Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

#StigmaKills: La prostituzione NON è stupro a pagamento!

MDG: Prostitutes and members of the Union of Sex Workers demonstrate in ParisUna delle tesi proibizioniste, come ho già scritto altre volte, è quella che la prostituzione sia stupro a pagamento. La tesi ha origini dalle teorie delle femministe radicali americane Dworkin-MacKinnon, si consolida nelle politiche abolizioniste filo/svedesi della Women Lobby europea e ora è la teoria che accompagna la promozione della proposta di legge che criminalizza i clienti e di fatto proibisce la prostituzione in Francia.

La teoria è neofondamentalista come neofondamentaliste sono altre teorie che riguardano il corpo delle donne. Quella teoria usa il termine “stupro” per imporre l’idea che tutta la prostituzione sia una violenza e che mai nessuno vorrà sceglierla. In realtà a quella tesi si oppongono tante sex workers nel mondo che continuano a chiedere regolarizzazione della professione per le adulte e gli adulti (la prostituzione non è solo femminile) che scelgono di svolgerla.

L’idea si fonda anche su una impostazione autoritaria e paternalista che riduce tutte le donne a potenziali e inconsapevoli vittime di stupro, cosa che pone le donne in condizione di essere sempre definite vittime, bisognose di tutori, anche se dichiarano di non essere tali. L’idea supponente è che tutte le donne debbano vivere il sesso allo stesso modo e in realtà nulla è più lontano da questo concetto malsano e autoritario che impone con la forza l’amor borghese e una visione sentimentale romantica a tutte le donne che dovranno darla via solo per amore.

protest-against-the-criminalization-of-sex-work-clients-in-paris_3066446Molto più complicato parlare di “piacere“, giacché il piacere presupporrebbe di esplorare varie zone del desiderio, incluso quello di vivere esperienze sessuali che probabilmente alla Dworkin, alla MacKinnon e alle loro seguaci proibizioniste di tutto il mondo avrebbero fatto molto schifo. Molto più complicato parlare di “scelta“. Ma per i neofondamentalismi l’autodeterminazione delle donne non deve essere rispettata. L’unica idea di Bene che può essere accreditata, a costo di importela con la forza e con leggi autoritarie, è quella delle e dei proibizionisti.

Il punto è che quell’idea di Bene rafforza stereotipi sessisti, stabilisce limiti dei soggetti non riconoscendone l’autodeterminazione e legittima la stessa cultura dello stupro. Dire ad una donna di rivestirsi per “rispetto di se'” o dire che dovrà farlo per non provocare lo stupratore è esattamente la stessa cosa. Perché si attribuisce a lei e ai suoi cattivi comportamenti qualcosa che ha origini culturali (e non fisiologiche) ben diverse. Dire che un rapporto/scambio a pagamento, consensuale, sia uno stupro, significa, come spiegherà Serbilla in basso, che si legittima lo stupro quando esso avviene ai danni di una sex worker, anzi, si dice che l’unico modo che una donna ha per non essere stuprata è quello di non fare la prostituta, il che coincide con l’idea, appunto, molto antiquata, che la donna possa essere stuprata solo fuori casa e da estranei.

Se ogni rapporto sessuale in situazione di scambio economico è stupro vorrei capire come mai non vedo in giro crociate contro il matrimonio, perché quello è il luogo principe in cui il sesso diventa anzi un dovere morale cui adempiere. Ipocrisie di questo decennio e di questi strani femminismi neofondamentalisti.

Le sex workers non fanno che dirlo: il proibizionismo alimenta uno stigma che uccide, produce violenza. Perché è a partire dal disconoscimento dei soggetti che deriva la violenza. Dare legittimità, diritti, credito ai soggetti consente loro di individuare proprie soluzioni e metodi per ottenere garanzia di diritti anche quando si parla di violenza.

Ecco quel che scrive Serbilla:

Volevo esprimere qualche dubbio sull’equiparazione della prostituzione allo stupro. Posto che chi è vittima di coercizione subisce una violenza, posto che ogni persona, mi sembra, anche quando sceglie di fare sex working è espost@ a forme di violenza.
Equiparare tout court la prostituzione allo stupro penso non faccia per nulla del bene né a chi è vittima né a chi non lo è (stat@ ancora).

Un discorso etico dovrebbe dare ai singoli soggetti forza, riconoscergli capacità di scelta e di contrattazione/mediazione all’interno di tutte le forme di lavoro – è lavoro tutto ciò che prevede un passaggio di denaro tra chi offre una prestazione e chi la acquista (poi ci sono lavori sottopagati, lavori di merda, lavori fantastici, lavori medi, lavori che vanno aggiustati, lavori che se ne potrebbe fare a meno, lavori che non ci sono più ecc. cose soggettive in larghissima parte). Se io vado in giro dicendo che la prostituzione e lo stupro ‘sono la stessa cosa’, non faccio altro che dare forza a quanti percepiscono il lavoro sessuale come una terra selvaggia in cui tutto può essere fatto alla persona che ho davanti.

Oltre a fare un discorso alquanto ignorante sul tema della prostituzione che può andare da un contratto di matrimonio molto ricco alla strada, attraversando un bel po’ di sfumature.

Mentre se dico che la prostituzione prevede forme di violenza, che vanno contrastate e che ogni persona coinvolta ha diritto a recedere dall’accordo qualora i termini non vengano rispettati, a dire di no alla violazione della propria integrità fisica psichica e morale, non solo sto dicendo che può esserci stupro, ma che questo è inaccettabile. Ma soprattutto che le persone variamente coinvolte nel fenomeno della prostituzione sono effettivamente soggetti, appunto persone.
I miei dubbi sull’inopportuna associazione sono sbagliati?

Mi sembra molto contorto come modo di proteggere le persone. Un modo che le espone ancora di più alla violenza.

Leggi anche:

9 pensieri su “#StigmaKills: La prostituzione NON è stupro a pagamento!”

  1. Non ha senso criminalizzare la prostituzione e men che mai accomunarla a priori a condizioni di violenza e degrado, sono d’accordo. Però è un po’ ipocrita dire che “non è solo femminile” e non riconoscere che è una professione fortemente “di genere”, al pari dell’infermiera e della badante. Io proprio come donna, in fondo, non posso usufruire prestazioni sessuali a pagamento, non agevolmente per lo meno. Devo per forza – per assurdo – associare sesso e rapporti d’amore o d’amicizia o a frequentazioni di tipo tradizionale, anche se non voglio. Così era prima delle legge Merlin, così è ancora oggi. Questo è un problema che i fautori del “non toccate la mia puttana” ad esempio non si pongono minimamente.

  2. La questione è molto semplice: la prostituzione priva le donne del potere di richiedere all’uomo medio/normale tutta una serie di comportamenti da adottare e requisiti da possedere per poter accedere al sesso. Infatti le teorie proibizioniste provengono proprio da quelle femministe che “sono emancipata ma il conto lo paga lui”.

    1. Mi sembra una visione molto riduttiva della questione. Non credo sia un problema di concorrenza tra chi si prostituisce e chi no. E “accedere al sesso” è un’espressione che mi ricorda “darla, darla via” come se un rapporto sessuale fosse un dono, un lasciapassare da parte delle donne.

  3. Alessandra, il motivo per cui si prostituiscono numericamente meno uomini rispetto agli altri generi è semplicemente che c’è meno richiesta. La ragione per cui c’è meno richiesta è naturalmente riconducibile alle differenze culturali e di educazione che vengono imposte a seconda del genere, ma questo non esclude “nicchie di mercato”. Esistono peraltro anche siti specializzati del tutto al maschile.Ce n’è uno con un nome abbastanza evocativo. Attendo però l’autorizzazione della nostra ospite per mettere un link o nominarlo.

    1. Sicuramente poche donne diranno mai di desiderare un rapporto di questo tipo, e sarà così ancora lungo, per le ragioni che dici tu M. Quello che mi colpiva della riflessione fatta da alcuni oppositori francesi è la povertà di un “lasciateci stare”, sacrosanto se vogliamo, senza nessun approfondimento. Badinter parla di criminalizzazione della sessualità maschile: mi chiedo se consideri squisitamente maschile il godimento del sesso senza troppi filtri di mezzo, o se magari ho capito male. E perché Beigbeder e gli altri, oltre a un “mia” che non mi piace – non toccate la mia puttana, ma lei non è “tua” come non è “mia” – sembrano solo voler difendere uno status quo culturale nel rivendicare tutta la libertà sessuale possibile, di cui invece le donne, monogame o libertine, sposate o single, non possono godere.

  4. Quello sulla prostituzione, è un dibattito enorme e complicatissimo. Da un a parte intravedo la libertà da parte di una donna, di praticare un attività lucrativa senza che si configuri lo spettro dello stupro che, per esserci, deve accompagnarsi ad un atto di violenza e comunque contro la volontà della donna. Molto diversa è quindi la prostituzione quando essa è fatta per scelta. Semmai il problema è di noi maschietti e del fatto che non vogliamo delegare ad una donna tutto questo “potere” potere sul piacere. Per un altro verso però, la prostituzione di fatto mercifica il corpo nella misura in cui qualcuno paga per “acquistarlo”…Non mi piace l’idea di acquistare il corpo di una donna. Forse una c’è una domanda innanzi a tutto e che pochi si pongono, cioè perchè noi maschietti abbiamo bisogno delle prostitute? Perchè noi maschietti dobbiamo pagare per fare sesso? Forse perchè col denaro ci illudiamo di rovesciare i rapporti di forza? Ma la prima domanda non trova comunque risposta. Una volta si diceva che non ci sarebbe stata la liberazione delle donne senza la liberazione dell’umanità dallo sfruttamento del capitale. Ma manco questo risponde a quella domanda.

  5. Lo stupro è violenza, nella prostituzione non c’è violenza (almeno in condizioni normali), è solo un rapporto commerciale in cui la merce di scambio è sesso.
    Equiparare prostituzione a sesso è fondamentalmente insensato.
    Penso che neppure valga la pena di discuterne, tanto è ovvio ed evidente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.