Malafemmina

Quanto costa il sesso?

La precarietà impone un calcolo approssimativo del costo che può avere una normale vita sessuale.

Non sto parlando in questo caso di compravendita di servizi sessuali ma di mezzi, strumenti, che sono indispensabili per svolgere un rapporto sessuale.

Per esempio: Wolf viene a casa mia e dato che io pago l’affitto per poter vivere in uno spazio mio diciamo che la spesa è un tutt’uno che compensa altre mie esigenze.

Allo stesso tempo però il sesso si svolge tra le mie lenzuola e siccome è sempre bene non porre limiti alla provvidenza non puoi stare lì a dire che quello si e quello no per non macchiare le lenzuola o per non consumare troppa carta igienica.

Perciò vediamo:

– lavaggio lenzuola;

– consumo detersivo (a me piace anche l’ammorbidente, lo so, non dovrei ma odio le lenzuola ruvide);

– consumo carta igienica.

Poi c’è il capitolo contraccezione e anche se prendi la pillola, che comunque costa un tot, è sempre bene non tirare al risparmio e fare uso di un buon preservativo per evitare sorprese e malattie trasmissibili.

Dunque:

– contraccettivi.

Se il partner è un soggetto attivo, di quelli che non strapiomba in un buco nero dopo il sesso, sicuramente si sentirà in diritto di avere accesso al tuo frigorifero e allora potrebbe fare largo uso di bevande, formaggio, pane, biscotti, succhi di frutta e altro. E dato che si presume sia anche una persona che tiene alla sua igiene è probabile che faccia una doccia.

Riassumendo:

– acqua;

– bagnoschiuma;

– asciugamano (da lavare);

– bevande;

– frutta, formaggi, pane, dolci, cibi.

Facendo un calcolo approssimativo possiamo dire che per quanto lui ti abbia accompagnata a casa e abbia speso un euro di benzina durante il tragitto c’è una spesa da suddividere che bisogna evidenziare.

Senza tenere conto di quelle volte in cui lui può avere bisogno di fare una telefonata usando il tuo credito.

Poi c’è il caso in cui lui non ha la macchina e sei tu che devi riaccompagnarlo a casa e c’è che si asciuga col tuo phon e si muove e si spera e immagina non lo faccia al buio. Usa i tuoi mezzi informatici se vuole vedere la posta o chattare mentre sta da te. Dunque riassumendo:

– benzina;

– elettricità;

– connessione.

Secondo voi è brutto dire ad un partner “portati tutto l’occorrente perché altrimenti non se ne parla“?

NB: Malafemmina, diario di una precaria qualunque, è un personaggio di pura invenzione e un progetto di comunicazione politica. Ogni riferimento a fatti, cose e persone è puramente casuale. 

13 pensieri su “Quanto costa il sesso?”

    1. la storia parla di una ragazza che ha più o meno 35 anni ed è possibile che incontri uomini che stanno ancora dalla mamma. certo che si. sai quanti precari non possono andarsene da casa perché non hanno il becco d’un quattrino? 🙂

      1. Ma non solo, anche uomini che pur potendoselo permettere rimangono in casa con i genitori in quella fascia d’età si trovano.
        Lo so perché uno è capitato a me.

  1. Almeno sul sesso non facciamo i taccagni.. il che ci vuole ci vuole. Io ho Pierre Paillard, in frigo da due anni.. che attende la giusta occasione.

  2. Capiterà anche che Lui porti da mangiare, poi calcola il risparmio di riscaldamento, in 2 a letto ci si riscalda. Mi pare che volendo esagerare la spesa non arriva a 10 euro. Considerato anche che se non fai quello magari uscirai, andrai al cinema o altro, può essere che alla fine non è una spesa ma un risparmio. Poi vuoi mettere l’impagabile vantaggio salutare, fare sesso migliora la salute.

  3. La connessione vale solo se paghi in base al traffico, se è a canone fisso è come l’affitto.

    Comunque sia, è una semplice questione contabile: dato il fine di andarci in pari, è sufficiente:
    * bilanciare le volte a casa propria con le volte a casa di qualcuno che la casa ce l’ha;
    * con un piccolissimo investimento di tempo e soldi (biglietti del bus, cose così) si possono recuperare depliant di simpatiche attività che la signora mamma può praticare all’esterno in modo da lasciare casa libera al giovine;
    * considera che l’investimento frutta anche in seguito, perché può tornare bene anche a far schiodare la mamma del prossimo giovine;
    * le mamme altrui sono una risorsa preziosa! Pensa solo ai prodotti da frigo e da forno che puoi farti regalare! Contabilizzando conserve, sformati, lasagne, e addirittura—per chi ama il vintage—abiti e accessori smessi, il bilancio si può spostare molto al di qua, in modo da poter adeguatamente bilanciare una quota di spese ben congrua.

    Malafemmina si porti sempre dietro un taccuino (da contabilizzare fra le spese), su cui segnare da una parte le spese (fra cui il suddetto taccuino), dall’altra gli eventuali benefit di cui sopra; di volta in volta, previa un’occhiata veloce al bilancio, si potrà decidere—in base a come butta, ossia se ultimamente si è più dato o più avuto—di cambiare partner e/o di trattare le condizioni, tipo: ok a casa mia, ma tu passi dal distributore e/o dalla rosticceria (o dal frigo di mammà).

  4. Mmmm.. forse un pochino sì (dirglielo, intendo). Però dai mettiamo in conto che se è un gentiluomo porterà un pensiero (cioccolatini, un buon vino da bere assieme… ) quindi queste voci vanno inserite nel “bilancio” 😉 Pierre Paillard è uno spumante?

    1. Ma no, invece la trovo interessante come analisi, solo che se ci si sta a pensare troppo secondo me succede come nel film American Beauty (la scena del divano…). Già oggi si è pigri negli approcci e nei corteggiamenti (faccio, come sempre, mea culpa in primis) se poi diventiamo ANCHE taccagni… non si combina più nulla!
      Questo non per sminuire il problema (sono una persona che si mantiene da sè e di questi tempi si arrabatta come tutti), ma un domani quelli che saranno abbastanza fortunati da arrivarci saranno vecchi comunque, che sia ricca o povera questa vecchiaia. Spero magari di invecchiare in povertà ma consolato dal ricordo delle trombate che mi son fatto finchè il sesso e la passione avevano ancora un senso nella mia vita… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.