'SteFike, Satira

#Sentenza: associare l’Italia alla merda è vilipendio

nopaesedimerdaSarà vera questa cosa? Boh, l’ha scritta RePubica e magari non lo è però se è vera, confortatemi please, direi che siamo alla frutta (siamo alla frutta si può dire o è vilipendio alle banane?).

Che quasi quasi preferirei stare all’estero, a questo punto, dove posso anche bestemmiare contro un posto, senza dover pensare di vilipendere qualcosa o qualcuno. Se ho da preoccuparmi d’esser patriottica, in questa scivolata verso pianeti un minimo nazionalisti, direi che da domani bisogna rivestirsi tutte con la bandiera tricolore a celebrare feste comandate e baciare il suolo patrio dopo il primo sbadiglio.

Lo posso dire che mi sembra una cosa lievementissimamente esagerata? No, davvero, se penso che siamo in una nazione in cui puoi dare del malato e della merda a gay, lesbiche e trans, dove le donne le puoi chiamare troie ad ogni angolo di strada e gli uomini che non obbediscono puoi dirgli che sono fannulloni e una serie d’altri epiteti non belli.

Siamo un paese dove puoi chiamare “zoccola” e “troia negra” una ministra, dove i migranti, si intende riferendosi a tutto un popolo, li chiami, disprezzandoli, zulù, escrementi, clandestini, zingari, dove per certe strade vedi sfilare signori con la mano alzata a inneggiare un dittatore fascista dell’epoca che fu, dove in certe città vedi raduni di nazi che disprezzano l’universo mondo. Siamo tollerantissimi e garantisti con qualunque forma di discriminazione e intolleranza e ora si scopre che l’unica cosa che non si può fare è vilipendere, a parte i capi di Stato, la nazione? Si stabilisce che dobbiamo averci un senso dell’appartenenza in stile ventennio? Ma non eravamo europei? C’abbiamo pure la moneta unica. Bisognerà pure che vi decidiate su quale Dio dobbiamo venerare.

Vabbè. Da ora in poi, sperando che ‘sta storia non sia retroattiva e ci si abbuoni un minimo di prescrizione, inventiamoci nuove bestemmie per esprimere sconforto.

E nel frattempo corro a ripassare l’Inno di Mameli…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.