Antiautoritarismo, Comunicazione, Critica femminista, Femministese, Violenza

Se il Femminicidio lo commette Lei

Motivi passionali“. “Motivi di gelosia“. Se queste parole fossero state scritte per definire un delitto commesso da un uomo in tante, giustamente, avrebbero stigmatizzato la cosa.

Secondo Bollettino di Guerra è la tredicesima vittima di Femminicidio dall’inizio dell’anno e ad uccidere è stata una donna. Passionale. Gelosa. Convivente.

La notizia non è nelle prime pagine dei grossi quotidiani con qualche sottotitolo che ne definisca la tipologia, e ne capisco anche la ragione. Perché a voler attribuire un tipo di delitto ad un genere invece che ad una cultura si rischia di sbagliare e a fare emergere contraddizioni invece si rischia di demolire l’intera impalcatura sulla quale si regge, per esempio, uno degli otto punti proposti da Bersani agli M5S per fare l’alleanza di governo: il ddl sul Femminicidio in cui si propone l’aggravante nel caso in cui l’uomo uccida una donna e poco conta se quell’aggravante – a parte essere un minimo autoritaria e discriminatoria perché ti dice che se muori ammazzata femmina vali di più che se muori di qualunque altro genere – non servirebbe a nulla perché è mirata sostanzialmente a punire dei cadaveri. Ché lo sapete, certo, che la maggior parte degli assassini poi si suicidano e se sono bell’e morti c’è ben poco da punire.

Però il termine “Femminicidio” è diventato roba da folklore per cui se l’imprenditore indebitato ammazza due impiegate in Umbria, datosi che son femmine, per alcune andrebbe ad avvalorare la tesi secondo cui la violenza è maschia, come d’altronde finisce per dire che l’innocenza è femmina. Lei vittima e lui carnefice, forever and ever.

E di Femminicidio parlano anche quando lui ha 90 anni e lei 89 e tra malattie e vecchiaia e stanchezza vallo a capire dove sta il delitto misurato su ruoli di genere, sentimento proprietario, possesso e cose così. Perché se è femminicidio quello allora sarà maschicidio quando lei è stanca e lui è malato e gli dà giù di mattarello.

Anche la donna uccisa per rapina per certune può fare numero, ché se poi a rapinarla è il figlio tutto diventa facile da concludere. Poi scopri che c’è una figlia con il vizio del gioco che ammazza la madre più o meno per la stessa ragione e non se ne fa quasi parola. Per non parlare della figlia che prende il padre, lo ammazza e lo fa a pezzi e questa cosa sarà certificata tra le stranezze dell’essere donna, mica umana, no, semmai angelo caduto dal cielo, ché noi godiamo del favore degli Dei e secondo una certa logica un minimo reazionaria che ci vorrebbe “naturalmente” dedite alla cura e all’attenzione per il prossimo, e invece gli uomini tutti a fare a pezzi il mondo, quando perdiamo l’equilibrio e precipitiamo dalla sfera celeste si dice che l’è stata la nefasta influenza maschile.

E dunque per mettere fine alla violenza di genere, che è intesa in quanto che un genere violenta e tutti gli altri stanno a guardare o a subire, oggi, nel 2013, nel tempo in cui le culture sono veicolate a piene mani da chiunque e in qualunque modo, secondo alcune o alcuni volenterosissimi tutori, basterebbe abbattere l’uomo, rieducarlo, farlo sentire un po’ una chiavica e colpevole di nascita e poi farlo marciare nei cortei assieme a noi a recitare mea culpa o applaudirlo quando dice che per lui, giammai, “una donna non si tocca nemmeno con un fiore” perché “le nostre donne non si toccano“, rinsaldando in un colpo solo la stessa cultura della proprietà che è all’origine di certe violenze.

Vi risparmio l’idea che ho di chi difende le donne sulla base della loro italianità presunta contro lo straniero, l’uomo nero, brutto, sporco e cattivo che dà l’idea che le violenze siano commesse tutte fuori casa invece che in famiglia, come in realtà sono.

Bollettino di Guerra sta facendo un buon lavoro. Documenta un fenomeno senza alcun pregiudizio di genere. QUI trovi il senso di quel che fa e QUI ti spiega come procede la numerazione. E sono numerate solo un certo tipo di vittime e non tutte dato che si documenta la violenza di genere e non i delitti in generale. Tra le vittime, per questioni di genere, ci sono anche gli uomini e ci sono i figli e vengono contati pure quelli. Perché se non analizzi il problema per quel che è e non verifichi quali e quante possono essere le soluzioni per prevenire e disinnescare questi delitti, in realtà, è come se il problema tu non volessi risolverlo affatto.

E dunque, a me che mi occupo di questa cosa da decine di anni, certo può venire in mente che tra persone in buona fede e persone un po’ fanatiche esiste comunque un cospicuo numero di umani ai quali conviene reprimere sulla base di un falso assunto piuttosto che disinnescare e prevenire sulla base di presupposti concreti.

Perché di certo è più facile favorire il marketing istituzionale tutto proteso alla tutela e all’assistenzialismo, molto meno al rispetto per l’autodeterminazione delle persone, incluse le vittime che non vogliono essere vittimizzate, che trovare soluzioni vere, che mettano in mano alle donne, alle persone, strumenti di difesa o autodifesa, invece che sviluppare dipendenze sociali, istituzionali, economiche, psicologiche, emotive…

In termini politici la violenza sulle donne è usata come elemento unificante di donnità diverse, tutte perbene, madri, mogli, etero e italiane, secondo la logica corrente di conteggio e attenzione nei confronti delle vittime, che esclude prostitute e migranti che non hanno accesso neppure nei centri antiviolenza, e ad unire tutte queste donne, facendo comunque una divisione stereotipata e sessista mentre canticchi “il nostro corpo è sacronoi siamo madri, noi siamo insegnanti, noi siamo splendide creature“, si fa un favore a quelli e quelle che evitano di parlare di conflitto di classe, di cultura e identità politica.

Così ti ritrovi in piazza a fare One Billion Rising con una donna di destra che la volta prima aveva appoggiato proposte di legge per fare entrare i movimenti per la vita (che semanticamente ci insultano dicendo a noi altre pro-choice che saremmo pro-morte) nei consultori e che investe il suo ruolo politico a sostegno di un modello di famiglia – etero – in cui le donne sono ammortizzatore e psicofarmaco sociale con ruoli di cura gratuiti fino alla morte. Ti ritrovi in piazza anche con una donna che di certo non è precaria come tante di noi e che la volta prima aveva appoggiato la Riforma Fornero ché in quanto donna sarebbe fantastica qualunque cosa dica o faccia.

Insomma, il punto è che certi ragionamenti sulla violenza sulle donne sono diventati dogmatici e non c’è laicità né lucidità. C’è ingenuità, a volte, e malafede in altre, e sono ragionamenti che sostanziano e di parecchio la cultura patriarcale dalla quale diciamo di volerci smarcare. Le soluzioni vere presuppongono analisi altrettanto realistiche. Le soluzioni vere presuppongono che il tema non diventi o non sia trattato come un brand usato per recuperare consenso, voti, soldi, click sui grossi quotidiani online. Altrimenti non ditemi che vi dispiace. Non vi dispiace affatto. E questo è il punto.

Leggi anche:

Sul femminicidio: l’antiviolenza che fa da megafono istituzionale
One Billion Rising: le prostitute non ballano!
Le candidate alle elezioni che speculano sulla violenza sulle donne
A proposito del Violence Against Women Act USA
Gli appelli sul femminicidio: non in mio nome.
Istituzioni in difesa delle donne o apparati repressivi?
Femminicidio: in quanto etero, in quanto utero, in quanto italiane, in quanto mamme.
Antiviolenza: analisi antiautoritaria su stereotipi sessisti e ruoli di genere
Quel che è femminicidio
Per una comunicazione e una analisi antiviolenza in senso antiautoritario
Dell’obbligo di fare sesso nel matrimonio (la moglie è una puttana!)
Lo stupro, la negazione dei propri desideri e l’essere persona
Se si torna al femminile angelico e sacro (toccami!)
Mercificazione e speculazione sulla violenza sulle donne
La violenza economica è violenza di Stato
Violenza di genere: dove la mettiamo la questione di classe?
Violenza di genere: oltre i dogmi e i talebanismi
La violenza è maschile?
La lenta costruzione dello stereotipo
Lessico e semantica dominante (antiviolenza) del femminismo autoritario
Il corpo delle donne è delle donne
Se il femminismo non è più a partire da se’
Media e rappresentazione della violenza
Averne abbastanza del termine femminicidio
Quel che non è femminicidio

12 pensieri riguardo “Se il Femminicidio lo commette Lei”

  1. ciao,faccio la volontaria in un centro antiviolenza e volevo solo precisare che le immigrate e le prostitute sono accolte. Non è richiesto alcun documento di identità e non si fanno discriminazioni.

    1. Nel tuo centro? Quale? Di che genere? Perché so anch’io che in alcuni, pochi, si fa. Ne conosco dove non vengono accolte le persone “non residenti”, figuriamoci le immigrate senza permesso di soggiorno. E le prostitute finiscono sovente nei Cie (centri di identificazione ed espulsione) e non godono poi di tutta questa accoglienza nei centri e nelle case rifugio.

  2. Bellissimo articolo. sono pienamente d’accordo con te. e mi fa molto piacere che qualcuno scriva giustamente e coraggiosamente controcorrente,

  3. Concordo in pieno! A me poi ogni volta che aumentano le pene “sbotto e borbotto”, a che serve aumentare le pene? In certri casi poi siamo a livelli di tragdie famigliari che anche aumentare le pene non farebbe altro che produrre più vitime ancora. Ma queste sono leggi buone solo per la pancia del popolo, servono a poco e deteriorano uno stile di vita sempre più da regime e sempre meno aperto a soluzioni alternative( migliori). ci stiamo irrigidendo sempre più nelle nostre posizioni. L’ altro giorno hanno trovato in un supermercato un tizio che cercava di filmare i culi delle donne. Maldestro si è fatto scoprire, perquisizione in casa e saltano fuori altri video. A farla breve c’era pure chi gli avrebbe sparato, quando in fin dei conti non si parla di persona violenta( non ci vedo violenza o perlomeno sicuramente non fisica), ma solo di persone con problemi di relazione( e non solo con l’ altro sesso presumo). ovvio non si deve fare e se deve pagare che paghi, ma sinceramente, un tizio simile per me non deve stare troppo in galera mantenuto dalla comunità, semmai se mantenuto dev’essere che sia ricoverato e aiutato, almeno non uscirà criminale( e magari stupratore poi). E invece proporranno la castrazione chimica al prossimo stupro che farà scalpore per tutti quelli con problemi. Per prevenire ti dicono, ma la prevenzione, verrebbe da dire impedisce la vita. O perlomeno di prevenzione non si vive bene e rischia di non vivere e non capire affatto.
    E poi chiamano altri populisti. Tutte queste leggi vengono fatte solo per lo sotmaco delle piazze( ah ci fossero ancora) e ne pagheremo le conseguenze ancor più di adesso

  4. Poche volte, come in questo caso, ho avuto poco da aggiungere alla saggezza di quanto è stato significato in questo articolo. Se l’avessi scritto io, forse, avrei marcato ancora di più di quanto è stato detto sulla dimensione degli interessi economici delle caste che speculano su questo marketing. Ma il termine “Brand”, che credevo di aver coniato io, a proposito di Femminicidio, e che mi pregio di condividere con l’autrice, riassume comunque bene l’intero significato. Avrei voluto questa signora sul palco dei relatori di un Convegno a cui ho assistito l’8 marzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.