Erotic Grrlz

#Bdsm e la paura di una sessualità libera

tumblr_lihsqmmkLj1qi5fmpo1_400La gente ha tanta paura della sessualità libera. Quando si trova di fronte una che ha le idee chiare e la figa consapevole tira fuori i peggiori stereotipi del mondo. Eppure la questione si riduce tutta a un punto piuttosto semplice: dove c’è consensualità non c’è violenza e se sei libera di dire che quella tal cosa non ti sta bene e quell’altra invece si non si dovrebbero avanzare obiezioni di alcun genere.

Non la capisco, per davvero, certa gente moralista che dice di volermi impedire che qualcuno mi faccia male. Fossi una che giudica direi che a esplorare il loro inconsapevole masochismo, tra l’altro imposto finanche ai figli, avrebbero tanto materiale su cui riflettere.

C’è quella che ha trascorso anni in ginocchio e in confessione e parlava della via crucis come percorso che elevava ogni individuo. E dunque se la tortura non la scegli e ti dichiari martire allora meriti il paradiso. Se invece sei tu a chiedere che qualcuno ti frusti e ne godi perciò meriti l’inferno.

E in realtà il sesso così come lo vivevano alcune nonne non era diverso da un concentrato di senso di colpa e vergogna. Una donna penetrata era una martire e il suo supplizio poteva essere tollerato solo in quanto che lei avrebbe dovuto riprodursi e al marito urgeva un buco per eiaculare.

Oggi si esplicita che il sesso non è riproduttivo, quel buco ha attorno una persona che sceglie, pensa, chiede, partecipa, gode, e la penetrazione può essere utile, non utile, dipende da come si vive il sesso con chi ci piace, ma in ogni caso avviene tutto sulla base di un consenso espresso più e più volte.

Ho preparato tutto quanto. Le mie corde, il nastro lucido per gli occhi, vorrei ancorassi le tue mani sulla carne per scalfirla meglio. Vorrei mi attraversassi senza lacerarmi e che mi coinvolgessi con una punizione pensata per me e me soltanto. Voglio l’esclusiva dei tuoi morsi, strappi, pizzichi e voglio avere il diritto di goderne senza sentirmi in colpa nei confronti di nessuna.

Non sono io il nemico. Non io. Non sono vittima. Non sono colpevole. Solo diversa. Smettete per favore di ragionare per categorie rigide e voler impormi i vostri gusti. Pensate a liberarvi dalle oppressioni che riguardano voi e smettete di opprimere me con norme che universalizzano un sentire che è e rimane solo vostro.

E ora uscite fuori dalla mia vista e dai miei pensieri. Occhi bendati. Qualcun@ mi sfiora. Il gioco ha inizio. E io sto bene.

Ps: Erotic Grrlz (diario erotico postporno) è un personaggio di pura invenzione scritto, proposto da una amica (l’editing è mio). Ogni riferimento a fatti, cose e persone è puramente casuale. 

—>>>Nella foto Bettie Page in bondage

6 pensieri su “#Bdsm e la paura di una sessualità libera”

  1. “A esplorare il loro inconsapevole masochismo, tra l’altro imposto finanche ai figli, avrebbero tanto materiale su cui riflettere”. Aggiungerei anche sadismo e poi il succo sta tutto qua. Bell’articolo, come sempre.

  2. Come principio sono d’accordo: le persone adulte e consenzienti possono fare quello che vogliono. A me però viene da chiedermi perchè ho una fantasia masochista invece che un’altra e le risposte che sono arrivate mi dicono che mi sento in colpa nel fare sesso quindi desidero allo stesso tempo essere punito. Il tutto parte da un disagio vissuto nella mia infanzia e ora che l’ho riconosciuto non ho più quelle fantasie. Quindi sembra che posso fare tutto il sesso che voglio con chi voglio ma anche decidere se essere una persona consapevole o meno…

  3. Anche a me piace il sesso estremo…e non vedo nulla di male in questa pratica erotica estrema,ma diciamoci la verità:a chi é che non piace essere dominato da una bella donna?e se é sexy e trasgressiva é ancora meglio!

  4. Il buon vecchio Freud fece scandalo quando ai suoi tempi mise il sesso al centro della psicologia umana. Ancora il sesso è tabù, o meglio, il sesso che non sia vanilla, che non sia quello consumato da chi poi al di fuori del letto di casa va a farne altro di altro tipo. Insomma, anche se sono usciti libri e film, il sadomaso rimane qualcosa di sconosciuto. Ma la colpa è anche di chi lo fa passare per un gioco, purtroppo, perchè poi chi gli si avvicina porta con sè tanta confusione che non giova affatto a quello che è davvero questo mondo.

  5. Articolo molto bello e soprattutto genuino, avulso dai soliti luoghi comuni….
    condivido quanto l’autrice ha scritto.
    D’accordo anche con i commenti e in particolare con quello che ha scritto Amleta.
    Doctor R.
    (Danilo Erreni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.