Annunci

Orgogliosamente femminista, io resto!

969561_499921003429943_350706513_n

Quello che succede al femminismo, che poi è quello che succede alle belle spinte rivoluzionarie quando si traducono in ideologia, è che la delega in bianco di tutto quel che lo riguarda è consegnata a persone che a parte definirsi “movimento di donne“, tanto per dire quanto il femminismo in realtà gli piaccia, giacché così meglio possono sdoganare fascismi mentre fanno i loro balli e girotondi bipartisan, hanno deciso di sostituirsi alle istanze autodeterminate che vengono dal basso.

In quanto aventi uteri proclamano di poter parlare a nome di tutte le donne. Il loro sentire dovrebbe corrispondere al mio. La loro morale diventa una prigione normativa entro la quale io sono costretta a muovermi. Sono le stesse che parlano di precarie ma se le precarie parlano e intervengono ad una loro iniziativa le fanno bloccare dalla polizia e poi le chiamano antidemocratiche. Le stesse che parlano di violenza sulle donne e poi zittiscono l’opinione di chi quella violenza l’ha subita. Le stesse che parlano di prostituzione e poi delegittimano le sex workers che si autorappresentano con rivendicazioni decisamente differenti. Le stesse che impongono un registro su quel che è sesso o perversione/stupro, quel che deve piacermi oppure no, nel senso che se mi piace con le corde sono certamente schiava di logiche patriarcali e se mi piace usare il mio corpo per fotografarlo ed esporlo dicono che il porno è male e che sarò certamente una complice di maschilisti.

Definitivamente quel che mi propongono è una religione, munita di sacerdotesse e preti, paternalisti e in posa da crociata, che nei gironi dell’inferno rinchiudono le donne che non seguono il loro schema mentale e non obbediscono alle loro leggi moraliste, sovradeterminanti e autoritarie.

Così è diventato necessario, fondamentale, urgente, che ciascun@ si riappropri della propria lotta ed è quel partire da se’, che alcune mistificando dicono dovrebbe rivolgersi ancora in direzione di quell’imposizione normativa, che va recuperato.

Innanzitutto ci sono io, il mio sentire, quel che a me serve per emanciparmi. C’è la mia idea di società che può non coincidere con la tua e in tutto ciò mi serve battere forte i pugni sul tavolo per farmi sentire e dirti che la mia autodeterminazione non può essere calpestata, violata, compromessa. Non mi interessa se la tua scusa ignobile è che mi ritieni comunque vittima, anche se poi mi chiami stronza, di un male superiore che sarebbe il maschio, salvo poi glissare se ti dico che il mio nemico è il capitale.

Almeno attribuiscimi la capacità di decidere per me senza che si ritenga io sia vittima o complice di alcunché. Le donne non sono tutte uguali. Il bene non risiede solo dove dici tu e tu non puoi parlare al posto di nessuna che ha già una voce autodeterminata che va semplicemente presa, sostenuta, ascoltata e veicolata. Se non sei in grado di fare questo, se tutto quel che sai fare è crocifiggere e scomunicare, evangelizzare e moralizzare tutte quelle che non ti somigliano, allora capirai bene perché io mi sto difendendo e sto riaffermando quel che sono, quel che penso, quel che io voglio per me.

Se tutto quel che fai è limitarmi, censurarmi, tu sei come quella del movimento per la vita che tra ricatti e sensi di colpa vuole farmi intendere che per il mio bene dovrei pensarla come te. Sei una arrogante, presuntuosa, integralista, una maestrina con la quale non ho nulla a che spartire, perché innanzitutto, dall’alto del tuo pulpito tu non ascolti, non ti metti in relazione, e tutto quel che intendi fare è lasciare che prevalga la tua opinione sulla mia con metodi fascisti o stalinisti, facendoti scudo di un branco, un sovrannumero di utenti, una riunione in cui deliberi che sarebbe quella la linea imposta.

Il mondo sta qui fuori, ricordalo, e mentre tu proclami il perchè e il percome della tua religione ci riappropriamo del femminismo e lo rendiamo di nuovo area laica e antiautoritaria.

Orgogliosamente femminista, io sono e fui. Orgogliosamente femminista, io resto.

—>>>Dedicato a quell* che mi vogliono “aggiustare”.

Leggi anche:

Annunci

Comments

  1. ottimo post……….meo

Trackbacks

  1. […] In uno degli episodi dei Simpson, Lisa viene raggiunta in sogno dalle sue eroine: Simone de Beauvoir, Lilian Hellman, Margaret Mead, Lauren Bacall, Elisabetta I.  Le visioni di Lisa mi sono tornate in mente in questi giorni caldi, caldi anche di polemiche esterne e interne.  Per esempio, Yamamay sì o no (per me il no resta un no: assicurarsi il consenso di parte del femminismo per promuovere il marchio è cosa da non appoggiare e non porta informazione a giovani donne che ne sono prive. Basta guardare la pagina Facebook di Yamamay, dove sotto la promozione della campagna un’utente protesta perché non le è arrivato il costume, altro che sensibilizzazione).  Oppure, i femminismi giusti e ingiusti di cui dà conto Abbatto i muri. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: