giorno per fare entrare in testa ai media cosa fosse questa lista e prima del suo bikini nessuno sapeva che esistesse. Avrebbero dovuto premiarla o anche no, perché a sinistra la gente lavora con il cuore, più spesso, e quindi quel che fai non richiede neppure un ringraziamento, ma addirittura lasciarla sola, a prendersi insulti e lapidazioni moraliste, a subire le saccenti valutazioni di questa e quella e la supponenza e le stronzate di chiunque, è umanamente pessimo e non è la sinistra che io amo definire tale.

Sinistra è quella che quando un ragazzo stacca il corteo e fa qualcosa di “non concordato” con il resto della militanza viene  comunque accolto, coperto, salvato e non viene consegnato alle guardie come se fosse figlio di nessuno, perché il motto è “liber* tutt*“, ricordate? Sinistra è quella che se una ragazza bacia una visiera di un poliziotto in Val Susa, puoi anche pensare che abbia fatto una cazzata, ma tu le resti accanto, la difendi, non ti schieri mai dalla parte dei tutori e mai offri legittimazione a chi fa della delazione un mestiere. Sinistra è quella storia per cui in casi assai peggiori, certo più virili, le compagne sono solidali, qualunque cosa accada, e invece una compagna che si mostra in bikini diventa difficile da digerire, viene espulsa, umanamente offesa, consegnata ai tutori e alle tutrici della morale pubblica e questo la dice lunga sul fatto che certa sinistra, alla fine, se di sinistra stiamo parlando, non ha mai perso il vizio di essere sessuofoba e anche allergica a qualunque cosa che non ragioni di disciplinamento dei corpi, la sensualità, l’estetica, alla propria politica militante.

Per me sinistra è quando tu, sorella, amica, compagna, fai qualcosa – che tu l’abbia concordata con me poco importa – e io non ti lascerò mai sola. Invece quello che è successo con Paola non ha niente a che fare con la sinistra ma ha molto più a che fare con l’introiettamento di pensieri in stile Snoq che delirano di dignità e tutela dei corpi declinati in salsa paradossalmente anticapitalista, come se la performance di altre manifestazioni, inclusa l’estetica delle barricate in piazza, non sia sfruttata al mille per mille, dai media, e non sia assorbita dalla logica neoliberista. Quello che è successo ha molto a che fare con assurdi ragionamenti su corpi liberi se vestiti o se spogliati solo a seguire certi codici militanti, perché abbiamo le nostre leader maxime, quelle che dettano la linea, e non possiamo fare altro che restare sull’attenti e obbedire a questa logica che oppone un “corpo tuo ma fino a un certo punto” di modo che domani antiabortiste, abolizioniste della prostituzione, e sovradeterminatrici varie potranno meglio toglierci anche il diritto di parola sulle nostre libere scelte.

Quello che a me sembra è che si sia tentato, invano, di giustificare in mille modi incomprensibili un cortocircuito che svela le semplici contraddizioni di una certa sinistra. In quanto a Paola io l’ho supportata convintamente, lo rifarei ancora, e penso che in tutta questa vicenda è quella che ne esce meglio: era ironico e giocoso il suo bikini ed è rimasta sorridente lei, nonostante tutto.

E per il resto gli umori attorno a quel bikini non sono sopiti, considerando che solo parlarne risveglia un misto tra ostilità e moralismo e idealismo, non so in quale direzione, con chi ripete le parole d’ordine della leader maxima e chi invece prova ancora oggi a convincermi che le donne vanno disciplinate e intruppate e che il sessismo in rete, per esempio, vada combattuto chiedendo alle donne di coprirsi. Tutto ancora c’è da discutere. Proprio tutto. Intanto io dico a Paola grazie per il bagno di umiltà e umanità che mi ha indirettamente regalato, per l’ironia, l’allegria, e perché non fosse per lei anche tanti nodi al pettine nel mondo femminista italico, non sarebbero venuti fuori.

Si riaprono le danze. Risparmiatemi le battutine acide, per favore. Siamo più intelligenti di così. E ricordate che ogni vostra parola è funzionale alle abolizioniste e alle antiporno che se solo potessero vi rinchiuderebbero dentro una boccia di cristallo per non farvi più vivere…:)

Ps: care, io avrò pure prodotto un “discorso rozzo”, come ha scritto una insigne accademica su una bacheca facebook, non sarò una illustre “storica”, non avrò mostrato alcun timore reverenziale e attitudine leccaculista nei confronti di questa o quella prestigiosa pensatrice, ma non per questo sono un’idiota e non per questo quel che dite voi è verbo. Potreste sentirvi bene, un giorno, scoprendo che ad agire quasi in senso corporativo avete perso quella scintilla, l’autonomia intellettuale, l’intuizione, che comprende esattamente in quale clima culturale vi state muovendo. Potreste sentirvi bene, un giorno, scoprendo che il femminismo esiste ancora, per fortuna, avete fatto un buon lavoro, in fondo, ma quel che avete trasmesso non è un dogma. Siete voi, forse, ad aver perso un minimo di laicità. Non credete?

Leggi anche:

La solitudine delle donne ai tempi del femminismo moralista (lapidata sul web, suicida, per un video porno)
Ha ancora senso chiedere alle donne un voto in quanto donne?
Il femminismo e lo stigma negativo sulla scelta individuale
Il corpo non è mio? Le abolizioniste ne rivendicano la proprietà!
Ti odio perché sei diversa da me
Il “corpo a corpo” con il capitale – risposta a Cristina Morini – di Mario Gamba
Sarai libera di essere conformista! (che culo!) – risposta a Cristina Morini
Un corpo a corpo – di Elettra Deiana
Il corpo è mio o non è mio? Risposta a Ida Dominijanni – di Angela Azzaro
Libertà (evitare le crociate di liberazione delle altre donne, please!) – di Valeria Ottonelli
Davvero il corpo è mio ma non è mio?
Femminismo: io sono più autodeterminata di te
Cara Dominijanni, il femminismo stesso può essere “ancella del neoliberismo”!
Paola Bacchiddu e il “bene” superiore del partito!
I 10 Comandamenti del Femminismo Moralista
#Adinolfi, il culo per Tsipras e l’antisessismo di comodo
Paola Bacchiddu, c’era una volta un bikini che indignò le moraliste
Le critiche ai culi scoperti e il femminismo moralista
Ce lo chiede l’Europa: “Il corpo è mio è ci faccio quello che voglio io!” – la campagna di solidarietà per Paola Bacchiddu.

Annunci

6 pensieri riguardo “Quella “sinistra” moralista: Paola Bacchiddu demansionata per un bikini!”

  1. Fermo restando che con Bacchiddu molti/e hanno dato il peggio di sé , credo che almeno un errore marchiano l’abbia commesso: l’endorsement al libro di Annalisa Chirico Siamo tutti puttane, con autoscatto annesso. Essendo un testo che in sostanza dava alla Spinelli della babbiona moralista, ci può stare che quest’ultima non l’abbia presa bene, e certo è un atteggiamento che dà l’idea di rissosità e disaccordo interno, legittimo per carità, ma deleterio a livello elettorale. E non è solo quello: per me, che ho votato Tsipras, sentir avallare siamo tutti puttane non è una cosa positiva. E’ lecito pensarlo, ma una persona di sinistra senza se e senza ma sa bene che non tutti sono puttane, e molti hanno pagato a caro prezzo questa scelta, pensiamo solo Impastato tanto per fare un nome. Insomma, io al culo neppure avevo fatto caso, ma a tutta la baraonda dopo sì, e non è stato bello. Anche questo vittimismo post elettorale non mi piace, ma amen, è solo la mia opinione. Certo la cosa che più mi getta dello sconforto è la vittoria di Renzi. Devastante.

  2. Qui bisognerà decidere quanto influisce il pensiero cattolico in seno alla sinistra, in seno al femminismo. Si è sempre combattuto il moralismo cattolico padre del paternalismo e ce lo ritroviamo di rinterzo. Forse c’è da riprendere in mano un certo discorso e ripulirlo dagli inquinanti.

  3. Brava, bell’articolo. Fa riflettere. Ho sentito l’intervista della Bacchiddu alla “Zanzara” su Radio 24: dato il tipo di programma (che trovo utile per capire dove si annida il peggio di questo paese, e quindi lo considero imperdibile, visto che non ho la televisione) l’hanno subito chiamata! La questione posta è: ma come, si fa un gran parlare del “corpo delle donne”, a sinistra, e poi si fanno ‘ste cose? Paola ha risposto in modo pacato e acconcio, ma non è questo il punto. C’è una gran bella differenza se una’agenzia pubblicitaria a cui è stato dato l’incarico di promuovere un nuovo modello di automobile assolda una modella, la fa spogliare e sfrutta la sua avvenenza bene in mostra per vendere il prodotto o se invece una donna (liberamente, coscientemente, e con spirito provocatorio) decide di fare un gesto politico “utilizzando” il proprio corpo. O no? E allora le Femen che mostrano le tette? Perché piacciono a (più o meno) tutti? Si potrebbe parlare per ore del corpo come strumento politico o, al contrario di oppressione delle donne, ecc. ecc., sfidando qualsiasi noia. Ma in fondo si tornerebbe sempre al punto di partenza, e cioè che il moralismo -che fino a prova contraria è tra le cause dell’oppressione femminile, soprattutto quando arriva al bigottismo- non è solo di destra, ma appartiene a una larga fetta della sinistra. Chi non ricorda ai tempi del PCI, in cui anche mostrasi in costume da bagno faceva accigliare il dirigente di turno? Trovo il gesto della Bacchiddu non solo utile, ma addirittura necessario, spero soltanto non venga lasciata sola, trasformandola in quella “che ha mostrato il culo” (per dirla come alla radio). La sottolineatura del fatto che fosse anche un “bel culo”, naturalmente, è la quota di maschilismo che in Italia non manca mai. Ma questa è un’altra storia.

  4. Il tuo articolo è infarcito di definizioni indigeribili (la migliore è “sovradeterminatrici varie”) ed invettive che mi rendono difficile comprendere quale sia precisamente la tua argomentazione. La mia è molto semplice: ognuno/ognuna è libero di usare il proprio corpo (nudo o vestito) come crede. Ma COME lo si usa, ciò dovrebbe distinguere femminismo da asservimento, sinistra da destra.

    Per me è asservimento sfruttare il nudo femminile per veicolare messaggi che non hanno nulla a che vedere con il corpo medesimo e con la libertà di usarlo.
    E’ ciò che il capitalismo fa sistematicamente: nudo femminile-merce; nudo femminile-TV; nudo femminile-successo.
    Oggi siamo all’acme di questo sfruttamento, che associa il nudo a qualcosa che non ha nulla a che vedere con esso.

    Ora la Bacchiddu non si limita a mettersi in bikini, ma si esibisce nella posa offerente di chi mostra il posteriore, in pieno stile calendario-Pirelli, per attirare l’attenzione sulla sua…. scelta politica.
    Bè, in tal caso, uomo o donna, di destra o di sinistra, per me ha usato il corpo in modo non libero, ma asservito; non femminista, ma consumista.
    E bada bene che se l’avesse fatto un uomo (mostrare il pacco per testimoniare la sua scelta) io l’avrei giudicato esattamente nello stesso modo: anzi, molto peggio.

    Forse la Bacchiddu ha creduto di fare una mossa provocatoria: non so.
    Io so solo che ha riprodotto la stessa immagine della donna, lo stesso uso del corpo femminile che il capitalismo ci rimanda da tutti gli schermi, da tutte le pagine di giornale, da tutte le pubblicità – senza alcuna differenza.
    Là si vende un’auto associandola ad un nudo femminile, qui si vende una lista, associandola ad un nudo femminile.
    Che ciò avvenga per iniziativa della donna stessa, non cambia nulla.
    Uno schiavo che vuole essere schiavo (o che è consapevle della sua schiavitù), non perciò è più libero.

    Quello della Bacchiddu non è stato dunque un gesto di rottura, bensì di mero adeguamento all’esistente.
    Forse credendo di rivendicare la propria libertà, la Bacchiddu non ha trovato altro uso da farne (della propria libertà, intendo) se non quello che le viene imposto tutti i giorni, in ogni luogo, dal capitalismo.
    “La tua libertà, o donna, è quella di mostrare il culo: se mostri il culo, allora sì che sei davvero libera! Sennò sei una bacchettona – oppure racchia.” E’ il messaggio del capitalismo, del senso comune, del maschilismo imprante.
    E lei lo ha fatto proprio.
    Ed anche tu, mi pare.

    Seguendo il tuo ragionamento, Belen Rodriguez e Nicole Minetti sarebbero delle campionesse del femminismo.
    Ma non mi pare sia proprio così.

    E non tirare il ballo il moralismo, che non c’entra niente.
    Non è per moralismo che disapprovo il gesto della Bacchiddu.
    E’ perchè rappresenta la resa inconsapevole all’asservimento del corpo femminile che oggi trionfa nella nostra società.

    Ciò detto, non so quale sia stato il destino della Bacchiddu: francamente, spero non sia stata nè offesa nè emarginata per così poco: ciò mi dispiacerebbe davvero – e non servirebbe nè a lei nè a quelle femministe che l’hanno criticata (tra cui me).

  5. Paola Bacchiddu ha precisato più volte che si trattava di una semplice fotografia in gommone, già pubblicata su facebook e che non c’era alcun proposito strategico. Queste considerazioni mi sembrano convincenti e sicuramente le polemiche conseguenziali sono del tutto infondate.
    Io sono dalla sua parte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.