Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

#StigmaKills: il “bischero” stupratore e assassino di prostitute (Più diritti, meno violenza!)

Photo by Giant Girls, Network for Sex Workers' Rights in South Korea
Photo by Giant Girls, Network for Sex Workers’ Rights in South Korea

Erano #16 le sex workers uccise in Italia lo scorso anno, senza contare quelle violentate, derubate, oggetto di violenze ad opera di persone che le prendono di mira per questioni di puttanofobia, razzismo, transfobia. Quest’anno ne abbiamo, per il momento, #3. Una era Zhanna Hashenko, ucraina, l’altra era una “giovane prostituta di origine albanese”, così ne parla la stampa. Poi c’è Andrea Cristina Zamfir, 26 anni, rumena, vittima di quella che il suo assassino ha definito una “bischerata”:

Uccisa in modo barbaro: dopo una serie di sevizie sessuali, inginocchiata a terra, legata di spalle per poter essere aggredita, nella disperata ricerca di liberarsi come testimoniano le ecchimosi sulle braccia all’altezza dello scotch e lasciata morire così sotto un cavalcavia alle porte di Firenze, in via del Cimitero a Ugnano.” [fonte]

Lei viene definita dagli investigatori, inizialmente, una “sbandata, che ha fatto un brutto incontro“, con un articolo che parla di “gente che si lamenta per la presenza di prostitute nella zona”. Perché le donne che si prostituiscono bisogna mandarle ancora più in periferia, dove corrono mille pericoli, dove non le vede nessuno, per motivi di decoro, per non far svalutare i prezzi delle case, perché è meglio lasciarle sole, mai in grado di poter contare neppure sulle colleghe, invece che consentire loro di esigere, legittimamente, garanzia di sicurezza, quando e se decidono di fare quel mestiere.

Pesa lo stigma e pesa, in questi casi, una situazione economica pessima che metteva Andrea Cristina in condizioni di  prostituirsi per mantenere i figli. Quindi no, lei quel lavoro, se avesse avuto altre possibilità, non lo avrebbe probabilmente scelto. Come per tutte le precarietà possibili, alla fine, per campare fai quello che puoi e sarebbe utile se si pensasse a prevenire le violenze considerando innanzitutto questo: se questa donna avesse avuto un altro lavoro o avesse potuto svolgere il lavoro che stava facendo in totale sicurezza, sarebbe ancora viva?

65247_10151588314483635_1174433428_nPrima di ogni legge repressiva, che corrisponda ad una legittimazione della dimensione tutoriale delle istituzioni, prima di qualunque altra cosa bisognerebbe mettere le persone, le donne, in condizioni di poter scegliere e perché possano scegliere sarebbe il caso di:

– smettere con le politiche per l’immigrazione razziste, che criminalizzano i/le migranti e le condannano ad una condizione di ricattabilità, per cui possono cadere in mano a sfruttatori di qualunque tipo. Che Andrea Cristina fosse di nazionalità rumena poco conta perché i/le persone rumene, a parte fare le badanti, le cameriere o, quando sono più fortunate, poter frequentare corsi, spendendo soldi, per poter accedere ad altre professioni, non possono fare molto altro.

– smettere con politiche economiche che precarizzano il lavoro. Bisogna parlare di reddito perché senza reddito e casa non c’è libertà.

– regolarizzare la prostituzione affinché chi lo fa sia protetta da regole che possano essere utili a salvaguardare la propria incolumità. Se questa donna non fosse stata obbligata a restare in periferia, se avesse potuto condividere un appartamento con altre colleghe, cosa che oggi non puoi fare altrimenti ti becchi l’accusa di favoreggiamento, se avesse potuto esercitare quel mestiere avendo la possibilità di svolgerlo in una situazione protetta, non in clandestinità, assieme ad altre, le une attente alle altre, e se, ancora, le colleghe prima di lei, piuttosto che temere di essere rinchiuse in un Cie (immagino), avessero potuto segnalare in dettaglio, filmare, registrare, denunciare con precisione l’uomo che ora sappiamo essere uno stupratore, violento, femminicida, seriale, forse, oggi, sarebbe ancora viva.

154443_10201505166416863_847072641_nQuesto serve dire in relazione alla protezione delle vittime, perché non è possibile che sia necessaria la morte di una donna, definita perfino “sbandata” come se fosse sua la colpa della presenza in giro di questo pezzo di merda, per fare in modo che non succeda anche ad altre. Non è possibile che si ritenga utile soltanto la repressione perché la repressione, come sappiamo, interviene a cose fatte, quando c’è una donna morta e gente che piange quella perdita ed è magra consolazione vedere la sfilata di tutori farsi belli sulla stampa per dire “l’abbiamo preso… l’abbiamo preso” con tanto di dichiarazioni dei politici a ribadire che bisogna avere fiducia nella polizia. Come se il punto della questione fosse quello: rilegittimare le forze dell’ordine dopo le magre figure registrate nelle settimane scorse. Perché anche questo succede, sulla pelle delle donne.

Poi c’è la questione culturale e già mi si contorcono le budella a leggere “sbandata” o “bischerata” o comunque parole e frasi che banalizzano la questione, perché si trova anche qui il modo di ricondurre tutto alla scelta della vittima. E’ lei che è uscita fuori, a tarda notte, e dunque, cara, se esci e fai quella roba lì è chiaro che può succederti di tutto. Pessima cultura vuole che se resti a casa a fare la moglie e madre, sotto tutela di un buon marito, tutto questo non ti succederà mai. Peccato che, in realtà, come perfino le sex workers sanno, le violenze accadano più spesso in famiglia e dunque eccolo lì l’altro alibi fornito in questi giorni che sposta l’attenzione e decontestualizza questo episodio di violenza per riattribuirne l’origine semplicemente alla follia di un singolo mostro.

Siamo tutti salvi, i nostri mariti in casa sono a posto, la violenza è quella cosa che succede fuori e tutto ciò ha una valenza catartica per la società e il mondo intero. Vedete, care? Se voi restate a casa è tutto ok. Possiamo ricominciare a fidarci dell’istituzione familiare e poi possiamo ricominciare a parlare di violenza scissa da una cultura che viene veicolata da chiunque e che parla di possesso, ruoli di genere imposti, abuso sessuale e che proprio a causa di queste fughe sociali, di questi alibi collettivamente condivisi, viene affrontata poi con integralismi e una totale criminalizzazione della vita e della sessualità di tutti gli uomini, ovvero promuovendo leggi che parlano solo di violenza in ambito domestico perché è giusto lì che le donne devono sentirsi tutelate dallo Stato affinchè possano continuare a figliare e adempiere al ruolo di cura imposto.

1012423_10153069895595298_924821391_nLa questione culturale non la risolvi sottovalutando le parole e neppure abdicando e consegnando ai tutori, i patriarchi buoni, la nostra salvezza. Servono strumenti, educazione e cultura, per l’appunto e cominciamo con il dire che quello che ha fatto questo signore non è affatto una “bischerata”. Si chiama violenza.

Quest’uomo ha usato queste donne per stuprarle, seviziarle, legarle e lasciarle morire in una posa che ricorda tanto l’esigenza di esorcismo sociale che viene realizzato sulle donne “puttane”. Un rito macabro che si realizza ogni volta che si ritiene di ridare purezza alle donne “sporche”, ogni volta che si attribuisce uno stigma negativo ad una donna o si celebra la sua conversione alla luce a partire dalle trasmissioni tv in cui assisti a una spettacolarizzazione perenne delle scelte ri-verginanti delle donne (i mea culpa, la purificazione in tv con assoluzione del pubblico…). Un rito che appartiene ad un immaginario che mischia il sacro e il profano, con una sessualità vissuta male, pensata male, di chi non si capisce con che valori sia stato cresciuto e lì mi interrogherei tanto su come sia stata recepita da quest’uomo la visione integralista di un certo contesto sessuofobo, repressivo, misogino e religioso che guarda alle donne come fonti del peccato e infligge loro una mentalità che corrisponde né più e né meno che ad una costante crocifissione pubblica, mediatica, sociale.

E dunque no, non è una bischerata. Il punto non è che lei, dopo l’azione a senso unico del suo assassino, invece che restare viva come le altre abbia fatto il terribile dispetto di crepare. Il punto è che un sadico violento ha stuprato e torturato tante donne e una di queste è morta, mentre le altre, seppur vive, sono comunque vittime della sua violenza. L’unica cosa è che sono puttane e le puttane si può solo reprimerle, marginalizzarle, silenziarle, calunniarle, mai ascoltarle e ritenerle parte integrante della società tanto quanto tutt* gli e le altr*. Ecco tutto.

1069968_610850912280448_1671003878_n

Leggi anche:

Retoriche d’amore “puro” e uccisione di una sex worker
Jasmine, attivista/sexworker punita dallo Stato, uccisa dal suo ex
Le trans vittime di violenza per le quali nessun@ si dispera
Perché le sex workers sono escluse dal dibattito riguardante la violenza sulle donne
#StigmaKills: Roma, 19 Luglio, ombrelli rossi in lutto contro la violenza sulle #sexworkers

Annunci

2 pensieri riguardo “#StigmaKills: il “bischero” stupratore e assassino di prostitute (Più diritti, meno violenza!)”

  1. Sintesi e discussione su Facebook: “Sulla pelle di Andrea Cristina, uccisa e crocifissa da un “bischero” assassino, si celebrano le peggiori ipocrisie sociali. Rumena, sex workers, su di lei pesa il doppio stigma razzista e puttanofobo. Definita “sbandata”, con la gente della zona che si lamentava per la presenza delle prostitute. Su rivendicazioni così “umane” in genere si basano le ordinanze pro/decoro che confinano ancora più in periferia le sex workers, rendendole più marginali, ricattabili, vulnerabili. Era una donna povera, faceva quel lavoro per i soldi, per i figli, se reddito e casa nel nostro paese fossero una priorità politica e sociale, prima ancora della repressione, forse avrebbe fatto altro. Altre colleghe prima di lei erano state seviziate dallo stesso tizio. Migranti, forse, comunque non in grado di collaborare alla prevenzione. Forse temevano di finire dentro un Cie, chi lo sa. Se le leggi sull’immigrazione non fossero quelle che sono forse Andrea Cristina sarebbe ancora viva. Poi c’è l’ipocrisia che si celebra sul tema della prostituzione. Le anime belle dicono che bisogna “salvare” le prostitute ma giammai consentire loro di salvarsi da sole, per esempio, potendo contare su colleghe vicine, in una situazione protetta, autogestita, in cooperative, non so. In Italia non si può perché se anche condividi un appartamento con un’altra che potrebbe soccorrerti in caso di pericolo quella viene accusata per favoreggiamento. In tutto ciò, in questi giorni, molte dichiarazioni a raccontare il successo delle forze del’ordine nella cattura dell’assassino. Sicché si rilegittimano dopo giorni in cui quella legittimità era venuta un po’ meno. Poi c’è la questione culturale. Si parla del mostro fuori casa e si sposta l’attenzione dalle violenze in famiglia. Si usano parole come “bischerata” per lasciar definire a un sadico, violento, assassino, le sue azioni. Si punta ancora alla vita di lei per trovare le colpe rispetto alla sua morte. Se fosse stata in casa, in famiglia. E già. C’è il rito macabro, quasi religioso, purificatore della puttana sporca, crocifissa, e lì viene fuori un immaginario che rimanda alla crocifissione pubblica, mediatica, sociale, compiuta da chiunque tenda a moralizzare e restituire verginità e purezza alle donne che giammai devono apparire sessuate. Ma d’altro canto era solo una prostituta e le prostitute puoi reprimerle, marginalizzarle, silenziarle, calunniarle, mai ascoltarle e ritenerle parte integrante della società aventi eguali diritti come chiunque altr@. Ciao Andrea Cristina e scusaci perché non siamo riuscit* a fare abbastanza anche per te.”

  2. Il commento di Klara: “Non amo il termine “femminicidio”, in quanto ritengo che l’omicidio di una donna non differisca da quello di un uomo. Tuttavia, cio’ che e’ accaduto a Firenze e che accade anche in altre parti del mondo, e’ il caso di chiamarlo femminicidio.
    Quella persona non sarebbe morta se non fosse stata una donna. Quindi E’ un femminicidio. Non ci sono altri termini per descriverlo.
    L’assassino l’ha uccisa innanzi tutto perche’ donna… e prostituta.
    L’assassino l’ha uccisa perche’ resa debole e indifesa da regole che la societa’ ha imposto per salvare il proprio “decoro”. L’assassino l’ha uccisa in complicita’ con quella parte di societa’ che e’ moralista e ipocrita.
    Quando il “decoro” vale piu’ di una vita umana, e si cerca addirittura di dare la colpa alla vittima, in quanto donna e prostituta, allora significa che la societa’ che ci sta intorno e’ femminicida.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.