Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

#IoMiSalvoDaSola: uomini antiviolenza? Ma anche no!

mauro_bergamasco_violenza_donne01

Di donne e campagne antiviolenza che reclamano il “patriarcato buono” avevo parlato QUI. Della campagna paternalista rugby in cui l’uomo antiviolenza altro non fa se non riproporsi nella chiave di protettore ho detto QUI. In basso altri link su altre campagne di aziende varie forgiate sul brand “femminicidio”.

Questa (grazie a Stefania per la segnalazione!) è la campagna Avon, azienda produttrice di cosmetici, che unisce il suo sforzo creativo alla presunta sapienza di un centro antiviolenza sulla scia di quella che fu una tradizione atroce iniziata con Snoq che faceva indossare magliette rosa a calciatori e testimonial che non era poi detto fossero consapevoli e antisessisti.

“Purché se ne parli” era la modalità, senza ragionare di contenuti, anzi, ho la certezza che quella Snoq, che ora è in rotta con altri comitati in tutta Italia, di violenza sulle donne non ci capisca poi un granché, e parlandone in maniera sbagliata si è finito per promuovere un brand utile per tutte le occasioni.

Nulla da dire al giocatore di rugby che sicuramente è la persona migliore del mondo. Ma questa campagna, esattamente come altre dello stesso tipo, ha il difetto di rappresentare una chiave di lettura machista, la gara testosteronica che addirittura esigerebbe l’ausilio di un arbitro, dove la donna non è soggetto, non è protagonista delle proprie azioni e dunque neppure del proprio salvataggio, ma è solo una fanciulla invisibile, fragile, evocata solo in quanto vittima, da salvare, ché non salvarla rappresenterebbe una sconfitta per LUI.

mauro_bergamasco_violenza_donne03

E’ lui il perdente, capito? Perdenti sarebbero gli uomini violenti legittimando il mito dell’essere vincente sulla base di un tutoraggio eroico che viene esercitato sulla mia pelle. Siamo alla comunicazione epica. Qui ci sono eroi che combattono per noi… oh fanciulle, ma non siete tutte eccitate? Non sentite il brio?

Dai su, ditemi che questa campagna in cui si dice fine del match e poi si fa la differenza tra perdenti e vincenti per voi è una cosa positiva (sigh!).

Grazie Avon e grazie centro antiviolenza. Davvero. Che bel servizio che ci avete reso.

Fate così: evitate di coinvolgere gli uomini. Non serve che si rappresentino “contro” per distinguersi dai “perdenti” perché moltissimi uomini sono già contro. Me li ritrovo a fianco ogni giorno senza che abbiano alcun bisogno di realizzare sulla mia pelle la loro aspirazione di riuscita nella vita. Non consumano il loro ideale di mascolinità nel tutoraggio, rispettano la mia autodeterminazione e casomai mi stanno a fianco, come io sto a fianco a loro, per lottare, insieme, nelle direzioni che scegliamo.

Ci bastano già le guardie in divisa. Promuovere campagne che in fondo dicono “c’è uno sbirro dentro ognuno di noi” è veramente terribile. Giocate a palla, a birilli, a briscola, a quello che volete, se volete fare a braccio di ferro e giudicarvi vincenti o perdenti, ma non giocate sulla mia pelle perché questo si chiama paternalismo e alla fine realizza una cosa per la quale personalmente nutro grande avversione: l’alleanza tra patriarcato e matriarcato che con la scusa di proteggermi diventano i miei censori.

Se io smetto di essere vittima, se mi salvo da sola, se smetto di essere la vostra palla da tirare in porta per segnare un goal, siete davvero in grado di continuare a giocare e vivere o io devo restare a fare la vittima vittimizzata per dare un senso alla vostra esistenza?

Ps: se tu coinvolgi gli uomini perché li ritieni colpevoli in quanto genere e pensi che la metamorfosi pedagogica possa avvenire se li tramuti in tutori responsabili del corpo delle donne cosa hai risolto? Mi chiedo, dato che in questa campagna sono impegnate donne, che tra l’altro si occupano di violenza: chi si fa realmente veicolo di cultura patriarcale se metti in bocca, a mo’ di ventriloqua, a un uomo insegnamenti normativi che restituiscono gli uomini all’abbraccio mortale di quella cultura? Chi reitera cosa? Di cosa siamo responsabili noi nella trasmissione di stereotipi sessisti? 

Leggi anche:

Annunci

2 pensieri riguardo “#IoMiSalvoDaSola: uomini antiviolenza? Ma anche no!”

  1. Quand’ero piccola ricordo queste adunate di donne a casa di qualche amica (casalinga-disoccupata) di mia madre. In pratica venivano presentati i prodotti avon e poi tutte (un po’ per cortesia, un po’ per aiutare l’amica) compravano qualcosa; un rossetto, una matita per gli occhi, una cipria…. e avon guadagnava! Non so se ancora funziona così ma aprendo portaportese o un qualsiasi sito/giornale di lavoro, avon è sempre in prima linea nella ricerca di personale e in un periodo critico come questo, dove orde di persone laureate si accalcano per un impiego da commesso sottopagato, il fatto di essere sempre costantemente alla ricerca di personale basta per annoverare l’azienda tra quelle che pubblicano annunci “sola” , un po’ come la kirby o la folletto. Si tratta di una di quelle aziende a struttura piramidale che basano i loro profitti sulla presentazione dei prodotti casa per casa e sul fattore fiducia-pietismo che si riesce a infondere in parenti e amici a cui presenti i prodotti. Allora mi chiedo; se avon è la prima a sfruttare la condizione di subalternità delle donne nella vita lavorativa per trarne profitto, come può battersi contro la violenza di genere?

  2. Sinceramente non sono del tutto d’accordo. Io il “siamo dei perdenti” l’avevo interpretato come “siamo dei perdenti noi uomini che ancora compiamo violenza sulle donne”. Quindi mi sembra un messaggio proprio positivo perché invita anche gli uomini alla riflessione, rendendoli assolutamente parte di un fenomeno. Troppo spesso infatti il femminismo è concepito come qualcosa da donne e che non riguarda gli uomini, mentre invece è chiaro che non è così.
    Le violenze che le donne subiscono vengono dagli uomini, e quindi è giustissimo cercare di creare un’autocoscienza anche negli uomini, anche attraverso messaggi come questo “siamo dei perdenti”.

    Inoltre non devi pensare al principe azzurro che ti difenda dal bruto o roba simile: il manifesto secondo me sensibilizzando gli uomini fa anche sì che magari la prossima volta che un amico racconta di un violento contrasto con una donna l’altro gli dica:”guarda, sei un perdente. la violenza è insensata”.

    Per l’idea che le donne non debbano essere vittimizzate, sono d’accordo. Allo stesso tempo però siamo di fronte a una situazione che non cambierà finché gli uomini non si assumeranno le proprie responsabilità. Allora è assurdo pensare che “le donne ce la possono fare da sole”, semplicemente perché: ce la possono fare a fare cosa? Il processo di emancipazione che porta alla parità non deve per forza essere una battaglia, dovrebbe anzi essere un percorso fatto di mutuo riconoscimento, in cui gli uomini capiscono razionalmente determinate cose e tutti, al di là di sesso e genere, lavorano nella stessa direzione e cioè per costruire una società senza discriminazioni, senza differenze verticali, paritaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.