Acchiappa Mostri, Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Personale/Politico, R-Esistenze

Care Snoq, Eretica ringrazia!

03

Dicevo che si tratta di una faccenda personale. In realtà no. E’ una faccenda politica. Come tale va trattata.

Io sono, forse, in quanto collettore che agisce in sinergia con altre mille forze e persone, collettivi, soggetti, movimenti, un po’ più visibile della media e questa mia visibilità la uso per collettivi, soggetti e movimenti, per divulgare idee comuni a tant*, perennemente invisibilizzat*, ragionamenti complessi ma anche semplici, di certo un minimo più audaci, coraggiosi e non manichei di quelli che usano persone asservite ai poteri forti, sempre lì a fare gli zerbini di questa o quell’altra figura di potere che, uomo o donna che sia, non può certo essere paragonata a noi poveri comuni mortali.

La sostanza politica della questione, in generale, sta tutta qui. Nei giorni scorsi la polemica in rete è stata infuocata. C’era un gruppo dirigente che voleva spacciare il governo piddino come il più moderno e antisessista del mondo e presto fatto il pinkwashing è stato svelato. Poi c’era in atto la campagna abolizionista della prostituzione e abbiamo ben visto chi ha votato cosa. Si tratta di una precisa scelta politica. Da qualche parte dovrai stare e personalmente non sto con chi rappresenta il potere di sovradeterminare le persone e utilizzarci, tutti, piegando anche le lotte antisessiste a beneficio dell’immagine di un governo che non mi/ci piace.

Vedete, essere un minimo visibili e dire le cose che dico io ha un prezzo. Non ci guadagno nulla, è tutto volontariato, ma le antipatie sempre crescenti che si cumulano sono tante e il livello di imbarbarimento del dibattito politico è tale che ti ritrovi davvero a essere un po’ confusa quando c’è chi spaccia il perenne pestaggio mediatico per “critica politica”. Voglio dire, è facile guadagnare il consenso di quell* ai quali (alle quali) la persona che attacchi sta sulle ovaie. Facile innescare ciclicamente gogne, cosa che come conseguenza ha il fatto che altri mi inseguano sul web, per insultarmi e liberare feci oltre che per coinvolgere in questo pestaggio, che dura da più o meno un anno, altre persone, includendole tra i cattivi se mi difendono ovvero sollecitando prese di distanza perché io sarei brutta e cattiva.

Non è cosa che riguarda voi, in senso stretto, ma lo è, in special modo per quelle che dicono di occuparsi di violenza sulle donne e poi legittimano, indirettamente, gente che non aspetta altro che fiondarmi quintali di merda immaginando di avere perfino nobili ragioni per farlo. Aver conquistato, vostro malgrado, i servigi dei volontari dell’armata del bene così solerti nel tentare di fare abbassare la cresta a Eretica e indurla a smettere di fare opposizione al governo e alle sue ministre, non so quanto vi giovi, in realtà. Eretica, in fondo, si oppone ai poteri che usano i femminismi per ragioni che poco hanno a che fare con i nostri diritti, mentre noi tutti siamo qui a perire di precarietà, problemi, cose ben più concrete e serie di questi giochi mediatici, e questa non è cosa che noto solo io, non è una mia invenzione, ma è un fatto. Eretica potrà perciò anche stare a testa bassa, potrà smettere di scrivere, ma quel fatto resta.

Tutto ciò, dunque, per me svela comunque un metodo, un meccanismo e bisogna raccontarlo per quel che è: la gente che voi di Se Non Ora Quando, cosi felici del fatto che otto donne sono al governo ed evidentemente un po’ meno felici del fatto che io possa scrivere e dire quel che penso, avete indirettamente risvegliato mi insegue in ogni parte del web non per discutere, confrontarsi, ma per insultarmi. E’ gente che, nonostante io abbia chiesto più e più volte umana pietà, va di bacheca in bacheca, su facebook, a mortificarmi e sostenere tesi e controtesi contro la mia persona, cioè contro di me. Quella che applicano è una forma di squadrismo e poco importa se c’è chi allude, in maniera velatamente intimidatoria, a possibili conseguenze legali per affermazioni che sono in grado di sostenere e documentare ovunque sarò chiamata a farlo, ma per me c’è un limite al confronto aspro tra le parti. Tu Snoq che volevi sfancularmi perché non ti è andato giù quello che ho scritto, del governo, di te, di quel che ti pare, dovevi farlo direttamente e non affidarti alle parole di chi poi poggia sul consenso di gente come quella che ho descritto. Perché vedete, ci sono certi fenomeni che sconfiggi se li affronti sul piano culturale e uno di questi è quello che non consente alcuna forma di legittimazione a comportamenti di questo tipo. Altrimenti hai poco da invocare sicurezza, leggi repressive e quant’altro per tutelare le donne quando sono in qualche modo mediaticamente pestate sul web.

E in generale il punto è il seguente: io ho motivi per essere in disaccordo, in termini politici, con molte persone ma non metto alla gogna, non lo faccio neppure con chi mi vuole male, e non vado su twitter, di bacheca in bacheca su facebook, a insultare nessuno. In passato avrò fatto anch’io qualche errore, ma mai a questi livelli, e mi sono comunque scusata per questo. Oggi scrivo su blog, analizzo politicamente ma di sicuro nulla di quel che scrivo ha qualcosa di personale. Io non odio, non sono ostile, non nutro risentimento personale nei confronti di nessuno, dunque oggi posso dire di te che hai scritto cose che non mi piacciono e domani dirò che invece concordo con altre cose che hai detto e ti accoglierò a ragionare con me perché non ho paura della diversità se reciprocamente ci trattiamo con rispetto.

Perché si cresce, umanamente, politicamente e io credo di essere cresciuta, cambiata, in meglio. Ed è questo cambiamento che alcun* non tollerano. Mi vorrebbero intollerante come in ogni caso non sono stata mai, giacché ho sempre dato spazio ad altre idee purché non impedissero a me di scrivere quel che penso. Ma questa gente no, prova a farmi il vuoto attorno, vuole chiudermi entro recinti stretti. Vorrebbero smettessi di cercare, di coltivare il dubbio, vorrebbero rinchiudermi dentro le loro grette prigioni culturali, vorrebbero che il mio cervello autonomo perisse per claustrofobia mentale e assenza d’aria. Mi vogliono in silenzio. Sono guardiani di un dogma che neppure esiste perché il femminismo non è mai stata una cazzo di religione e se Snoq aveva bisogno di tutori, beh, li ha trovati.

Ora io ho la testa un po’ più bassa. Oggi sono psicologicamente provata. Oggi avete in qualche modo vinto. Sono mediaticamente sotto pestaggio mediatico da parte di un gruppo di donne bugiarde, ossessive e livorose che mi odiano e da un branco di cinquantenni filo/istituzionali che sul web si comportano come i peggiori adolescenti troll della rete. Che dire. Eretica ringrazia. E in ogni caso Eretica umanamente capisce tutto ma politicamente, state certe, non dimentica.

E ora basta, perché abbiamo altro da fare. Ci sono mille iniziative e lotte da raccontare. Di perdere tempo con i paternalisti e il patriarcato legittimato dai movimenti delle donne filo/istituzionali non ho più voglia. Proprio più. Se volete discutere con me io sono sempre qui. Disponibile. Con voi. Non con paternalisti vari e maschilisti travestiti da femministi.

Buon otto marzo anche a voi!

Leggi anche:

Care Snoq, il femminismo non è un partito

Se Non Ora Quando mi fa sculacciare da un paternalista

Snoq appoggia il governo Renzi. Alcune lasciano il movimento

Chi ha votato per la risoluzione abolizionista della prostituzione

Otto donne al governo. Si, beh, e allora?

Il sessismo del governo Renzi

A scuola di femminismo da un paternalista (come accreditare patriarcato buono dando addosso all’Eretica)

3 pensieri su “Care Snoq, Eretica ringrazia!”

  1. Un attimo…c’è ancora chi ripone la sua fiducia in questa politica? Non nella politica o negli ideali, intendo,ma in quello che sono diventati, in queste facce sorridenti, ininfluenti, quasi intercambiabili?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.